Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

  


Siae 26.09.2013    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Siae: il tormento borderau Siae

Riguarda solo le opere cadute in pubblico dominio.
Spataro

 

D

^ : 150%; margin-right:15;align^ : justify'>

Da qualche settimana ci si chiede se sia ancora in vigore.

Avevo fatto una ricerca, poi avevo deciso di lasciare perdere.

Vorrei mettere un punto fermo.

 

^ 1) il DECRETO-LEGGE 31 dicembre 1996, n. 669 art. 6 comma 4 stabilisce l'abrogazione degli artt. 175 e 175 lda relativi ai diritti demaniali per opere cadute in pubblico dominio (quelli relativi al borderau). Ecco il testo:

"4. Gli articoli 175 e 176 della legge 22 aprile 1941, n. 633, riguardanti l'imposizione di un diritto demaniale sugli incassi derivanti da rappresentazioni, esecuzioni e radiodiffusioni di opere di pubblico dominio, sono abrogati. PERIODO SOPPRESSO DALLA L. 28 FEBBRAIO 1997, N. 30."

 

^ 2) Normattiva aggiunge in maiuscolo: PERIODO SOPPRESSO DALLA L. 28 FEBBRAIO 1997, N. 30. Non è il modo standard per normattiva per segnare la soppressione di un comma.

 

^ 3) la L. 28 FEBBRAIO 1997, N. 30 di conversione del decreto legge 669, nel testo coordinato, indica il comma 4 come sopravvissuto.

In poche parole la legge di conversione prevedeva lo soppressione ^ dell'ultimo periodo (linguisticamente, da wikipedia^ : "Ogni periodo grammaticale termina con un segno di punteggiatura terminale"). Strana formula per abrogare il comma. Il testo consolidato online (non ufficiale) mantiene però il comma 4 con la conseguenza che gli artt. 175 1e 176 sono abrogati.

 

4) L'art.51 del regolamento a^ ttuativo della lda per alcuni è abrogato implicitamente, perchè regolamento di un articolo abrogato, per altri no.

L'art. 51 del regolamento prevede, in relazione all'art. 175:

"Chi dirige l'esecuzione di opere musicali di qualsiasi natura ha l'obbligo, anche ai fini del controllo sulle esecuzioni di opere soggette al pagamento del diritto demaniale, di redigere per iscritto, prima della esecuzione o immediatamente dopo, il programma di tutte le opere o dei brani staccati di opere musicali o delle brevi composizioni effettivamente eseguite o rappresentate e di consegnarlo o di trasmetterlo all'ufficio incaricato dell'esazione del diritto o a persona da tale ufficio incaricata, al più tardi entro il giorno successivo allo spettacolo o trattenimento.

Per quanto riguarda i programmi radiofonici, il termine di presentazione è determinato mediante
accordi fra l'ente esercente e l'ufficio incaricato della esazione del diritto demaniale.

Agli effetti del controllo sulle esecuzioni pubbliche delle opere suddette registrate sulle pellicole in
programmazione in spettacoli cinematografici, il produttore o il concessionario per le pellicole originariamente di produzione straniera, ha l'obbligo di comunicare all'ente incaricato dell'esazione del diritto, al momento della prima programmazione, l'elenco di ogni composizione musicale registrata sulla pellicola. Gli esercenti di spettacoli cinematografici hanno poi l'obbligo di comunicare al detto ente il programma con la semplice indicazione del titolo del film e della ditta produttrice o concessionaria."

 

5) Sui rapporti tra regi decreti e regolamenti^ : la legge per abrogare un regio decreto di natura regolamentare

 

6) pdl 3002 del 2007, mai discusso, si propone l'abrogazione dell'abrogazione dell'art 175^ :

"art. 34 comma 3^ :   3. Conseguentemente a quanto disposto dalla lettera c) del comma 2 del presente articolo, è reintrodotto il diritto demaniale sugli incassi derivanti da rappresentazioni, esecuzioni e radiodiffusioni di opere di pubblico dominio, previsto dagli articoli 175 e 176 della legge 22 aprile 1941, n. 633, e successive modificazioni, che riaquistano efficacia, a decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, nel testo vigente prima della data di entrata in vigore della legge 28 febbraio 1997, n. 30, di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 31 dicembre 1996, n. 669."

 

Il quale ultimo pdl 3002 non fa che confermare nel 2007 l'avvenuta abrogazione degli artt 175 e 176.

Per quanto riguarda le opere cadute in pubblico dominio.

 

26.09.2013 Spataro



La fine del monopolio SIAE per decreto d'urgenza e' costituzionale
SIAE: condannata per monopolio dall'AGCM
Enzo Mazza: Bollino e' solo degli italiani ed e' da medioevo
SoundReef alla Camera: noi abbiamo portato modernita'
CURIA e SIAE: Accordi privati, rimborso e esenzione dall'equo compenso. Testo integrale
Equo compenso per la copia privata alla UE
SoundReef: L'Europa ha imposto alle collecting societies di rispettare le licenze creative commons
Rummo: confini tra diritto d'autore e brevetto
Tribunale di Milano: Soundreef e' legittima alternativa alla Siae
Copia privata: Dday fa i conti alla Siae. Poveri autori ... !



Segui le novità in materia di Siae su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)


Dossier:



dallo store:
visita lo store






Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand




Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 1.001