Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, 9216 documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario News alert    
             

  


WPkit.it: privacy, formulari, check up per WordPress

Temi attuali:
Algoritmi ChatGPT Intelligenza artificiale Privacy WordPress



Fake news 06.07.2020    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

La caccia all'untore parte da una mancanza di strategia per trattare i focolai

Manca una visione complessiva.


Valentino Spataro

 

L

La storia dell'imprendiro definito nuovo paziente zero che consapevolmente ha viaggiato all'estero per infettarsi, ha partecipato a matrimoni, a campus estivi, si è rifiutato di ricoverarsi, e ha continuato ad andare in giro, è l'ennesima balla.

Fake news.

Le peggiori sono quelle giornalistiche, che dovrebbero essere verificate.

Nome, cognome, azienda: tutti i dati di chi l'ha accompagnato al pronto soccorso, oltre che i dati personali propri, sono tutti sbattuti sui media e enfatizzati.

Tanto che la notizia sembra troppo perfetta per essere vera.

E timidamente arrivano alcune smentite, salvo poi aggiungere che comunque nella zona ci sono stati allarmi proprio in quei settori dove gli amici lavoravano anni prima.

Insomma, una montagna di immondizia.

Pensate se tutti avessero avuto la app.

Dati personali dei "vicini" protetti, ma avvisati. Come ? Sarebbe stato detto loro che il rischio era elevato e perche', senza svelare i dati del contagiato ?

Si sarebbe potuto dire che quel tal posto, a quell'ora, è stato un focolaio ad alto rischio ? No.

La app protegge i dati personali, e fa bene.

Ma quello che manca è un protocollo nazionale. Il Veneto, nel giro di poco sa tutto della persone, dei colleghi, dei luoghi frequentati, e riesce ad avvisare tutti per l'isolamento.

E' un successo. App o non app.

Continuo a sentire parlare male della app. E' stata fatta bene, se ne facciano una ragione. Che possa peggiorare, diventare anche uno strumento per gestire la cartella sanitaria, è stato escluso dal Garante Spagnolo espressamente, in Italia in forma generica ma chiara, nonostante gli accordi con la Protezione Civile. Possiamo anche (e dobbiamo) preoccuparci per i trattamenti organizzati da Gapple, o Facebook, Instagram, Google maps, questo si'.

Manca un modo di segnalare i focoloai sul territorio (la tal festa, la tal azienda): limitare i dati per provincia è ridicolo.

Per far funzionare tutto basterebbe ascoltare i medici di base e di primo intervento.

Teniamo duro. Le attuali soluzioni di compromesso sono eccellenti perchè nessun altro, prima di noi, è partito fattivamente, e ci stiamo riflettendo insieme tutti, terroristi della privacy compresi.

Ma ci vuole una visione semplice e chiara di come individuare i focolai subito. Basta principi e criteri, ora soluzioni.

Altrimenti le fake news, che prosperano sulle informazioni ab origine incomplete, metteranno all'untore altri italiani, cinesi o serbi che siano.

06.07.2020 Valentino Spataro



Ex factis oritur ius: il Papa sul giornalismo delle idee e della realtà
Plausibilità
Arrestato perche' generava notizie false di incidienti ferroviari
Baldoni, ACN: dimissioni tra Russi, Accenture e Michele Pinassi
OSINT
Rassegna sui fake
Disinformazione e contesto
Tra censura e propaganda ...
Ecommerce: come difendersi dalla recensioni false, con modello e guida - ebook
Graphicacity



Segui le novità in materia di Fake news su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)





dallo store:
visita lo store








Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.08