Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

  


Sinistro Fantasma: come difendersi

9,90 €       download immediato

adv iusondemand
Riflessioni 27.06.2013    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Accendere un computer, nel 1984.

La natura dei computer ed il motivo per il quale li usiamo ...

 

S

Sembrera' impossibile, ma nel 1984 c'erano gia' i computer. Si chiamavano sinclair, olivetti, commodore, ibm, apple ... e cosi' via.

Quando li accendevamo, cosa ci facevamo ?

Semplice: caricavamo i programmi.

Le memorie erano poche. I programmi restavano spesso sui floppy disk o sulle cassette (!). Ecco perche' bisogna farne il backup, la lettura e rilettura di queste memorie magnetiche era meno che affidabile.

E con i programmi ?

Si giocava, oppure si scriveva. Qualche volta si disegnava.

O, naturalmente, si faceva quello per il quale i computer esistevano: programmarli. Io li programmavo.

Le novita' si apprendevano comprando le riviste in edicola, che uscivano una al mese.

Era pero' possibile comprarne tre o quattro. Di piu', inutile, si copiavano gli argomenti di tendenza, di meno era la regola.

Si leggeva la rivista. Si provava sul computer.

Si comprava un programma nel negozio che aveva venduto il computer, e lo si provava.

Il programma si sceglieva sulla base delle richieste.

Un gioco nuovo, il parente che aveva bisogno di scrivere una lettera, il curioso che voleva gestire l'agenda telefonica.

E quando il computer era acceso ?

Aspettava.

Perche' di solito il computer aspettava che facessimo quello per il quale l'avevamo comprato.

In ufficio era piu' semplice: i programmi erano quelli, la connessione era quella del videotel sullo schermo di 8 pollici, credo ... fisso e collegato al telefono nell'angolo dimenticato dello studio, ma con una stampante vicino per stampare la visura camerale o della targa in caso di sinistri.

Lo usavamo.

C'era una logica molto concreta: avevamo dei dati e volevamo gestirli meglio. Tutti.

La seconda era di poter stampare su fogli di carta in modo veloce, dimenticando le macchine da scrivere.

Questa e' stata la prima automazione: catalogare tutto quello che ci serviva per lavoro, per passione. Per ritrovare tutto facilmente.

La vera novita' (dopo il cavo di rete, intranet o internet) e' stata Facebook: in grado di catalogare i nostri rapporti, piu' di quanto non lo facesse una rubrica telefonica.

L'ultima e' internet su telefono.

Ne e' passato di tempo.

Dopo tutto questo tempo, a cosa ci servono oggi i computer ? Come e perche' li usiamo ?

Ero davanti ad un pc con linux, installato per non buttarlo via.

E navigavo.

E mi sono chiesto: ma senza internet, cosa farei con questo computer ? E non ho trovato una risposta.

27.06.2013 Spataro
Fonte:




Segui le novità in materia di Riflessioni su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Riflessioni:


"Alla fine diventerai quello che tutti pensano tu sia" - Caio Giulio Cesare


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in