Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Fare impresa 21.05.2012    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Ddl lavoro: Le minacce per il popolo delle partita iva personali

Solo Actainrete.it e i coltivatori diretti stanno protestando...

 

Indice

  • Relazione sull'Articolo 9:
  • superiore a sei mesi
  • costituisca più del 75 per cento
  • Si applica ai rapporti instaurati succe
  • Sono a carico per due terzi del committe
  • sia riconducibile alle attività
  • Relazione sui Contributi al 33%:
d

ddl 3249 al Senato:

 

 

Relazione sull'Articolo 9:

  L’articolo 9 («Altre prestazioni lavorative rese in regime di lavoro autonomo»), al fine di razionalizzare il ricorso alle collaborazioni rese da titolari di partita IVA, sostituisce l’articolo 69-bis del decreto legislativo n.  276 del 2003, introducendo la presunzione che tali prestazioni sono da considerarsi rapporti di collaborazione coordinata e continuativa qualora ricorrano almeno due dei seguenti presupposti: che la durata della collaborazione sia superiore a sei mesi nell’arco di un anno solare; che il ricavo dei corrispettivi percepiti dal collaboratore nell’arco dello stesso anno solare superi la misura del 75 per cento dei corrispettivi complessivamente percepiti dal collaboratore nell’arco dello stesso anno solare; che il prestatore abbia la disponibilità di una postazione di lavoro presso il committente.     Tale presunzione vale fino a prova contraria da parte del committente, il quale può dimostrare la genuinità del rapporto di lavoro autonomo.
    La configurazione del rapporto come collaborazione coordinata e continuativa implica l’applicazione di tutte le norme che disciplinano tale contratto, incluse quelle relative al regime previdenziale e all’eventuale trasformazione della collaborazione in un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato qualora sia stata instaurata senza l’individuazione di uno specifico progetto.
    Si prevede, inoltre, che le disposizioni introdotte dal presente articolo si applichino solo ai rapporti instaurati successivamente all’entrata in vigore della riforma; per quelli in corso le disposizioni trovano applicazione decorsi 12 mesi dalla data di entrata in vigore della legge.
    Infine, viene inserita una norma di interpretazione autentica dell’articolo 61, comma 3, del decreto legislativo n.  267 del 2003, la quale chiarisce che le norme che disciplinano il lavoro a progetto e il lavoro occasionale non si applicano alle sole prestazioni professionali riconducibili alle attività per l’esercizio delle quali è necessaria l’iscrizione in appositi albi, ferma restando la possibilità per i professionisti abilitati di svolgere, sotto forma di collaborazione coordinata e continuativa, attività diverse da quelle per le quali è necessaria l’iscrizione.

 

Testo Art. 9. (Altre prestazioni lavorative rese in regime di lavoro autonomo)

    1. Al capo I del titolo VII del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, dopo l’articolo 69 è aggiunto il seguente:

    «Art. 69-bis. - (Altre prestazioni lavorative rese in regime di lavoro autonomo). – 1.  Le prestazioni lavorative rese da persona titolare di posizione fiscale ai fini dell’imposta sul valore aggiunto sono considerate, salvo che sia fornita prova contraria da parte del committente, rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, qualora ricorrano almeno due dei seguenti presupposti:
        a)  che la collaborazione abbia una durata complessivamente superiore a sei mesi nell’arco dell’anno solare;

        b)  che il corrispettivo derivante da tale collaborazione, anche se fatturato a più soggetti riconducibili al medesimo centro d’imputazione di interessi, costituisca più del 75 per cento dei corrispettivi complessivamente percepiti dal collaboratore nell’arco dello stesso anno solare;
        c)  che il collaboratore disponga di una postazione di lavoro presso una delle sedi del committente.

    2. La presunzione di cui al comma 1, che determina l’integrale applicazione della disciplina di cui al presente capo, ivi compresa la disposizione dell’articolo 69, comma 1, si applica ai rapporti instaurati successivamente alla data di entrata in vigore della presente disposizione. Per i rapporti in corso a tale data, al fine di consentire gli opportuni adeguamenti, le predette disposizioni si applicano decorsi dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente disposizione.

