Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Dal 2016 i testi sono riservati agli abbonati, ma puoi seguire gratis la nostra newsletter

Dizionario 16.03.2017    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Watson

Una applicazione del "cognitive computing"

 

D

Da IBM:

"Watson è il nuovo supercomputer che prende il nome dal fondatore di IBM. È stato sviluppato da un team IBM deciso a vincere una grande sfida: costruire un sistema in grado di competere con la capacità, squisitamente umana, di rispondere con sicurezza, velocità e precisione a domande formulate in linguaggio naturale, cioè la lingua parlata, ricca di sfumature, modi di dire e metafore.

"Per Watson sono state sviluppate oltre 1.000 tecniche algoritmiche per la raccolta e la valutazione di dati strutturati e non."

Cosa sa fare ? 

Diciamo che, come tutte le soluzioni di smart computing, impara per step a elaborare i dati forniti (strutturati o meno) in funzione dei risultati richiesti.

Voglio sapere quanto spesso ci si ammala in Italia ? Pago Watson per analizzare i dati storici e presenti a sua disposizione per valutare il passato e predire il futuro, verificando le predizioni.

Qualche giorno fa (oggi 16.2.2017) e' uscita la notizia che IBM nella sede dell'EXPO avrebbe avuto in regalo i dati sanitari degli italiani. La notizia data cosi' non e' notizia. Watson a Milano si occupera' di dati sanitari europei. Che poi ci siano sempre piu' furti di dati sanitari, genetici e altro non e' certo legabile a IBM ma ad un trend diffuso mondiale che analizza questi dati sempre piu' interessanti.

La normativa sulla privacy in Italia e' molto rigorosa, creando gia' situazioni abnormi la' dove non dovrebbero esserlo, e rivelando invece situazioni sbagliate finalmente sanzionabili.

Gli avvocati hanno il dovere di riservatezza. Tanto basta, ed e' ben superiore alle regole della privacy che sono utili per specificare i comportamenti pratici di rispetto di quella riservatezza.

Per i medici dovrebbe essere lo stesso.

Ma solo un ingenuo puo' pensare che le regole attuali possano bastare.

Se, e ipotizziamo se, qualcuno cedesse a qualcun altro dati personali anonimi, gia' frutto di elaborazione e non attribuibili a nessuno, il contratto sarebbe valido ? Si', se il contratto di raccolta fosse regolare.

Ma in questi contratti e' prevedibile una forma di spossessamente o di concessione in uso ? Esclusiva non esclusiva ?

Il problema e' sulla sostanziale esclusivita' della cessione di questi dati ad un soggetto, e non ad altri. Come autorizzare il migliore laboratorio del mondo ad analizzare i dati, e lasciare le briciole agli altri laboratori ordinari.

Ecco, questo e' quello che si sta ripresentando nell'internet detta 4.0: delle centrali di raccolta di dati interessanti anche ad altri soggetti che stanno facendo di queste posizioni dominanti un vantaggio competitivo tale da fermare ogni sviluppo diffuso di altri operatori capaci nel settore.

Possibile che tutto debba svilupparsi nell'ottica della sicurezza gestita da pochi, invece che nella partecipazione diffusa ? Penso al modello Wikipedia: tutto gratis, tutto condiviso, tutto controllato da tutti.

I nostri dati potranno essere analizzati solo da qualcuno sulla base di un contratto, o chiunque potra' vederli come opendata ?

Gli sviluppatori, prima dei politici e della gente, sta gia' rispondendo: preferirei regalare a tutti i miei dati, in creative commons o gpl per esempio, piuttosto che autorizzare qualcuno e solo lui ad usare i miei dati.

Qui ci dobbiamo chiedere: il senso di Nazione e' cosi' scomparso da attribuire a privati sempre piu' quote di archivi nazionali importanti ? Sembra che gli unici database importanti siano il catasto e quelli fiscali (compresa la nascita e la carta d'identita').

E su tutti gli altri dati sembra che siano solo di chi ha la licenza ad usarli. Gli Open Data fanno ancora poco, cosi' come sono, da soli.


Vuoi saperne di piu' ? Richiedi il preventivo per una .


Ricevi gli aggiornamenti su Watson, Dizionario e gli altri post del sito:

Newsletter: (gratis Info privacy)

Spataro : spataro
16.03.2017 Spataro



dallo store:
visita lo store

altro su Dizionario:


"Preferisco che sbagliate rischiando, piuttosto che essere inutili replicanti che nessuno ascolta" - Mons. Nunzio Galantino


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in