Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

  


Sinistro Fantasma: come difendersi

9,90 €       download immediato

adv iusondemand
Software 09.06.2016    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Quanto vale un software ? Quanto puo' costare ?

Se lo chiedono in molti. Alcuni hanno gia' provato a comparare i software, ma una valutazione assoluta sembra al momento mancare. IusOnDemand ha avviato uno studio.

 

Download Pdf

Indice

  • Siamo quindi di fronte ad un testo compa
  • Tuttavia IusOnDemand ha avviato uno stud
  • Brevetti
  • Rilasciato sotto la medesima licenza.
  • BSD si avvicina invece al concetto di do
  • È una licenza a copyleft debole.
  • PHP è una licenza non copyleft
  • Non copyleft
N

Nella P.A. la scelta di un software rispetto ad altri acquista un valore strategico.

Nella Cina dell'innovazione sono molto attenti al funzionamento del sistema operativo e si vociferava, tempo fa, di un sistema operativo cinese originale per fugare dubbi di trasparenza o accesso dall'esterno.

La Circolare n. 63/2013 dell’Agenzia per l’Italia Digitale ha pubblicato le Linee guida per la valutazione comparativa ex art. 68 del d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82 - "Codice dell’Amministrazione Digitale".

Ecco l'art. 68:

"Le pubbliche amministrazioni acquisiscono programmi informatici o parti di essi nel rispetto dei princìpi di economicità e di efficienza, tutela degli investimenti, riuso e neutralità tecnologica, a seguito di una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra le seguenti soluzioni disponibili sul mercato:

a) software sviluppato per conto della pubblica amministrazione;

b) riutilizzo di software o parti di esso sviluppati per conto della pubblica amministrazione;

c) software libero o a codice sorgente aperto;

d) software fruibile in modalità cloud computing;

e) software di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d’uso;

f) software combinazione delle precedenti soluzioni."

Che ovviamente non dice nulla di immediatamente utile.

In 70 pagine di circolare troviamo tanti notevoli spunti, tra i quali la comparazione tra software commerciale e software aperto o libero.

Siamo quindi di fronte ad un testo comparativo. Ma la valutazione assoluta di un software non trova criteri, metodi ne' protocolli comuni.

Tuttavia IusOnDemand ha avviato uno studio in materia e il tema verra' trattato ancora su queste pagine.

Nella circolare, dalla pagina 27 in avanti. ci sono tuttavia utili spunti.

Una parte mi preme riportare dalla circolare: l'analisi di alcune licenze diffuse:

4.1.3  Alcune tra le più diffuse tipologie di licenze di software libero e open source
Si elencano di seguito alcune delle più diffuse licenze di software libero e open source.


Licenza Gnu GPL
La GNU GPL (General Public License) è la prima licenza che ha previsto il copyleft ed è ancora oggi la
più diffusa. Si caratterizza per i seguenti aspetti:
-  garantisce libertà agli utenti di utilizzare, modificare e condividere il software concesso con
licenza GPL;
protegge gli autori di un software dai danni provocati dalle modifiche di altri sullo stesso
software;
-  non vi sono garanzie per i programmi coperti da licenza GPL;
-  contiene clausole utili a proteggere il software dalla minaccia dei brevetti, al fine di evitare che le
modifiche apportate al software sorgente possano poi consentire di creare diritti di brevetto sul
software medesimo.


Licenza GNU LGPL
La GNU LGPL (Lesser General Public License) è una licenza libera protettiva (copyleft) che, a
differenza della licenza GNU GPL, non richiede che eventuale software "linkato" al programma sia
rilasciato sotto la medesima licenza. Per questo viene definita “a copyleft debole” (weak copyleft). E’
stata utilizzata per le librerie, e costituisce un compromesso tra la GNU General Public License e
altre licenze meno restrittive (non-copyleft) quali la Licenza BSD, la Licenza X11 e la Licenza
Apache.


Licenza BSD originaria e modificata
La licenza BSD (Berkeley Software Distribution) è una licenza software permissiva. Garantisce le
quattro libertà fondamentali di cui al precedente paragrafo 4.1.2, e perciò si qualifica come licenza
per il software libero. A differenza della GPL, però, non è basata sul permesso d'autore: chi modifica
un programma coperto da licenza BSD lo può quindi distribuire sotto qualunque licenza, anche
proprietaria e in forma non aperta.
La GPL riflette l'idea della cooperazione: chi dispone di certe libertà non può limitarle per altri. La
BSD si avvicina invece al concetto di dono liberale, non imponendo alcuna restrizione a chi riceve il
software, ossia rinunciando a proteggere perpetuamente le libertà dei programmi.


Licenza MPL
La MPL (Mozilla Public License) contiene alcuni aspetti di una licenza BSD modificata e alcuni aspetti
della GNU General Public License.
La MPL è stata nata per disciplinare l’uso dei prodotti Firefox, Thunderbird e altri prodotti software
realizzati dalla Mozilla Foundation, anche se è utilizzabile liberamente per tutelare qualsiasi software
open source. È una licenza a copyleft debole.


Licenza PHP
E’ una licenza software ideata dal PHP Group, tramite la quale viene rilasciato in licenza d’uso il
linguaggio di programmazione PHP. La licenza PHP è una licenza non copyleft (in accordo con la Free
Software Foundation) e open source. La licenza PHP risulta non compatibile con la licenza GPL in
considerazione dei termini d’uso che la medesima prevede.


Licenza Apache
E’ una licenza di software libero non copyleft ideata dalla Apache Software Foundation (ASF)

09.06.2016 Spataro
Fonte: agid

Download Pdf



Segui le novità in materia di Software su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Software:


"Le anime affini si salutano giÓ da lontano" - A. Schopenhauer


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in