Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario News alert    
             

  


Riflessioni 27.06.2013    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Accendere un computer, nel 1984.

La natura dei computer ed il motivo per il quale li usiamo ...
Spataro

 

S

Sembrerà impossibile, ma nel 1984 c'erano già i computer. Si chiamavano sinclair, olivetti, commodore, ibm, apple ... e così via.

Quando li accendevamo, cosa ci facevamo ?

Semplice: caricavamo i programmi.

Le memorie erano poche. I programmi restavano spesso sui floppy disk o sulle cassette (!). Ecco perchè bisogna farne il backup, la lettura e rilettura di queste memorie magnetiche era meno che affidabile.

E con i programmi ?

Si giocava, oppure si scriveva. Qualche volta si disegnava.

O, naturalmente, si faceva quello per il quale i computer esistevano: programmarli. Io li programmavo.

Le novità si apprendevano comprando le riviste in edicola, che uscivano una al mese.

Era però possibile comprarne tre o quattro. Di piu', inutile, si copiavano gli argomenti di tendenza, di meno era la regola.

Si leggeva la rivista. Si provava sul computer.

Si comprava un programma nel negozio che aveva venduto il computer, e lo si provava.

Il programma si sceglieva sulla base delle richieste.

Un gioco nuovo, il parente che aveva bisogno di scrivere una lettera, il curioso che voleva gestire l'agenda telefonica.

E quando il computer era acceso ?

Aspettava.

Perchè di solito il computer aspettava che facessimo quello per il quale l'avevamo comprato.

In ufficio era più semplice: i programmi erano quelli, la connessione era quella del videotel sullo schermo di 8 pollici, credo ... fisso e collegato al telefono nell'angolo dimenticato dello studio, ma con una stampante vicino per stampare la visura camerale o della targa in caso di sinistri.

Lo usavamo.

C'era una logica molto concreta: avevamo dei dati e volevamo gestirli meglio. Tutti.

La seconda era di poter stampare su fogli di carta in modo veloce, dimenticando le macchine da scrivere.

Questa è stata la prima automazione: catalogare tutto quello che ci serviva per lavoro, per passione. Per ritrovare tutto facilmente.

La vera novità (dopo il cavo di rete, intranet o internet) è stata Facebook: in grado di catalogare i nostri rapporti, più di quanto non lo facesse una rubrica telefonica.

L'ultima è internet su telefono.

Ne è passato di tempo.

Dopo tutto questo tempo, a cosa ci servono oggi i computer ? Come e perchè li usiamo ?

Ero davanti ad un pc con linux, installato per non buttarlo via.

E navigavo.

E mi sono chiesto: ma senza internet, cosa farei con questo computer ? E non ho trovato una risposta.

27.06.2013 Spataro



Google Checkout, micropagamenti per contenuti: prime riflessioni
Liberta' di espressione su internet e rischi emergenti
La funzione Cohost di Ustream: breve guida e prime riflessioni
Diritto e società dell'informazione. Riflessioni su informatica giuridica e diritto dell'informatica



Segui le novità in materia di Riflessioni su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)


Dossier:



dallo store:
visita lo store






Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.246