Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario News alert    
             

  


Google 12.07.2011    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Google plus: una prima recensione

Eccolo, atteso, condiviso
Spataro

 

E

E' arrivato google plus. Su invito. Lo vedete quasi ovunque con un +1. Tutto qui.

 

^ Cos'è ?

Ad un primo sguardo ha una grafica maledettamente simile a Facebook.

Spazio centrale per i contenuti, colonne di destra e sinistra per il profilo e gli amici.

Nella parte alta alcuni tab sulle mie news, il mio profilo, i miei video/foto, le mie cerchie.

 

 

^ Come è diverso da Facebook ?

E' più ordinato, per ora.

Al centro la facilità di creare gruppi trascinando gli avatar dei nostri amici nei gruppi che noi creiamo. Pardon: nei cerchi.

La facilità della interfaccia grafica è un punto di forza.

 

 

^ Come cambia Google

Siamo tutti su Google, ma non trovavamo altre persone.

Ora siamo su Google e troviamo i nostri amici.

Lo spazio non è utilizzabile (per ora) dalle imprese. In tanti già si aspettano di poter creare cerchie a pagamento dove poter entrare per sapere di cosa si parla (fonte: @mariosabatino, o meglio ... 115738532846648796450/posts ).

La facilità di creazione delle cerchie e dell'ingresso a pagamento può essere una bella leva, considerando che così Google raccoglierebbe le carte di credito e sarebbe facile iscriversi ad un gruppo a pagamento. Per gruppi chiusi però vedo anche l'utilità di yammer o simili.

Google, diciamolo, ripropone answers in questa nuova versione. La semplicità e chiarezza dell'ambiente, dove si starà per passione, facilita anche l'offerta a pagamento.

Praticamente Google dà il colpo definitivo al mondo dei blog creando uno spazio non solo per gestire contenuti gratis, come fosse un blog o un microblog, ma lo rende anche uno spazio commercialmente interessante per vendere contenuti a pagamento.

 

^ Cosa cambia dai buzz ?

Tutto. Praticamente si capisce che il centro è il gruppo, pardon, il cerchio. Creato il cerchio lo si può gestire per ogni propria iniziativa, gestendo le iscrizioni, la partecipazione, eccetera eccetera.

 

^ Cosa offre più di Twitter ?

Twitter è rapido per annunciare. E' interconnesso con tanti sviluppatori esterni. Ma è limitato ai 140 caratteri e non hanno mai capito l'importanza della gestione dei gruppi.

+1 può essere usato sia come canale di annunci che come gruppo di discussione, sia in testo che in foto e video.

Potrebbe persino incrinare il ruolo di Twitter. Twitter resta frequentato da persone che lavorano sul web, google +1 da chiunque e visto l'entusiasmo iniziale, mi aspetto che questo cresca.

 

^ Le chat

Google punta molte sulle chat anche video di gruppo. Ho provato ad installare il software e mi ha messo un programmino tra quelli in avvio del pc. Mi ha dato errore e l'ho tolto, ma l'ho ritrovato. Non mi piace. Si sappia.

 

^ I gruppi

Chi mi segue sa cosa penso dei gruppi e di come li abbia messi al centro su Gloxa.

Gloxa nasce per dare il 2.0 ai blog, aiutando le comunità di un blog a diventare interattive.

Gli embed sono la differenza sostanziale: +1 per ora impone una propria fantastica visione, tanto che in molti stanno direzionando i propri domini verso l'account +1. Intuizione corretta.

Ma la domanda che in pochi si porranno e': meglio avere un proprio ufficio di proprietà o un ufficio in affitto presso il centro commerciale ?

La risposta e', naturalmente, dipende.

Il criterio ? Dipende da quanto possiamo agli altri la scelta di tenere la nostra vita e il nostro lavoro, oppure di quanto gli altri ci offriranno di usarli all'interno delle nostre vite, non delle loro piattaforme.

Ma il mercato ha già risposto: meglio usare le piattaforme altrui. Costi quello che costi (niente, apparentemente).

La domanda finale è quindi ? Cosa faremo di diverso su +1 che non si fa su facebook ?

La creazione di gruppi chiusi ad accesso limitato.

L'accesso a pagamento alle aree limitate potrebbe essere persino esplosivo. A condizioni di avere già una audience che ti segue ed è interessata a quello che dici.

Facebook in questo è maestro, nella creazione di gruppi di discussione.

+1 gioca sui gruppi personali.

La directory dei posti da seguire sarà il luogo dove si battaglierà a suon di spot promozionali.

Interessante: il web aperto, spontaneamente, si chiude e si mette nelle mani di pochi. Ineludibile, affascinante.

La battaglia si giocherà tutta sulle api. Vedremo.

Curioso come nessuno parli di cloud computing ma di social network. Curioso.

ps: interessante anche la visione di Minimarketing: google e facebook non sono basati sugli interessi. Però Gloxa si'.

12.07.2011 Spataro
Spataro


Rimozione Google Analytics e traccianti da WordPress e siti internet
Feature phone
Contra Chrome: il fumetto che spiega come il browser di Google raccoglie cosa pensi e fai
Garante: Google Analytics vietati espressamente per la Schrems II- La soluzione: cookiekit.it
Da Google Images l'ignoranza selettiva
Rimuovere Google Analytics: come configurare le alternative
Degoogled
Chrome introduce Manifest 3: inutili le linee guida del Garante sui cookies, e arriva lavoro per l'antitrust
Antitrust: massimo della sanzione contro Google e Apple perche' non informano sull'uso dei dati personali
Apple vs Epic: attenti alle tonnellate di informazioni sbagliate: e' veramente libero il pagamento in app ?



Segui le novità in materia di Google su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)


Dossier:



dallo store:
visita lo store






Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.011