    3. Quando la prestazione lavorativa di cui al comma 1 si configura come collaborazione coordinata e continuativa, gli oneri contributivi derivanti dall’obbligo di iscrizione alla gestione separata dell’INPS ai sensi dell’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, sono a carico per due terzi del committente e per un terzo del collaboratore, il quale, nel caso in cui la legge gli imponga l’assolvimento dei relativi obblighi di pagamento, ha il relativo diritto di rivalsa nei confronti del committente.».

    2. La disposizione di cui alla prima parte del primo periodo del comma 3 dell’articolo 61 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, si interpreta nel senso che l’esclusione dal campo di applicazione del capo I del titolo VII del medesimo decreto riguarda le sole collaborazioni coordinate e continuative il cui contenuto concreto sia riconducibile alle attività professionali intellettuali per l’esercizio delle quali è necessaria l’iscrizione in appositi albi professionali. In caso contrario, l’iscrizione del collaboratore ad albi professionali non è circostanza idonea di per sé a determinare l’esclusione dal campo di applicazione del suddetto capo I del titolo VII.

 

Relazione sui Contributi al 33%:

L’articolo 36 («Aumento contributivo lavoratori iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335 del 1995») dispone in maniera progressiva l’aumento contributivo per i lavoratori iscritti alla Gestione separata dell’INPS, fino a raggiungere l’aliquota del 33 per cento a decorrere dall’anno 2018; a tal fine viene modificato il comma 79 dell’articolo 1 della legge 24 dicembre 2007, n. 247.

 

Testo Art. 36 (Aumento contributivo lavoratori iscritti Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335 del 1995)

    1.  All’articolo 1, comma 79, della legge 24 dicembre 2007, n. 247, al primo periodo le parole: «e in misura pari al 26 per cento a decorrere dall’anno 2010» sono sostituite dalle seguenti: «, in misura pari al 26 per cento per gli anni 2010 e 2011, in misura pari al 27 per cento per l’anno 2012, al 28 per cento per l’anno 2013, al 29 per cento per l’anno 2014, al 30 per cento per l’anno 2015, al 31 per cento per l’anno 2016, al 32 per cento per l’anno 2017 e al 33 per cento a decorrere dall’anno 2018» e al secondo periodo sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: « per gli anni 2008-2011, al 18 per cento per l’anno 2012, al 19 per cento per l’anno 2013, al 20 per cento per l’anno 2014, al 21 per cento per l’anno 2015, al 22 per cento per l’anno 2016, al 23 per cento per l’anno 2017 e al 24 per cento a decorrere dall’anno 2018.».

 

 

  • LAVORATORI DIPENDENTI (Artt.1, 8, 22, 24, 28),
  •  

     

     

  • CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO (Artt.1, 3, 5, 8, 10, 53),
  • APPRENDISTATO (Artt.1, 5, 12, 29),
  • GIOVANI (Art.1),
  • TUTELA DEI LAVORATORI (Artt.1, 3, 14),
  • DONNE (Artt.1, 53, 55),
  • MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (Artt.1, 3, 7, 11, 37, 42, 43, 47, 57, 67),
  • VIGILANZA (Artt.1, 40, 57),
  • ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ( INPS ) (Artt.1, 34, 36, 41, 42, 47, 52, 60, 61, 63, 72),
  • BASI DI DATI (Artt.1, 60),
  • PUBBLICO IMPIEGO (Artt.2, 22),
  • CONTRATTI DI LAVORO (Artt.3-12),
  • CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO (Artt.3, 53),
  • DATORI DI LAVORO (Artt.3, 7, 13, 15, 29, 44, 52),
  • OBBLIGO DI FORNIRE DATI NOTIZIE E INFORMAZIONI (Artt.3, 7, 13, 15, 57, 62),
  • DECRETI MINISTERIALI (Artt.3, 7, 11, 42, 43, 47),
  • LIMITI E VALORI DI RIFERIMENTO (Artt.3, 5, 10, 13, 32, 33),
  • CONTROVERSIE DI LAVORO (Artt.3, 13, 15-20 ),
  • DISCIPLINA TRANSITORIA (Artt.3, 21, 32, 33),
  • INTERPRETAZIONE AUTENTICA (Artt.3, 9),
  • RISARCIMENTO DI DANNI (Artt.3, 14),
  • INDENNIZZI (Artt.3, 14),
  • REINTEGRAZIONE NEL GRADO O NELLA QUALIFICA (Artt.3, 14),
  • ABROGAZIONE DI NORME (Artt.3, 4, 7, 35, 39, 51, 64),
  • ADDESTRAMENTO PROFESSIONALE (Artt.4, 12, 42),
  • CONTRATTI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E LAVORO (Artt.4, 12),
  • IMPRESE ARTIGIANE (Art.5),
  • ASSUNZIONE AL LAVORO (Artt.5, 53),
  • PART TIME (Art.6),
  • CONTRATTI COLLETTIVI DI LAVORO (Artt.6, 15),
  • CLAUSOLE CONTRATTUALI (Art.6),
  • REVOCA (Artt.6, 62),
  • CONSENSO (Artt.6, 13),
  • LAVORO ATIPICO (Artt.7-9, 11, 35),
  • SANZIONI AMMINISTRATIVE (Artt.7, 34),
  • AGENTI DI COMMERCIO (Art.8),
  • RAPPRESENTANTI (Art.8),
  • PROGETTI E PROGETTAZIONE (Art.8),
  • RESCISSIONE E RISOLUZIONE DI CONTRATTI (Artt.8, 13),
  • LAVORATORI AUTONOMI (Artt.9, 27),
  • IVA (Art.9),
  • ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE (Art.9),
  • ALBI PROFESSIONALI (Art.9),
  • CODICE E CODIFICAZIONI (Art.10),
  • ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE (Art.10),
  • LAVORATORI STAGIONALI (Art.11),
  • LAVORATORI AGRICOLI (Artt.11, 22),
  • PERSONALE NON DI RUOLO, PRECARIO E AVVENTIZIO (Art.11),
  • RETRIBUZIONE (Art.11),
  • PERMESSO DI SOGGIORNO (Artt.11, 58),
  • CONTRIBUTI PREVIDENZIALI E ASSICURATIVI (Artt.11, 29, 36, 38, 41, 44, 47, 52, 53),
  • DECRETI LEGISLATIVI DELEGATI (Artt.12, 65, 68),
  • PROCESSO DEL LAVORO (Artt.13, 16-20),
  • GIUSTA CAUSA (Artt.13, 14),
  • GIUSTIFICATO MOTIVO (Artt.13, 14),
  • TRIBUNALI DEL LAVORO (Artt.13, 14, 16-20),
  • UFFICI DEL LAVORO (Art.13),
  • ARBITRATO E CONCILIAZIONE (Art.13),
  • INDENNITA' DI LICENZIAMENTO (Artt.13, 14),
  • LICENZIAMENTI DISCRIMINATORI (Art.14),
  • ANNULLABILITA' E NULLITA' (Art.14),
  • IMPRESE AGRICOLE (Art.14),
  • INDENNITA' DI MOBILITA' (Artt.15, 33, 37),
  • UDIENZE CIVILI (Artt.17-19),
  • ORDINANZE E DECRETI NEL PROCESSO CIVILE (Artt.17-19),
  • IMPUGNAZIONE DI PRONUNCE CIVILI (Art.18),
  • RICORSO IN APPELLO IN MATERIA PENALE (Art.19),
  • RICORSO IN CASSAZIONE IN MATERIA CIVILE (Art.19),
