Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

  


Sinistro Fantasma: come difendersi

9,90 €       download immediato

adv iusondemand
Privacy 30.03.2011    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Sentenze, Cronaca e Privacy: Il Tribunale di Chieti fa discutere

Indagati, assolti, resta la sentenza, pretendo la cancellazione e il quotidiano si rifiuta. Il Tribunale ordina la rimozione.

 

Indice

  • Le motivazioni del tribunale di Chieti
C

C'e' poco da dire sul fatto.

Coppia indagata assolta completamente, ma chiedono la rimozione della sentenza di assoluzione da un sito di un quotidiano.

Il Quotidiano segue le regole dettate dal Garante: e' cronaca, puo' restare, e' atto pubblico.

Il Tribunale di Chieti da' loro ragione e condanna il quotidiano.

Su Twitter si scatena il dibattito sul diritto all'oblio.

E la domanda resta: prevale la privacy o la cronaca ?

http://www.scribd.com/doc/51586130/Sentenza-Privacy-Prevale-su-Cronaca

Ho letto qualche cosa sul sito del Garante, in questi anni, sulla documentazione giuridica in rete.

Il testo iniziale della legge consentiva semplicemente ogni informazione giuridica, oggi invece ci sono maggiori limiti.

Limiti che saltano tutti a piu' pari appena si va anche nelle corti europee, dove i nomi delle parti restano.

Per un ottimo motivo, che vale in Italia: sono atti pubblici. Le sentenze costituiscono la storia di una nazione.

I coniugi, assolti, si vedono additati per anni dai motori di ricerca come indagati (anche se nel testo viene indicato che sono stati assolti).

Ma vogliono anche essere anonimi, successivamente alla sentenza, sul tal sito.

Il quotidiano si rifiuta: ci manca solo che togli i nomi di tutti coloro che compaiono in un articolo: e' diritto di cronaca.

Il Tribunale condanna.

Sotto il profilo umano io ho scelto di rimuovere i nomi delle parti comunque. Ricordo quanto mi chiamo' anni fa un riabilitato da fallimento il cui nome si trovava sempre grazie a Google: non trovai un buon motivo per respingere la sua richiesta, e mi sembrava una lezione di civilta' e convivenza rimuovere il suo nome. Da allora levo comunque il nome delle parti, anche se la normativa consente di tenerli se non richiedono la rimozione.

L'idea, mia, e' che il contenuto conta. Le persone rispondono davanti a Dio. Sapere che la regola del diritto e' quella e' il mio obiettivo, non sapere che tizio e' stato condannato.

In questi anni ho avuto richieste di rimozione di tutti i tipi. Per scelta rimuovo i dati indicati anche senza motivo, non entro nel merito.

Pero' non riesco a trovare la regola del Tribunale di Chieti: la privacy vieta la cronaca ?

No.

Vieta gli archivi online. Forse. O forse no.

Brutti tempi per cercare di affermare un diritto certo che regoli i rapporti tra le persone.

Avete provato a scrivere un contratto di questi tempi ? 

Un po' di comprensione altrui pero' potrebbe servire.

Purche' un domani qualcuno non ordini a tutte le biblioteche di rimuovere la tal biografia non autorizzata non per motivi di diritto d'autore, ma di privacy.

Ma arriveremo anche a questo.


Le motivazioni del tribunale di Chieti

Semplice: il diritto di cronaca ha una durata limitata del tempo, si puo' accettare fino alla richiestra stragiudiziale due anni dopo i fatti. Il mantenimento di un solo esemplare cartaceo e' consentito.

Ma perche' e' consentita la cancellazione ?

Perche' le parti hanno diritto di chiedere la cancellazione dei propri dati personali.

Questo secondo il Tribunale.

Appunto: i dati personali, il nome e il cognome e simili. Non il documento intero.

La tesi e' sostenibile: ma in questi termini puo' impedire persino la scrittura di un libro di storia contemporanea.

 


Link utili:

Il sito del quotidiano interessato dalla pronuncia:

http://www.primadanoi.it/modules/articolo/article.php?storyid=5132

30.03.2011 Spataro
Fonte: spataro




Segui le novità in materia di Privacy su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Privacy:


"Preferisco che sbagliate rischiando, piuttosto che essere inutili replicanti che nessuno ascolta" - Mons. Nunzio Galantino


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in