Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Siae 29.03.2011    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Cassazione ancora sul bollino Siae: Cassazione III Penale n. 3835 del 02 Febbraio 2011

Palese contraffazione ? No.

 

Indice

  • In questi casi la mancanza del contrasse
  • Per tutti i fatti avvenuti dopo la notif
  •  Detto decreto, entrato in vigore i
L

La Cassazione chiamata ancora una volta a spiegare che il bollino Siae che non si applica su un supporto informatico e' fonte di responsabilita' penale solo se siano state comunicate le regole tecniche in ambito europeo.

In breve e banalmente, l'assoluzione segue la mancata notificazione delle regole tecniche.

Tuttavia la Cassazione ricorda il percorso da seguire: non si basi l'azione esclusivamente sulla mancanza del contrassegno, ma andando a vedere le licenze.

"c) nessun effetto viene prodotto dalla citata sentenza Schwibbert sui fatti di reato previsti dalla L. n. 633 del 1941, art. 171 ter, comma 1, lett. c), (nel testo modificato dalla L. 18 agosto 2000, n. 248), sicché restano in sé punibili le condotte di chiunque detiene a fini commerciali e di commercio di supporti illecitamente duplicati o riprodotti, pur non avendo concorso alla duplicazione o riproduzione.

In questi casi la mancanza del contrassegno può essere semmai valutata come mero indizio della illecita duplicazione o riproduzione, ma non assurge al ruolo costitutivo della condotta."

Il contrassegno, in questi casi, e' mero indizio. E' la condotta che deve essere oggetto del procedimento penale.

In poche parole si valuti il caso senza limitarsi alla presenza o meno del bollino, anche se la norma e' stata nel frattempo "ripenalizzata".

Per tutti i fatti avvenuti dopo la notificazione della regola tecnica vale invece:

"3.1 L'obbligo di apposizione del contrassegno - come si è detto - doveva essere previamente notificato alla Commissione Europea. Tale notifica deve ritenersi effettuata successivamente dallo  Stato italiano,  attraverso  un iter avviato con la  comunicazione  del  24 aprile  2008, che ha avuto il suo epilogo con l'adozione del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23/2/2009, n. 31, recante "Regolamento di disciplina del contrassegno da apporre sui  supporti, ai sensi della L. 22 aprile 1941, n. 633, art. 181 bis".

 Detto decreto, entrato in vigore in data 21/4/2009, costituisce  il testo definitivo della regola   tecnica; ciò comporta la "ripenalizzazione" delle condotte ricollegabili alla mera carenza del contrassegno S.I.A.E. poste in essere a decorrere dal 21/4/2009, ma non può rendere  penalmente illecite condotte nel frattempo "scriminate" dalla non opponibilità ai privati  del  contrassegno mancante. "

Segnaliamo l'ottimo sito giurisprudenza salentina con il testo integrale della sentenza e la massima ivi reperibile.

29.03.2011 Spataro
Fonte: Giurisprudenzasalentina.it




Segui le novità in materia di Siae su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Siae:


"Noi abbiamo un mondo solo ma viviamo in mondi diversi" - Brothers in arms, Dire Straits


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in