Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, 9320 documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario News alert    
             

  


WPkit.it: privacy, formulari, check up per WordPress

Temi attuali:
Algoritmi ChatGPT Intelligenza artificiale Privacy WordPress



Smart speaker 01.03.2021    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Conversational designer

Colui che progetta e mantiene una conversazione informatica con strumenti automatici per rispondere alle richieste umane.


Valentino Spataro

 

I

Il web 1.0 è documentale. Documenti, articoli, post, pagine; pdf, audio, video.

Il web 2.0 permette di esprimere opinioni su opinioni altrui.

Il web 4.0 è l'internet delle cose.

Il web conversazionale è quello che permette agli utenti di interrogare strumenti automatici per svolgere compiti, dare informazioni, giocare interagendo con una macchina.

Il punto centrale è che lo strumento mette in relazione una macchina con una persona. Esistono già ottimi gestionali per compiti specializzati, anche nel settore legale. Chi inizia ad usarli fatica a rinunciarvi perchè il feedback e l'apprendamento reciproco possono essere utilissimi.

Quali sono le competenze in questo settore ?

Informatiche, linguistische, copyrighter e strategiche. Molte softskill e molta capacità di monitorare per cambiare quanto progettato.

Le competenze di NLP e AI sono sicuramente utili per alcune conversazioni, così come saper gestire un servizio di chatbot richiede anche la conoscenza di linguaggio di impaginazione delle conversazioni, un html5 senza dubbio dinamico.

Le live chat, come i chat center, non sono necessariamente un esempio di web conversazionale se la conversazione è gestita da umani.

E' vero che vi è comunque una progettazione della conversazione mediata dalle macchine, ma probabilmente si chiama più interactive design, che si centra sulla forma e il contesto.

Il conversational design focalizza l'attenzione sui contenuti prodotti da una macchina in risposta ad un input umano.

Ottimo l'approfondimento di Mary Tomasso al link indicato.

Il conversational designer è colui che definisce una strategia e la adatta nel tempo. E' la figura che coordina gli informatici e i linguisti per conto dell'azienda che individua, con lo stratega, gli obiettivi.

Tipicamente gli obiettivi aziendali sono quelli di:

  • fornire informazioni
  • fare formazione
  • raccogliere interessi inespressi
  • rispondere all'innovazione del mercato
  • fondando nuovi progetti su metriche e non opinioni

L'adattamento e l'intuizione di nuove proposte comporta una apertura aziendale alle novità: la riduzione dei costi nell'assistenza, che si estende temporalmente, è pari o inferiore alla ricerca e innovazione che i nuovi dati permettono di tracciare con più sicurezza.

L'importante è che lo strumento venga proposto con un fine e appoggiato dal resto delle strutture, accorciando le catene di competenza.

Possono essere soluzioni rivolte a chiunque, oppure all'esterno dell'azienda o all'interno di essa.

Un aspetto tipico è che i tool conversazionale con memoria delle conversazioni possono agire di propria iniziativa per ricontattare quando utile persone con le quali si è conversato. L'utilità dipende dalla richieste o dall'aggiornamento delle informazioni già date, senza che la parte di marketing prevalga: non deve diventare pubblicità, che è solo comunicazione unilaterale. Deve restare un servizio di risposta ad personam.

Il contesto può anche essere mediato da strumenti hardware, come gli smart speaker o i robot.

01.03.2021 Valentino Spataro
Mary Tomasso


Google Assistant su smart phone e smart speaker.
Le linee guida sugli assistenti virtuali vocali di EDPB impattano tutto il web. Ecco come
Metti il guinzaglio allo smartphone e al tuo smart speaker
Skill (Alexa)
Smart speaker



Segui le novità in materia di Smart speaker su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)





dallo store:
visita lo store








Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.308