Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, 9324 documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario News alert    
             

  


WPkit.it: privacy, formulari, check up per WordPress

Temi attuali:
Algoritmi ChatGPT Intelligenza artificiale Privacy WordPress



Influencer 11.01.2024    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

L'AGCOM sbaglia

Agcom estende la responsabilità degli editori agli influencer. Sbaglia, per un solo motivo, semplicissimo.

Si noti che questo testo riguarda audio e video. Agcom lo estende anche a chi pubblica testi e foto.


Valentino Spataro

 

N

Non c'è uno al mondo, tra di 30 milioni di follower della Ferragni, che pensi che la sua presenza su Instagram non sia commerciale anche quando parla degli affari propri.

Il motivo della consultazione pubblica nata per il caso Ferragni, dopo i fatti di giugno sottovalutati dai più ma non da questo sito, è quindi inutile.

Vorrei piuttosto vedere le stesse parole usate per YouTube, TikTok, Facebook, Instagram, Twitter ... e cioè ogni volta che vi è una scelta non cronologia ma editoriale dei contenuti visibili agli utenti loggati.

Ritorna il prodotto editoriale, senza editore, solo per i big.

Questa caccia alle streghe, questo voler dare una lezione e dare l'esempio a tutti di come si applicano le regole, non mi piace.

Si doveva sanzionare singolarmente. Non bastava ?

Evidentemente non bastava, non basta, non basterà.

Ricordo ancora il racconto di un magistrato amico.

Raccontava come diede il minimo della pena ad un cliente di una discoteca che aveva insultato il buttafuori.

Ricordo perfettamente un amico di famiglia che commento': "Non è il suo mestiere prendersi gli insulti ?".

Il magistrato con 40 e rotti anni di esperienza, titubo'.

La presenza sui social non è ingannevole. Da qui a farli diventare editori, quando parlano di sè e dei prodotti che gli mandano da recensire, è veramente una forzatura.

Ciò non toglie che rispondono delle norme della comunicazione (pubblicità) ingannevole, così come l'IAP da anni applica, vanno rispettate.

Per tutti quelli che promuovono la propria persona, e con essa attività altrui. Che siano imprenditori, influencer o politici.

Più semplice invece creare nuove figure per omettere il controllo della comunicazione elettorale, per esempio.

Altro che contrasto alle fake news. C'è tutto da rimettere a sistema, applicando le leggi esistenti, senza stravolgerle con interpretazioni creative. Peraltro molti criteri sono validi e corretti. E' il metodo che non torna. Così come per il diritto d'autore su internet, per la cui competenza si è fatta una legge dopo anni che si affermava di averne la competenza.

1.000.000 di follower. Ridicolo disapplicare i principi corretti solo se hai 1.000.000 di follower. Sono regole che valgono per tutti. Si scrivano sentenze, non nuove regole.

Per esempio, quale politico ha più di 1.000.000 di follower e non è soggetto a queste regole ?

La comunicazione promozionale, di prodotti o elettorale non cambia nulla, deve essere trasparente.

Peccato. Un'altra occasione per applicare leggi uguali per tutti. O viceversa.

Manzoni grida.

E l'AGCOM vuole estendere il TUSMA (che si occupa di audio e video) anche a chi pubblica solo testi e foto, calcolando i follower sui social. Discutibilissimo. Anzi. Da discutere.

11.01.2024 Valentino Spataro



Influencer e content creator avvertiti: basta toni che esaltano danni alla salute
Curia e adv, riguarda anche gli Influencer: la pubblicità in proprio non e' come quella di altri
Influencer: coinvolta l'IAP - Digital Chart di IAP
Tutti d'accordo: influencer, non editori
Censimento obbligatorio degli Influencer: l'AGCOM obbliga all'iscrizione al ROC
Annuncio dell'Agcom sugli influencer - Testo linee guida e relazione e consultazione pubblica
198 Il Garante per l'infanzia per i minori: nonni e genitori come i bulli, controllo dei guadagni dei minori e un nuovo spid
Influencer
Influencer: promuovere hashtag e' pubblicità occulta - avvio di istruttoria
Ecommerce: YouTube invalida il Programma Partner YPP ai creator non piu' idonei.



Segui le novità in materia di Influencer su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)





dallo store:
visita lo store








Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.085