Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

  


Sinistro Fantasma: come difendersi

9,90 €       download immediato

adv iusondemand
Open source 06.03.2012    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Le ragioni dell'avvocato e i contratti open source

Paura dell'open source ? Io direi una opportunita' in piu'.

 

L

Leggo in questi giorni che un cliente dice all'avvocato (che non lo sapeva): "cosa la pago a fare per avere un contratto che e' open source sul web" ?

Io avrei risposto:

1) ho gia' letto quel contratto, e' per questo che non lo uso (io, effettivamente, l'ho letto almeno 5 anni fa, forse l'avvocato doveva conoscerne l'esistenza)

2) ha gia' valutato se il contratto fa al caso suo ?

3) quale garanzia le da' l'autore del contratto ?

4) io glielo so anche spiegare, per gestire le trattative con i suoi clienti

5) nel suo caso non va bene perche' lei oltre a fornire il supporto tecnico ha anche una parte di servizi e di sviluppo non previsti.

6) ha gia' controllato il foro "esclusivo" o meno competente ?

7) lei come fa accettare le clausole vessatorie ? E se il cliente non e' consumatore (o assimilabili ?)

8) cosa fa se firma il contratto e il cliente non paga ? Glielo deve fare lo stesso o magari si rinnova anche senza pagare ?

9) quali sono i testi delle sue offerte commerciali sul web che integrano gli aspetti tecnici promessi ?

Insomma: ci sono tali e tante cose che si possono dire, che non riesco a capire la paura di trovare un contratto online open source e on demand.

E' come un formulario.

Quanti formulari ci sono in giro ? Quanti aiutano ? Quanti non sono sufficienti ? Quanti sono ottimi e quanti no ?

Andiamo: non avremo mica paura di un contratto "open source".

Io, anzi, avrei detto: "partiamo da quello, e vediamo se ha capito cosa c'e' scritto e se serve al suo lavoro.". E via di fattura oraria.

Cosa c'e' di male ? Perche' nessuno lo propone come la "cosa" piu' naturale ?

v.

 

06.03.2012 Spataro
Fonte:




Segui le novità in materia di Open source su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Open source:


"Conquista te stesso, non il mondo." - Descartes


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in