Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Concorrenza 07.11.2019    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Facebook ostacola alcuni e favorisce altri programmatori

Notizia bomba, che in fondo si conosceva.

 

Indice

  • I precedenti
  • La notizia
  • Sviluppare su Facebook
  • Twitter
  • Concorrenza
  • Conclusione
I

I precedenti

Pochi giorni fa e' circolata una notizia.

Facebook ha ottenuto da ICO di sanzionali ma non rivelare i contenuti di alcuni documenti.

Tempo fa in UK un dirigente di Facebook e' stato fermato per acquisire dei documenti.

In altri procedimenti Facebook chiede con molta apprensione di non rivelare contenuti.

La notizia

Leaked documents show Facebook leveraged user data to fight rivals and help friends

NBC News is releasing almost 7,000 pages of leaked documents showing how Facebook treated user data as a bargaining chip with external app developers.

C'e' ben poco da aggiungere, se non che alcune startup sono fallite perche' Facebook non avrebbe consentito loro di accedere

Sviluppare su Facebook

Da tempo sviluppo web app integrate con le api di Facebook. E' un mondo interessante per conoscere come hanno strutturato le relazioni tra le persone, e come catalogano gli eventi.

Il login di Facebook e' una delle attività piu' utili, soprattutto oggi. Avere un login con Facebook significa poter delegare a loro l'identificazione e la gestione delle credenziali di accesso. E' proprio il GDPR che rende queste procedure sempre piu' complesse.

Nell'ultimo anno Facebook ha cambiato troppe volte le api che uso e ha reso velocemente inaffidabili le vecchie versioni. In altri casi semplicemente ha introdotto nuovi vincoli, ricontrolli, limiti.

L'ultimo progetto che ho realizzato porta nelle mani dell'autore i contenuti postati su Facebook, qualcosa che Instagram non lascia fare, pur offrendo api per farlo, con token che vengono bloccati sistematicamente.

Si tratta di aggiornare i siti personali con i contenuti postati su una pagina Facebook. L'utente scrive su Facebook, il sito si aggiorna. Stop. Un servizio che ho visto realizzare pochi mesi dopo anche da altri operatori nel web, e che mi torna comodo per alcuni progetti anche internazionali ( legaldesign.it , emozionarte.it ) e per alcuni clienti.

Purtroppo ho già dovuto aggiornare alcune procedure per averle rese desuete. Di recente il tutto ha smesso di funzionare per poi riprendere.

Twitter

Prima di Facebook Twitter ha aperto le API, attirato gli sviluppatori, e poi disillusi con le stesse tecniche. Persi i programmatori, Twitter cresce piu' lentamente.

Anche sugli store stesse tecniche: pubblica la app, ma ricorda di aggiornarla spesso. Poi te la levo. Cosi' Apple.

Concorrenza

Il mondo dei blog era aperto, condiviso, senza una economia basata sul prendere il tempo dei lettori. Ce ne accorgiamo tutti dalle statistiche che tornano a salire mentre quelle di Facebook scendono.

Ma Facebook non e' da tempo un problema di privacy, quanto di posizione dominante.

Tanto da far impazzire tutti i governi che vogliono sapere quello che Facebook sa.

Conclusione

La privacy dovrebbe preoccuparsi di ogni posizione dominante, sia esso uno Stato come una multinazionale, considerando l'ipotesi che nell'utilizzo di dati di molte persone si possa nascondere in potenza un abuso domani.

Lo dimostrano le banche dati sanitarie vandalizzate, i dati dei pagamenti a fini fiscali, i tracciati sulle migrazioni e sulle opinioni politiche.

Pochi sanno troppo di troppi.

E il rischio di militarizzare i cittadini, di avere uno Stato di Polizia, di dittatura informatica, e' sempre piu' concreto.

Non c'e' privacy che tenga. Dovrebbero essere fortini militarizzati, altro che aziende e concorrenza.

Se vogliamo un web diffuso, dovremo usare sempre meno piattaforme esterne, ma soprattutto pagare per avere le nostre.

Tema impopolare.

07.11.2019 Spataro
Fonte: nbcnews




Segui le novità in materia di Concorrenza su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Concorrenza:


"Una persona che non abbia mai commesso un errore non ha mai cercato di fare qualcosa di nuovo" - Albert Einstein


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in