Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

  


Gli adempimenti privacy per la tua attività
adv iusondemand
Dizionario 01.01.2016    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Fattura elettronica: cosa significa - dizionario

Puo' essere spedita in pdf, se concordato tra le parti alla conclusione del contratto (ad esempio nelle condizioni generali).

 

Indice

  • Fattura tradizionale
  • Elettronica
  • Fattura PA
  • Registro corrispettivi
  • d.Lgs. 42 del 2015
  • D.M. Finanze attuativo del 27 ottobre 20
  • Consumatore
L

La fattura tradizionale puo' essere spedita in pdf, ma solo se lo prevedono le condizioni generali.

Questa fattura pero' non e' sostitutiva del cartaceo che deve esserci sempre. La fattura elettronica e' quella che sostituisce il cartaceo, molto piu' complessa.

Esiste poi una terza forma di fattura, la fattura PA per tutti i pagamenti della P.A., in formato xml.

Ma torniamo alle fatture tradizionali, magari spedite in pdf.

In caso di ecommerce le incombenze fiscali sono di due tipi: fatturazione o registro corrispettivi. Se ne occupa la risoluzione n. 274/E del 2009 dell’Agenzia delle Entrate.

Ai fini Iva, l'ecommerce indiretto non richiede la fattura (se non richiesta dal cliente non oltre il momento di effettuazione dell’operazione), come previsto dall’articolo 22 del d.P.R. n. 633 del 1972, né all’obbligo di certificazione mediante emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale ai sensi dell’articolo 2, lettera oo), del d.P.R. 21 dicembre 1996, n. 696.

Richiede pero' di tenere il registro dei corrispettivi.

Molti affermano che: "Il d.Lgs. 42 del 2015 con l'art. 7 ha esonerato l’obbligo di emissione della fattura per i servizi elettronici eseguiti nei confronti di privati.". In realta' prevede anche un decreto attuativo per regolare il registro dei corrispettivi.

Il successivo D.M. Finanze attuativo del 27 ottobre 2015, in GU n. 263 dell’11 novembre 2015, il Ministero dell’Economia e delle finanze ha disposto l’esonero dalla certificazione dei corrispettivi per i servizi di commercio elettronico diretto, resi nei confronti di “privati consumatori” italiani.

Quindi non si comprende perche' moltissimi siti (eccetto questo) dicano che oggi non e' necessaria la fattura ma e' ancora dovuto tenere il registro dei corrispettivi, senza fare le dovute distinzioni.

Quindi oggi (7.4.2016) non e' necessario tenere ne' fattura ne' registro dei corrispettivi (tutto passa tramite banca, quindi non e' possibile l'evasione). La fattura e' obbligatoria se lo richiede il consumatore o, se il cliente e' impresa (sempre, ma deve dichiarare di essere impresa), se la vendita riguarda un cliente italiano. Se il cliente e' europeo e' necessario tenere ancora il registro dei corrispettivi se e come prescritto da ogni nazione, perche' ora si applicano le regole del destinatario sia ai fini della quantificazione dell'IVA sia per gli obblighi contabili. Al link indicato l'utile tabella

Norme:

  • D.Lgs. 114/1998, integrato e modificato da D.Lgs. 59/2010
  • R.M. 5.11.2009, n. 274/E
  • D.Lgs. 42 del 2015 (art. 7)
  • D.M. del 27 ottobre 2015 Min Finanze

Circolari:

 

01.01.2016 Spataro
Fonte:




Segui le novità in materia di Dizionario su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Dizionario:


"Se vuoi andare veloce, vai da solo, ma se vuoi andare lontano, vai insieme." - proverbio africano


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in