Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Contratti 11.02.2011    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Appropriazione indebita di server

Ci e' arrivata la richiesta di parlare di questo argomento.

 

U

Un tema sicuramente interessante: un server puo' essere sottratto ?

Escludiamo la prima incomprensione: chi accede ad un server violando le password commette un reato. Ma non e' questo il caso che affrontiamo.

Il caso e' quello di chi ha una webfarm con proprio mezzi e ospita dei computer, detti server, usati dai suoi clienti.

Fin qui il linguaggio comune.

E' necessario pero' verificare il contratto in essere tra fornitore di connettivita' e gestore del server.

La webfarm di solito non solo ospita un server, ma fornisce la connessione ad internet, l'aria condizionata, l'assistenza in caso di problemi.

Queste prestazioni possono essere oggetto di separata previsione contrattuale, e sono ugualmente rilevanti al buon funzionamento del server.

Poi il server puo' essere in proprieta', in comodato, a noleggio, in leasing: la formula piu' comune, di recente, e' la concessione in uso di un server altrui.

Il tema della proprieta' e' importante: ovviamente un conto e' che il server di proprieta' altrui venga staccato e buttato per strada, oppure che il server sia a noleggio, e la webfarm se lo riprende.

Non trattiamo qui delle tematiche della privacy, naturalmente.

Semplifichiamo, invece, per capire in generale come comportarsi.

Nel caso del noleggio molto probabilmente vi sara' una clausola che prevede la disconnessione e la cessazione del servizio, magari in caso di mancato pagamento. Una clausola o semplicemente si dira' che il contratto e' risolto e non si rinnova.

Nel caso della proprieta', il server deve essere messo a disposizione del proprietario: la consegna e il luogo della consegna puo' essere un altro da quello previsto ordinariamente per legge, per altri motivi di sicurezza e di rispetto della privacy.

A queste considerazioni si aggiungano, oggi, i temi della virtualizzazione e del cloud computing.

Senza escludere la confusione tra il termine sito e il termine server, che alcuni possono commettere, giova comunque sapere che si puo' noleggiare (difficilmente comprare) parte di server: 50% di cpu, di ram, di hd, di connettivita'. Nei contratti ad oggetto cloud queste percentuali possono persino essere ripartite tra piu' macchine, e non su una sola.

In questi casi si parla piu' facilmente di servizio: risolto il contratto, il servizio cessa e nulla puo' chiedere chi l'ha comprato e non rinnovato. Non appropriazione: semplice risoluzione contrattuale di un servizio.

 

11.02.2011 Spataro
Fonte:




Segui le novità in materia di Contratti su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Contratti:


"Una persona che non abbia mai commesso un errore non ha mai cercato di fare qualcosa di nuovo" - Albert Einstein


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in