Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario News alert    
             

  


Dizionario 07.06.2016    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Store: cosa significa - dizionario

Cosa era e cosa e' uno store oggi ? Dietro ad un termine di moda una rivoluzione culturale
Spataro

 

P

Pensate l'epoca del C64 e dell'MSDOS.

Il basic era alla portata di tutti e spiegato nei manuali cartacei a corredo dei computer.

Si invogliava tutti ad imparare a programmare per sviluppare nuove soluzioni.

All'epoca i programmi giravano per passa parola. Era il tempo dello shareware, condividi gratis e paghi se trovi utile.

Poi dalla command line, la shell diremmo oggi, si è passati ad una interfaccia grafica.

La nuova interfaccia a finestre offriva l'elenco di software disponibili e installati. Comodo.

Sotto linux a lungo i software bisognava ricordarseli, e lanciarli a mano.

Finchè l'interfaccia utente ha voluto mostrare i programmi ma non come windows. Sotto linux i programmi venivano elencati per categoria.

Ufficio, sistema, grafica, impostazioni, accessori ...

Fu il primo catalogo di software. Fino a quel momento il software girava per passaparola o tramite i grandi portali dsitributori di software, cnet fra tutti.

Poi avvenne qualcosa.

Arrivò ipod e poi android. Apple aveva l'esperienza fallimentare del precedente telefono, e del mac che tutti cercavano di copiare.

Quindi Apple, proponendo ipod, propose anche una soluzione che legava gli sviluppatori a Apple. Un linguaggio dedicato, un contratto, e una opportunita': lo store di app, dopo lo store di musica che fu Itunes, prima software per desktop, poi anche per ipod.

Insomma: lo store di musica è stato un esempio di come una distribuzione commerciale ben organizzata può essere redditizia.

Il modello fu esportato e applicato alle app mobile.

Dopo di esse anche a Osx.

Android offre invece molti store anche se, in definitiva, quello di Google, Play Store, resta il principale per via dei contratti con i fornitori di hardware che devono privilegiare i software di Google se non vogliono  avere prodotti con un sistema operativo con caratteristiche inferiori.

Nel frattempo Windows 8 cominciava a lanciare messaggi allarmanti a tutti coloro che scaricavano software non firmato dal web. Solo il software firmato poteva essere più sicuro, una dichiarazione discutibile.

Ubuntu invece inizia a sfruttare il proprio store raccogliendo le ricerche. Ogni termine cercato, anche di files locali, viene condiviso con ubuntu e amazon per proporre prodotti correlati, abbandonando l'interfaccia utente sviluppata dalla community per preferirne una proprietaria. Gnome e KDE resteranno, ma sempre meno e solo per appassionati. Linux Mint offrì una soluzione recuperando le soluzioni della community, diventando a lungo la preferita a Ubuntu.

Poi Windows 10. Il software potrà essere installato (Si dice) solo passando dallo store di Microsoft.

Oggi gli store sono tipicamente quelli dei dispositivi mobili.

Ma quanta strada si è fatta dai primi tempi ?

Certo: il vantaggio è avere software sempre aggiornato e in qualche modo controllato formalmente.

Ma la piaga dei virus e delle porte aperte per controlli non si è mai esaurita.

Sta di fatto che installare software ottimo ma poco conosciuto, non distribuito dagli store, diventa sempre più sconsigliato dai sistemi operativi e meno utilizzato dagli utenti che trovano tutto sul web.

Il termine store riguarda anche ogni attività di ecommerce.

07.06.2016 Spataro



Voto elettronico
Gatekeeper
App smashing
Dizionario di internet- 18 anni 1740 voci 5.000.000 di consultazioni
Metaverso
Phygital
Graphicacity
Metrologia legale
Doxing
Alfabetizzazioni informatica



Segui le novità in materia di Dizionario su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)


Dossier:



dallo store:
visita lo store






Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.021