Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Dal 2016 i testi sono riservati agli abbonati, ma puoi seguire gratis la nostra newsletter

Dizionario 17.06.2017    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Blockchain

Dati distribuiti

Download or Play, List or RSS:

 

Indice

  • In breve e' un database distribuito, con
  • SMART CONTRACTS
  • GIT
  • Perche', in fin dei conti, e' un formato
A

A distanza di 5 mesi aggiorno questa definizione, ora piu' chiara.

Il tema non e' nuovo. Nasce nel 2014 come la piu' importante rivoluzione dopo internet, nel 2015 iniziano studi e rapporti, successivamente si approfondiscono i benefici.

Tutti concordano nel dire che la blockchain, nata nel mondo Bitcoin, e' qualcosa di molto piu' ampio.

In breve e' un database distribuito, con solide basi di certificazione di integrita', fornite dalla rete.

Per chi conosce le tecnologie essa e' composta di varie tecniche gia' conosciute:


PGP: permetteva identificazione sulla base della fiducia che gli altri danno alle chiavi scambiate. Chiavi scambiate fisicamente di persona: fiducia 99%. Chiavi scambiate con sconosciuti: fiducia 1%, per semplificare.

CLOUD: la possibilita' di avere database distribuiti in rete, o in cloud, replicati su altre macchine in modo che di ogni modifica, aggiunta, cancellazione resti traccia in tutta la catena e in tutte le macchine "sincronizzate". Se volete, il P2P peer to peer nei database.

BOT: strumenti per eseguire operazioni automatiche al verificarsi delle condizioni definite

SMART CONTRACTS: la possibilita' di concludere o eseguire (o preparare) contratti sulla base di regole predefinite.

GIT: sulla tracciabilita' delle versioni e delle modifiche.


La blockchain mette insieme tutte queste tecnologie.

Si adatta quindi benissimo a gruppi omogenei con interessi comuni. Tipicamente le assicurazioni di rischi internazionali che hanno standardizzato le prassi (le policies) di gestione di tali rischi.

Perche', in fin dei conti, e' un formato standard che viene creato dagli interessati, ma garantito da una tecnologia che vuole che ogni inserimento dei dati standardizzati sia imputabile, non modificabile, tracciabile e verificabile nel tempo e su qualsiasi struttura informatica che aderisca alla blockchain.

Niente che non si possa fare con un solo server e un contratto tra i partecipanti, naturalmente. Tuttavia in questo caso la struttura e' molto piu' resistente a richi di sicurezza. Una vera e propria cloud di formati, software, hardware, connessioni, tracciamenti e autenticazioni, e attivita'.

Naturalmente questo non esclude l'attivita' degli agenti e intermediari. Offre loro una modalita' di offrire prodotti piu' rapidi da gestire, distribuendo i costi della piattaforma tra tutti i consociati.

Sembra che sia stata adottata, internamente, da alcuni studi legali internazionali per gestire la documentazione interna, dopo un annuncio che avrebbe cambiato i servizi offerti ai clienti finali.

Materiali utili:

Il tema aperto e' quindi il consenso privacy, che andra' raccolto obbligatoriamente per la redistribuzione tra tutti i server aderenti. Il trattamento della profilazione potra' essere centralizzato dalla struttura dei consociati, salvo ottenere consensi locali per profilazioni locali da parte del singolo consociato.

Versione precedente del 5.1.2017

Mi trovo in difficolta' a spiegare una tecnoloogia che faccio fatica a verificare anche nella teoria.

Si tratta di un modo per salvare dati in modo distribuito, a blocchi, collegati tra di loro, dal piu' recente al piu' vecchio.

E' alla base dei Bitcoin, permettendo di trasferire dati che devono essere bitcoin: quindi nessuno si deve creare i propri soldi dal nulla.

Dietro a questo termine ora si cerca di creare una tecnologia applicabile anche all'internet delle cose. E tutti penseranno a Skynet di Terminator, a ragione.

Per evitare incomprensioni in questa definizione, blockchain e' il modo distribuito di salvare dati certificati. Non software.

Diciamo che e' una evoluzione del P2P, con in piu' una qualche certificazione dei dati.

Per il resto spero che qualche lettore mi illumini.




Vuoi un approfondimento ? all'autore.


Ricevi gli aggiornamenti su Blockchain, Dizionario e gli altri post del sito:

Newsletter: (gratis Info privacy)

Spataro : Spataro
17.06.2017 Spataro



dallo store:
visita lo store

altro su Dizionario:


"Per tutti i cambiamenti importanti dobbiamo intraprendere un salto nel buio" - W.James


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in