Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, 9216 documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario News alert    
             

  


WPkit.it: privacy, formulari, check up per WordPress

Temi attuali:
Algoritmi ChatGPT Intelligenza artificiale Privacy WordPress



Dizionario 22.04.2023    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

DAC7: cosa significa - dizionario

Il Platform Tax Transparency Act definisce l'obbligo di tracciamento e comunicazione per le piattaforme che portano clienti e pubblicità ai venditori


Valentino Spataro

Download or Play, List or RSS:

 

Indice generato dai software di IusOnDemand
su studi di legal design e analisi testuali e statistiche

D

DAC7 è l'ennesimo provvedimento per obbligare le piattaforme a tracciare i venditori comunicando al fisco le attività commerciali svolte.

Per Piattaforma si intende qualsiasi marketplace che non solo permette di vendere, ma anche porta utenti ai venditori.

Centrale la definizione: "Il termine piattaforma non include i software che, senza ulteriori interventi per l'esecuzione di un'attività pertinente, consentono esclusivamente una delle seguenti azioni:

  • 1)  il  trattamento   di   pagamenti   relativi   all'attività pertinente; 
  • 2) la catalogazione o la pubblicità di un'attività pertinente da parte degli utenti; 
  • 3) il reindirizzamento o il trasferimento di utenti  verso  una piattaforma; 

Detto questo sono esclusi tutti coloro che installano siti con Woocommerce, per intenderci. Piattaforma è da intendersi come marketplace, non necessariamente grande, ma veicolatore di clienti.

Chi sono quindi i destinatari della norma, le piattaforne ? In rete si indicano: Vinted, Ebay, Amazon, Airbnb, Booking, forse Shopify (promuove i venditori ?); potrebbero essere inclusi anche quelli che vendono usato.

Ma non vedo perchè non includere nell'elenco Google pay e Apple Pay con i loro marketplace di app.

Nei prossimi mesi ne saremo di piu', sono temi fiscali e ovviamente sono necessarie competenze specialistiche.

Il problema semmai è per tutti quei venditori che, ospitati sui marketplace, sperano di eludere il fisco, magari creando e cancellando rapidamente nuovi piccoli store.

Le piattaforme dovranno segnalarli o rimuovere gli account in caso di mancata collaborazione, ma non sono obbligati a richiedere e condividere con il fisco i dati dei venditori con meno di 30 transazioni e corrispettivi versati non superiori ai 2.000 euro.

Il tema è recente e sottovalutato. Non dimentichiamo che i centri commerciali (anche online) devono comunicare al fisco ogni compravendita per finalità di controllo.

Una mole di dati impressionante per evitare di chiedere questi dati ai gestori di carte di credito.

La definizione è qui di seguito:


DECRETO LEGISLATIVO 1 marzo 2023, n. 32 Attuazione della direttiva (UE) 2021/514 del Consiglio del  22  marzo
2021, recante  modifica  della  direttiva  2011/16/UE  relativa  alla cooperazione amministrativa nel settore fiscale. (23G00040)
(GU n.72 del 25-3-2023)  Vigente al: 26-3-2023  

Art. 2
 
                             Definizioni
 
  1. Ai fini del presente decreto, si intende per:
    a) «piattaforma»: qualsiasi  software  accessibile  agli  utenti,
compresi i siti web o parti di essi e le applicazioni, anche  mobili,
che consente ai venditori di essere collegati con altri  utenti  allo
scopo  di  svolgere,  direttamente  o  indirettamente,   un'attivita'
pertinente per tali utenti.  La  definizione  di  cui  alla  presente
lettera include qualsiasi accordo per la riscossione e  il  pagamento
di un corrispettivo in relazione all'attività pertinente. Il termine
piattaforma non include i software che,  senza  ulteriori  interventi
per   l'esecuzione    di    un'attivita'    pertinente,    consentono
esclusivamente una delle seguenti azioni:
      1)  il  trattamento   di   pagamenti   relativi   all'attivita'
pertinente;
      2) la catalogazione o la pubblicità di un'attività pertinente
da parte degli utenti;
      3) il reindirizzamento o il trasferimento di utenti  verso  una
piattaforma;

22.04.2023 Valentino Spataro



Social Media Manager
ARC - protocollo
Legal Product Management
Pareidolia
Violazioni minori
Reverse proxy
PECR
Pretexting
CSAM Detection
Decluttering



Segui le novità in materia di Dizionario su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)





dallo store:
visita lo store








Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.047