Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Riforme 28.11.2013    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Algoritmi nelle leggi

Intuizione corretta, proposta sbagliata ma stimolante. "le Costituzioni e i Trattati dovranno parlare espressamente degli algoritmi, della loro trasparenza e dei criteri di funzionamento delle tecnologie, fissando paletti"

 

Indice

  • Datageddon: il futuro anteriore della pr
G

Guglielmo Troiano su Facebook mi fa scoprire un testo sul funzionamento del web e le leggi, Datageddon: il futuro anteriore della privacy.

Il mio commento: intuizione corretta, proposta sbagliata ma stimolante. "le Costituzioni e i Trattati dovranno parlare espressamente degli algoritmi, della loro trasparenza e dei criteri di funzionamento delle tecnologie, fissando paletti"

Si parte dall'idea che un algoritmo regola la vita delle persone, quindi dovrebbe essere rilevante per il diritto molto piu' di quello che e' oggi.

Leggo che a Andrea Trentini l'argomento interessa.

Vorrei proporre ad entrambi, e ai veri studiosi, uno spunto di riflessione sul quale sto lavorando da qualche anno.

Il punto e' decisamente avanzato. Provo a buttare dei colori sulla tela. Siete pronti ?

  • Nelle cose ci sara' sempre piu' internet, non solo chip. Quale rapporto avranno gli algoritmi locali e i trattamenti remoti ?
  • Nel diritto si imporranno regole sempre piu' complesse, difficili umanamente da capire, ma magari semplici per un elaboratore se si fosse chiari e precisi. Le leggi potrebbero essere applicate meglio.
  • Nella giurisprudenza ci vorra' sempre piu' uniformita' nell'elaborazione dei documenti, per divulgare meglio i principi e i criteri, non solo i percorsi che portano alla decisione. Si puo' informatizzare ?

Questi temi sono trattati anche a livello internazionale, e siamo ai primordi. Li ho gia' studiati e vedo che potremmo essere avanti in Italia, non tanto per l'adozione di Akoma Ntoso, ma per mille altre ragioni che vede concretamente.

Se avete voglia di costruire il diritto del domani incontriamoci, ma seriamente, non tanto per parlare di teoria. Qui si tratta di migliorare quello che ci circonda, e non richiede necessariamente un approccio istituzionale (in attesa che le istituzioni si accorgano che si potrebbe migliorare moltissimo).

Insomma, ci vuole uno sforzo per andare oltre le situazioni di miglioramento degli strumenti attuali per rivoluzionarli, mantenendo la tradizione delle soluzioni e delle competenze. Sarebbe bello.

Ma possiamo seriamente pensare che un algoritmo possa entrare dentro una legge ? No. Una formula matematica di calcolo di tasse naturlmente, ma scelte complesse dovranno restare discrezionali e rispettose dei diritti umani.

L'esperienza insegna che ogni soluzione tecnica, prevista per legge, diventa presto vecchia. Ci vuole uno sforzo maggiore: criteri chiari basati sull'interesse delle persone e sui loro diritti umani, prima di tutto, ormai violati da ogni legge. Poi concorrenza nel trovare gli algoritmi migliori. Concorrenza o cooperazione, a seconda di come la vediate.

28.11.2013 Spataro
Fonte: spataro




Segui le novità in materia di Riforme su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Riforme:


"Il mio cliente non ha alcuna fretta. Dio ha tutto il tempo del mondo" - Antoni Gaudý


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in