  • INDENNITA' DI DISOCCUPAZIONE (Artt.22-26, 28, 30, 32, 33, 35, 41, 42, 43, 59, 62),
  • CONTRIBUTI FIGURATIVI (Artt.24, 52),
  • ETA' DELLE PERSONE (Artt.25, 32, 33),
  • ANZIANITA' DI SERVIZIO (Art.29),
  • CONTRIBUTI E CORRISPETTIVI DI SERVIZI PUBBLICI (Artt.29, 34),
  • ALIQUOTE CONTRIBUTIVE (Art.29),
  • CONTROVERSIE PREVIDENZIALI (Art.31),
  • INDUSTRIA EDILIZIA (Art.33),
  • TASSE DI IMBARCO E SBARCO (Artt.34, 71),
  • CANONI E DIRITTI AEROPORTUALI (Art.34),
  • IMPOSTE E TRIBUTI COMUNALI (Art.34),
  • ADDIZIONALE DI IMPOSTE (Art.34),
  • RISCOSSIONE DI IMPOSTE (Art.34),
  • INTEGRAZIONE SALARIALE (Artt.37, 40, 42, 43, 46, 62),
  • PROROGA DI TERMINI (Artt.37, 58),
  • COLTIVATORI DIRETTI (Art.38),
  • MEZZADRIA E COLONIA (Art.38),
  • IMPRESE COMMERCIALI (Art.40),
  • AGENZIE DI VIAGGIO (Art.40),
  • INDUSTRIA TURISTICA (Art.40),
  • OPERATORI TURISTICI (Art.40),
  • TRASPORTI AEREI (Artt.40, 49),
  • AEROPORTI E SERVIZI AEROPORTUALI (Artt.40, 49),
  • IMPRESE (Artt.40, 41),
  • PORTI (Art.41),
  • AGGIORNAMENTO (Art.42),
  • ASSEGNI ED ELARGIZIONI SPECIALI (Art.46),
  • ORGANI DIRETTIVI DI ENTI E AMMINISTRAZIONI (Art.47),
  • PENSIONE COMPLEMENTARE (Artt.42, 43, 47-50),
  • BILANCI DI ENTI E SOCIETA' (Art.47),
  • ENTI PRIVATI (Art.48),
  • ENTI PUBBLICI (Art.48),
  • SERVIZI PUBBLICI (Art.48),
  • FERROVIE E TRASPORTI FERROVIARI (Art.50),
  • PENSIONE DI VECCHIAIA (Art.52),
  • FIDEIUSSIONE BANCARIA (Art.52),
  • INTERVENTI IN AREE DEPRESSE (Art.53),
  • AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE (Artt.53, 54),
  • LAVORATORI MADRI E PADRI (Artt.55, 56),
  • DIMISSIONI (Art.55),
  • GRAVIDANZA E PUERPERIO (Artt.55, 56),
  • CONGEDI PARENTALI FAMILIARI E FORMATIVI (Art.56),
  • ORGANIZZAZIONE E RESPONSABILITA' FAMILIARI (Art.56),
  • HANDICAPPATI (Art.57),
  • INVALIDI (Art.57),
  • ASSUNZIONI OBBLIGATORIE (Art.57),
  • AGENZIE PER L'IMPIEGO (Artt.57, 59, 60, 62),
  • EXTRA COMUNITARI (Art.58),
  • LAVORATORI IMMIGRATI (Art.58),
  • LAVORO NERO (Art.58),
  • OSSERVATORI (Art.60),
  • TRASMISSIONE DI ATTI (Art.61),
  • REGIONI (Art.61),
  • PROVINCE (Art.61),
  • DISOCCUPATI E DISOCCUPAZIONE (Art.61),
  • FORMAZIONE PROFESSIONALE (Artt.62, 66, 68, 69),
  • MEDICINALI (Art.64),
  • CURE MEDICHE E CHIRURGICHE (Art.64),
  • ANALISI CLINICHE (Art.64),
  • MINISTERO DELL' ISTRUZIONE, DELL' UNIVERSITA' E DELLA RICERCA (Art.67),
  • PROGRAMMI E PIANI (Art.67),
  • UNIVERSITA' (Art.67),
  • DIPLOMI E TITOLI DI STUDIO (Artt.68, 69),
  • ATTESTATI E CERTIFICATI (Art.69),
  • ATTI PUBBLICI (Art.69),
  • DEDUZIONI E DETRAZIONI (Art.71),
  • TRASPORTI (Art.71),
  • ISTITUTO NAZIONALE PER L' ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO ( INAIL ) (Art.7
  •  

    21.05.2012 Spataro
    Fonte: Senato




    Segui le novità in materia di Fare impresa su Civile.it via Telegram
    oppure via email: (gratis Info privacy)



    Dossier:



    dallo store:
    visita lo store

    Altro su Fare impresa:


    "Stay Hungry. Stay Foolish." - Steve Jobs


    Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



    Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in