Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Tecnopraticanti 28.11.2014    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

TecnoPraticanti: la posta pop3 o imap ?

-

 

Indice

  • QUANTO PESA UN SERVIZIO DI POSTA ?
  • LOTTA ALLO SPAM
  • IMAP O POP3 ?
  • POSTA PROPRIA O PRESSO TERZI ?
  • LA FIRMA
  • INOLTRO AUTOMATICO
T

Tra i giovanissimi una domanda si diffonde: ma perche' tutti vogliono l'email ? Mi basta whatsapp ...

Noi invece siamo riusciti a costruire un mondo attorno all'email. Pur essendo utilizzatissima, pochi ne parlano.

 

QUANTO PESA UN SERVIZIO DI POSTA ?

Per il gestore di un server la posta e' l'incubo. E' un servizio che divora cpu ed e' pesantissimo, anche se non tiene i messaggi di passaggio. Figurarsi quando li tiene, e cioe' quasi sempre.

Pur essendoci programmi fantastici in giro, il difficile e' sempre dietro l'angolo. Hmailserver per windows e' open source e gratuito e, provandolo, vi installerete un server di posta che puo' ricevere da voi i vostri messaggi e spedirli.

Praticamente quando configurate outlook o meglio thunderbird dovete indicare il nome del server pop o imap.

Al posto di indicare quello consigliato dal gestore potete mettere l'ip del vostro pc con hmailserver installato. E su hmailserver dire che la posta verra' inviata con i parametri indicati dal vostro gestore.

Invece di mandare da voi al gestore, mandate ad hmailserver che manda al gestore.

Perche' farlo ? Di solito non serve, infatti. Ma negli studi puo' essere utile per avere una copia di tutti i messaggi in uscita, ad esempio. Un archivio gia' pronto perche' hmailserver usa un database interno ma anche uno esterno. Potreste quindi avere tutte le email in uscita catalogate e facili da ricercare. Basta volersi organizzare e chiamare un esperto :)

E il tutto resterebbe sul vostro computer.

 

LOTTA ALLO SPAM

Prima ancora di parlare di pop e imap aggiungiamo SPAM ASSASSIN. Ottimo programma per windows per la lotta allo spam.

Lo so: la fa gia' il vostro gestore. Male, dico io. Perche' lui fermera' anche posta che non ha problemi, e ve lo dico per esperienza. E tanta ne ferma. Ma a voi non arrivera' mai.

Thunderbird anche lui controlla lo spam, ma non e' tanto bravino, diciamocelo. Ne lascia passare una marea.

Una via di mezzo e' spam assasin. Installato, cambia le configurazioni di outlook o thunderbird, in modo che quando volete leggere la posta, la richiesta viene inviata dal vostro programma a spam assasin, che poi la gira al server del vostro gestore.

Perche' tanta fatica ?

Perche' il software e' bravo a trovare lo spam. Tanto. Qualche volte sbaglia, quindi una volta a settimana date una occhiata alle email che sono state fermate. Se sono amici, tasto destro e flaggatele come amici. Le riceverete sempre. Se e' posta antipatica, potete bloccarla con altrettanta semplicita'.

Insomma: mai vi arrivera' qualcosa che non volete, e dai vostri amici riceverete sempre la posta.

E il tutto sul vostro pc. Ogni tot giorni l'anti spam cancella le email di spam ricevute e non approvate. Quindi si pulisce da solo. MEglio che controllate. Potete anche mettere in trust (in amicizia:) interi domini, non solo le email degli amici.

 

IMAP O POP3 ?

La posta viene ricevuta da un server. Quando avviate il client, la posta viene scaricata da quel server e (se non configurate male il vostro client) dopo qualche giorno cancellate dal server.

Questo con lo standard POP

Se invece usate IMAP le email restano tutte sul server che riceve la posta. Ovviamente ha dei limiti fisici, quindi non crediate che sia onnipotente.

Il problema diventa reale quando decidete di spostare il vostro dominio, e la posta e' collegata. Se e' imap, la perdete tutta.

Si'.

A meno che non la recuperate accedendo dal web, se c'e' un pannello di accesso dal web.

Google consiglia imap. Sapete perche' ? Perche' cosi' siete sempre collegati e identificati con i loro server, e quando girate sul web, loro sanno cosa vedete perche' siete identificati con l'altra connessione. Semplice no ?

Per noi mortali imap viene spesso consigliato insieme ad altri servizi di calendario.

Il fatto di non avere la posta sul nostro computer mi mette ansia. Io adoro scaricarla almeno da due pc. Uno dei due va prima o poi in pensione, e avere le email piu' importanti altrove e' sempre utile.

Un consiglio: una email e' importante ? Trascinatela (o salvatela) in una cartella "email importanti".

Cascasse il mondo quel file sara' sempre con voi, in qualsiasi cartella l'abbiate memorizzato. E' un file di testo e lo potrete leggere sempre senza fatica.

 

POSTA PROPRIA O PRESSO TERZI ?

Avere la posta sul proprio dominio o su gmail, libero, tiscali, hotmail ? ...

Se lavorate, usate quella del vostro dominio. E fatela facile da dire a voce.

La posta per i dipendenti poi dovrebbe essere data sempre corredata da adeguata policy. Ma questo e' un altro mondo...

Pero' se date la vostra email sapranno anche che avete un sito e curioseranno. Non perdete l'occasione di farvi conoscere.

Poi i servizi gratuiti sono concessi in forma di precario. Cercate sotto comodato d'uso e guardate le regole del precario: possono toglierlo in ogni momento.

Volete rischiare ?

A parte il fatto che, giustamente, alcune aziende vietano di usare email pubblica. A volte persino di usare l'email.

La riservatezza professionale passa anche dalle email. Se dropbox e' pericoloso, figuriamoci le email ... Ma non ne possiamo fare  a meno. Quindi dobbiamo aspettare che i servizi sicuri si affermino e si possano pagare.

Diversamente ... le email sono testi, ricordatelo. Chiunque le distribuisce puo' anche leggervele.

A proposito: come fa spam assassin a dare come report: "abbiamo trovato xxx email identiche" ? Ma come fanno a saperlo ? E' un non segreto, in effetti ...

 

LA FIRMA

Non dimenticate di impostare la firma automatica nei vostri messaggi. Solo, per favore, non mettete lunghi disclaimer sull'errato invio o sulla riservatezza. Sembrano diffide anche se state scrivendo ad un amico. Invece usate i vostri recapiti, tutti.

 

INOLTRO AUTOMATICO

Chiudo qui indicando il consiglio del secolo: configurate l'inoltro automatico. Cosi' la posta verra' inviata ANCHE ad un altro indirizzo di posta che, per esempio, potete leggere da telefonino.

Anche la pec: mettete l'inoltro automatico alla vostra posta normale.

Cosi', grazie alle regole sugli inoltri automatici, potrete leggere anche decine di email da una sola, senza impazzire.

 

Se vi interessano soluzion dedicate sulla posta elettronica, non esistate a contattarmi.

28.11.2014 Spataro
Fonte:




Segui le novità in materia di Tecnopraticanti su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Tecnopraticanti:


"La scienza il capitano, e la pratica sono i soldati." - Leonardo da Vinci


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in