Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

  


Sinistro Fantasma: come difendersi

9,90 €       download immediato

adv iusondemand
Dizionario 25.01.2012    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Social Media Policies: cosa significa - dizionario

Una definizione gia' assodata negli USA:

Download or Play, List or RSS:

 

U

Una policies e' un insieme di regole di comportamento, di prassi, da seguire normalmente nell'attivita' lavorativa.

In Italia le chiamiamo comunemente codici di autoregolamentazioni, policies aziendali, prassi aziendali. Sono frequenti nei giornali finanziari.

Social media significa riferirsi agli strumenti di massa del web, non solo social network, ma anche le piattaforme di user generated content.

A questa considerazione sono arrivato dopo aver letto gia' una decina di media policies mondiali. Le sto raccogliendo nella banca dati legalgeek che raccoglie, al momento, oltre 600 condizioni legali e policies.

Link utile: Legalgeek

In mancanza di regole da dedurre da principi astratti tutti gli autori attuali codificano comportamenti dannosi per l'azienda ma lasciano aperto il rinvio alle tradizionali norme locali. Questo per quanto riguarda la partecipazione sui social media da parte dei dipendenti e consulenti per finalita' aziendali.

Altri regolano la consultazione e l'utilizzo delle informazioni all'interno dell'azienda, o l'uso dei social network aziendali, ad accesso riservato.

Non sono queste tutte le ipotesi di social media policies.

In questo ampio termine rientrano anche le condizioni legali che i gestori dei servizi offrono agli utenti.

Se e' vero che cosi' facendo usciamo tipicamente dalla definizione di policy aziendale per entrare in quella delle condizioni legali d'uso di un sito, e' anche vero che non si puo' realizzare una social media policy senza conoscere la policy del social network.

Quanto al valore di queste policies c'e' molto da dire, ma il tema e' stato ampiamente anticipato a Pavia al seminario annuale AIDA organizzato dal prof. Ubertazzi e con idee altamente innovative quanto contestabili, ma di sicuro interesse perche' all'ordine del giorno.

Mi sto occupando per alcune aziende di queste tematiche. E' straordinario verificare come la social media policy e', prima di tutto, frutto di un attento approfondimento personale delle tecniche informatiche e degli aspetti normativi.

Ma questo e' del tutto insufficiente.

Dare una social media policy solo in mano ad un giurista significa far fallire ogni raccolta di prassi.

Si deve anche conosce le criticita' e le opportunita' della comunicazione.

Ho davanti a me gli occhi di due startupper che restavano colpiti dalle conseguenze sul modello di business di una soluzione basata su logiche di efficace comunicazione.

Tutto questo e' impagabile e, soprattutto, previene contrasti organizzandone la gestione senza doverla imbavagliare ogni oltre opportunita'.

Insomma, e' un tema decisamente nuovo in Italia, e sono felice di portarlo ai miei lettori su queste pagine.

Questa voce fa parte del dizionario giuridico dei termini di internet, di attualmente 1378 voci

25.01.2012 Spataro
Fonte:




Segui le novità in materia di Dizionario su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Dizionario:


"Non si ricordano i giorni, si ricordano gli attimi." - Cesare Pavese


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in