Civile.it Civile.it
  comunicati@civile.it
 


Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand

Aborto

La sentenza sul mancato addebito per aborto non comunicato al coniuge *

Non e' cosi' come detto dai giornali.

Al link indicato il testo completo.

Qui di seguito alcuni aspetti di particolare attenzione

10.04.2006 - pag. 29567 print in pdf print on web

D

DOMANDE "moglie (che, dopo avere interrotto una gravidanza contro la volontà del marito, ebbe ad abbandonare la casa coniugale)" e "mentre parte resistente ne invocava l’addebitabilità al marito (che ebbe ad indurla ad abortire e, dopo l’abbandono concordato della casa coniugale da parte della moglie, mantenne plurime relazioni extra-coniugali)" e DIRITTO "In particolare, MA ha invocato il diritto alla paternità che, a suo dire, avrebbe imposto alla moglie “di tenere conto delle sue ragioni eventualmente contrarie”, dovendo in difetto “ritenersi illecito, nell’ambito del matrimonio, un ingiustificato rifiuto della donna a far partecipare il marito-padre alle procedure in cui essa è chiamata per ottenere la autorizzazione abortiva”" e "Dunque, la resistente ha esercitato in modo legittimo, indipendentemente dalle dinamiche relazionali e psicologiche interne al matrimonio, il proprio diritto di interruzione della gravidanza, dovendo il rispetto delle ragioni e delle procedure previste dalla legge n.194/1978 presumersi fino a prova contraria (in alcun modo offerta dal marito, che al riguardo si è limitato a sollecitare, a scopo inammissibilmente esplorativo, un ordine di esibizione della relativa documentazione medica)."


Condividi su Facebook

Segui le novità di Civile.it via Telegram oppure via email: (gratis Info privacy)

Tags:






Store:

    





"Anche un'auto ha i documenti, noi no. Facciamo sacrifici per lavorare, il lavoro che gli italiani non vogliono piu' fare. Ma ci pagano troppo poco" - migrante in baraccopoli




innovare l'informatica e il diritto