Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 
"Il piu' piccolo atto e' meglio della migliore intenzione" - John Burroughs


Sinistro Fantasma: come difendersi

9,90 €       download immediato

adv iusondemand

Tariffe

L'Oua sbaglia ad interpretare la sentenza della Corte di Giustizia

L'OUA sbaglia completamente la lettura de iure della sentenza della Corte Europea: "IL DIVIETO ITALIANO ASSOLUTO DI DEROGARE AI MINIMI TARIFFARI STABILITI PER GLI AVVOCATI COSTITUISCE UNA RESTRIZIONE DELLA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI".
06.12.2006 - pag. 39759 print in pdf print on web

A

Abbiamo la conferma da parte di esperti: l'OUA ha sbagliato la lettura della sentenza della Corte di Giustizia.

I minimi tariffari sono derogandi, e la sentenza spiega pure come.

Nella richiesta di ottenere una riserva anche sui servizi legali stragiudiziali ugualmente un boomerang: la Corte non dichiara riservati i servizi stragiudiziali agli avvocati.

A chi avesse dubbi raccomandiamo ancora una volta di leggere il comunicato stampa (oltre che la sentenza) della Corte, in direzione piu' che opposta a quello dell'Oua.

Anzi, a leggere l'intero comunicato, si criticano molti piu' aspetti dell'anomalia italiana: in particolare i giudici devono valutare nel concreto la qualita' del lavoro del professionista,

 

Eccolo:

... 

In Italia – in base ad una disposizione del 1933 – i compensi degli avvocati sono fissati sulla base di criteri determinati con una delibera del Consiglio nazionale forense e approvati dal
Ministro della giustizia, sentiti il Comitato interministeriale dei prezzi e il Consiglio di Stato. Tali criteri sono determinati in funzione del valore delle controversie, del grado dell'autorità adita e della durata dei procedimenti. Per ciascun atto o serie di atti la tariffa stabilisce un limite massimo e un limite minimo degli onorari. Ogni accordo in deroga agli onorari minimi stabiliti dalla tariffa per le prestazioni di avvocato è nullo.
È solo al momento della liquidazione degli onorari che l'autorità giudiziaria può eventualmente, con provvedimento motivato, superare il limite massimo (nei casi di importanza eccezionale) o determinare onorari inferiori al minimo (quando la causa risulta di facile trattazione).
Le norme sulla libera concorrenza
Sulla base di un esame approfondito della procedura di adozione della tariffa, la Corte conclude che è lo Stato italiano (e non l'ordine professionale) che detiene il potere decisionale relativamente ai minimi tariffari per gli onorari degli avvocati. Di conseguenza, non si può rimproverare all'Italia di imporre o favorire la conclusione di accordi contrastanti con le norme sulla libera concorrenza o di rafforzarne gli effetti, o di imporre o favorire abusi di posizione dominante o di rafforzarne gli effetti.
Le norme sulla libera prestazione dei servizi
Secondo la Corte, il divieto di derogare convenzionalmente agli onorari minimi rende effettivamente più difficile l'accesso degli avvocati stabiliti all'estero al mercato italiano dei servizi legali, privandoli della possibilità di effettuare, attraverso la richiesta di onorari inferiori a quelli tariffari, una concorrenza più efficace nei confronti degli avvocati stabiliti in modo permanente in Italia, limitando la scelta dei destinatari di tali servizi.
La Corte sottolinea, per contro, che gli obiettivi della tutela dei consumatori (destinatari dei servizi legali) e della buona amministrazione della giustizia possono essere ritenuti motivi imperativi di interesse pubblico in grado di giustificare una restrizione della libera prestazione dei servizi: ciò alla duplice condizione che il provvedimento nazionale sia adeguato a garantire la realizzazione dell'obiettivo perseguito e che non vada oltre quanto è necessario per raggiungerlo.
La Corte affida tale valutazione al giudice del rinvio, il quale, a tal fine, dovrà necessariamente prendere in considerazione alcuni elementi:
• se vi sia una relazione tra il livello degli onorari e la qualità delle prestazioni fornite dagli avvocati e se, in particolare, la determinazione di tali onorari minimi costituisca un provvedimento adeguato per il raggiungimento degli obiettivi della tutela dei consumatori e della buona amministrazione della giustizia. Per quanto concerne il mercato italiano, caratterizzato da un numero di avvocati estremamente elevato, la tariffa potrebbe consentire di evitare una concorrenza che possa tradursi nell’offerta di prestazioni al ribasso, con il rischio di un peggioramento della loro qualità.
• l’asimmetria informativa tra i «clienti-consumatori» e gli avvocati. Gli avvocati dispongono di un elevato livello di competenze tecniche che i consumatori non necessariamente possiedono, cosicché questi ultimi incontrano difficoltà per valutare la qualità dei servizi loro forniti.
• la possibilità di raggiungere in altro modo tali obiettivi, in particolare attraverso regole professionali relative agli avvocati (di organizzazione, di qualificazione, di deontologia, di controllo e di responsabilità).

06.12.2006

Spataro

Spataro
Link: http://curia.europa.eu/it/actu/communiques/cp06/af

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:





Tariffe - Indice:
1. L'obbligo di preventivo
2. Parcelle e decreti ingiuntivi: Senza preventivo c'e' un minimo tariffario ?
3. Sulla riduzione dei compensi dell'avvocato da parte del giudice
4. Cosa pensa il CNF della pubblicita' degli avvocati nella condanna dell'antitrust
5. Milano: Presentazione delle fatture elettroniche per il rimborso delle spese di giustizia
6. A Legal Model Business Designer
7. FNOMCeO: I medici difenderanno la propria autonomia
8. Auto d'epoca e truffe
9. Napoli: il Comune avvia la raccolta firme per un progetto di legge
10. Biella: AIGA, un brindisi per i nuovi parametri ?



eventi sponsorizzati:


Store:

    





"Nonno perché hai giocato? Non potevi comprarti una bicicletta e andare a passeggiare?" - un bimbo albanese ad un ex ludopata che ha perso tutto al gioco

Visita lo Store On Demand


Internet Law - Procedura - Sportivo - Consulenze - Store