Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"I clienti, non i concorrenti, decidono chi vince la guerra" - Philip Kotler


Gli adempimenti privacy per la tua attività
adv iusondemand

Salute

Bambini iperattivi: registro nazionale, centri autorizzati per la cura. Con anfetamine

Allarme rilanciato nel silenzio e nell'indifferenza
26.01.2007 - pag. 39946 print in pdf print on web

C

COMUNICATO STAMPA

EPILOGO DELLA CAMPAGNA DI MARKETING PSICHIATRICA: IL RITALIN NELLE  FARMACIE ITALIANE.

Nella giornata di ieri il direttore dell'AIFA, Nello Martini, ha  annunciato che la casa produttrice del Ritalin ha terminato le procedure  di registrazione e l'Agenzia Italiana del Farmaco si è impegnata a  pronunciarsi in merito entro la fine di febbraio.

Tutti i bambini sottoposti a terapia farmacologica per la sindrome da  deficit di attenzione e iperattività (ADHD), saranno iscritti nel  Registro Nazionale che dovrebbe garantire che i minori siano trattati in  appositi centri regionali che sono stati già individuati e  selezionati. Di questi centri autorizzati, dovrebbe essercene uno a  Regione ma chissà come nella sola Regione Veneto ve ne sono  addirittura 13 (http://www.aifa.it/veneto.htm).

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani da tempo sta lanciando  lallarme e sta cercando di fare breccia sul clichè così diffuso che  "in Italia queste cose non possano mai accadere". Intanto 30.000 bambini  sono già in cura psicofarmacologica (Ist. Mario Negri di Milano) e  questionari epidemiologici sono stati distribuiti e compilati nelle  scuole italiane (es. Progetto Prisma) ed altre iniziative similari  continuano tuttoggi.

Il Ritalin, è un'amfetamina, i suoi effetti possono essere paragonati a  quelli della cocaina, nonostante ciò viene somministrata a bambini,  nellillusione di correggere problemi comportamentali.

Riteniamo che non sia sufficiente la soluzione di utilizzare un registro  di controllo per monitorare lutilizzo di psicofarmaci per lADHD nei  bambini. Si tratta di una diagnosi che risulta a tuttoggi oscura e si  basa unicamente su questionari cui basta rispondere con un certo numero  di risposte affermative perchè il bambino sia etichettato.

Il nostro sistema di salute mentale ha il dovere di escludere ogni  possibilità di abuso, frode o morte che possano derivare dai  trattamenti psichiatrici o dalluso di potenti psicofarmaci sui bambini.  Dovrebbe invece promuove la ricerca di vere soluzioni, che peraltro  esistono, e proteggere il diritto inalienabile di essere educati senza  luso di psicofarmaci.

Se tuo figlio è stato sottoposto a questionari psicologici o  psichiatrici, test, valutazioni o programmi psicologici senza il tuo consenso, o conosci qualcuno che ha  subito danni in eguito a diagnosi e/o trattamenti psichiatrici contatta il:

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus
Tel.: 02 36510685
Email: linea.stampa@ccdu.org   =20
sito: www.ccdu.org - www.cchr.org

26.01.2007

Spataro

Email
Link: http://www.ccdu.org

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Salute - Indice:
1. Il confine tra eutanasia ed accanimento terapeutico
2. Privacy a scuola (e non solo): condannata la dirigente scolastica
3. Salute e mancata formazione del consenso informato - danni
4. Ernia parzialmente corretta, risarcimento danno
5. Ricerca piu' efficiente sugli embrioni
6. Alfie's law per un diritto alla vita
7. Alfie
8. Trasfusioni e vaccinazioni. Vietato parlarne in modo uguale.
9. E' legge: Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento
10. Vaccini fai da te: corse all'autovaccinazione naturale. Sito chiuso


Store:

    





"Nella storia abbiamo visto tante volte che un Paese, il bilancio non va bene: ‘Ma, facciamo una guerra’, e finisce lo sbilancio." - Papa Francesco

Visita lo Store On Demand


Internet Law - Procedura - Sportivo - Consulenze - Store