Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Agcom 06.07.2011    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Agcom, internet e diritto d'autore: qualcuno non ci crede

Arrivano anche le opinioni di chi sostiene Agcom. Una, invero.

 

Indice

  • IL PUNTO DI PARTENZA
  • IL PUNTO DI ARRIVO
L

Leggo oggi un tweet di una giornalista del Sole @angelamanganaro, che dice, in breve:

  • il web deve diventare adulto
  • il diritto d'autore non e' una brutta parola
  • non vedo censura neanche con la mia piu' sfrenata fantasia.

Mi ha colpito per l'evidente e insanabile crasi con le ragioni della protesta, ma ho anche pensato che fosse una ottima occasione per affrontare quelli che reputo luoghi comuni di chi usa internet come fosse un word processor.

La valutazione viene da questo altro tweet:

"La sfida è ragionare come far giornalismo sul web con web e nonostante il web. è faticoso e confuso ma è sfida, almeno finchè ci si diverte". @angelamanganaro

Ecco: e' questo il punto. L'autrice subisce la rivoluzione del web, non la comprende ancora.

Lunedi' seguivo un webinar: un autore televisivo diceva semplicemente: "Se produco per la tv sono protetto dalla Siae, se produco virali per il web chi mi tutela ?"

Mesi fa invece ascoltai su TED una scrittrice che non sapeva piu' da dove iniziare per negoziare i propri diritti, e chiedeva agli operatori della filiera del libro elettronico di pensare anche agli autori.

 

IL PUNTO DI PARTENZA

Senza dubbio chi finisce sul web vede un mercato ancora tutto da creare. Apple e Amazon sono due nel mondo. Ci sono moltissimi piccoli che pero' stentano a far decollare una domanda ancora scarsa, rispetto all'economia tradizionale.

Soprattutto chi nasce sul web capisce che e' un mondo nuovo e lo plasma a proprio modo di vedere, non secondo il mercato esistente nei confronti del quale le barriere di accesso sono impossibili per i giovani.

Diciamolo chiaramente: sul web si sviluppa un diverso modello di business semplicemente perche' nel tradizionale tutti gli operatori tengono saldamente la propria posizione di potere e regolano il combustibile necessario a far crescere un giovane che, invece, sul web, puo' avere gia' la propria audience che e' disposta a trasformarsi in finanziatrice della persona.

In poche parole, si passa da un mercato ordinato, allo strillo. Chi riesce a farsi ascoltare puo' vendere direttamente, e le persone lo pagano per il piacere di vedere uno di loro che cresce e che dice cose che li interessa. Un nuovo modello distributivo, un nuovo modello di rapporto con il cliente, nuovi guadagni (di solito tra il 50% e il 100% all'autore).

 

IL PUNTO DI ARRIVO

La parte negativa e' la complessita'.

Chi la capisce e la governa, va avanti. Chi non la capisce si ferma, e per lui e' il punto di arrivo.

Quello che rende lo scontro epico, atavico e sempre attuale, e' quello dei giovani che capiscono qualcosa che altri, piu' vecchi non necessariamente di eta', non riescono a capire. E' il mondo che va avanti.

La politica a volte ha aiutato i giovani a volte chi ha conquistato posizioni di potere. Nei casi migliori ha dato forza ad entrambi.

Non si tratta qui di negare il diritto d'autore: lo conosciamo, lo vogliamo, e vogliamo essere liberi di liberare ogni opera dallo sfruttamento patrimoniale, se ci garba, ma anche il contrario. E' la complessita' applicata ai modelli di business.

Personalmente non ho mai gradito chi ha sostenuto quelli di pirate bay, e il p2p di file senza autorizzazione, con condivisione dei files scaricati, crea problemi alla connettivita' in tutto il mondo. Ma skype e' p2p, non si puo' demonizzare una tecnologia solo perche' alcuni la usano male.

Allora ?

Si ricorra agli strumenti di sempre. Esistono. C'e' uno che in finlandia diffonde canzoni senza il diritto di farlo ? Le polizie cooperino. Toh. E' proprio quello che fanno ...

L'agcom ha interpretato le leggi attribuendosi dei poteri, in modo assolutamente avulso dalla normativa che invocano.

Si prega leggere le ragioni della protesta, invece che dire che il web deve diventare adulto.

Il web e' maturo. Un giovane maturo. Non adulto.

06.07.2011 Spataro
Fonte:




Segui le novità in materia di Agcom su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Agcom:


"Nessuno ti puo' togliere quello che hai imparato" - un padre


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in