Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Decreto romani 30.12.2010    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

AGCOM: il testo dei regolamenti relativi al decreto Romani (web tv, podcast, radio)

Pubblicati online, disponibili dal 25 novembre

 

Indice

  • Si e' competitor di Mediaset se si s
C

Con Delibere 606 e 607 l'Agcom, dopo un mesetto, pubblica sul sito i regolamenti tanto attesi.

La 606 relativa al video, la 607 all'audio.

E' stata definita per regolamento la definizione di competizione tra piccole aziende radio o tv rispetto a quelle tradizionali.

Si e' competitor di Mediaset se si supera il fatturato di 100.000 euro.

Non c'e' nulla da gioire, e nemmeno da dire: poteva andare peggio.

Parafrasando un uomo qualunque, non sono importanti le regole, ma le eccezioni. Invece no. Le eccezioni nulla cambiano alla regola italiana che non e' quella europea.

Ciliegina: pare che i podcast siano rimasti fuori. Quindi le radio in streaming soggette, i podcast no. Ma non si capisce se e' stata solo una discussione o una decisione. Sta di fatto che per l'audio non si parla di on demand cosi' come se ne parla per il video.

Da approfondire. 

 

Dalla delibera 607:

"Per quanto riguarda l’aspetto della concorrenza con la radiodiffusione televisiva, nell’ambito di attività precipuamente economiche si è circoscritto il perimetro di intervento regolamentare delimitandolo ai soggetti che effettivamente possono essere considerati provvisti di capacità competitiva, stabilendo una soglia minima di ricavi derivanti da attività tipicamente radiotelevisive (pubblicità, televendite, sponsorizzazioni, contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati, provvidenze pubbliche e da offerte televisive a pagamento). Tale soglia, individuata in 100.000 euro, rappresenta un parametro di riferimento per qualificare l’attività in effettiva concorrenza con la televisione, ed è basata sulle dimensioni economiche di settori affini. Di tale esclusione viene dato conto nel nuovo comma 1 dell’articolo 2. "

 

Categorie: Contenuti Audiovisivi e Multimediali Argomenti: Servizi multimediali e broadcasting

1) Regolamento concernente la prestazione di servizi di media audiovisivi lineari o radiofonici su altri mezzi di comunicazione elettronica ai sensi dell’art. 21, comma 1-bis, del Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici

2) Regolamento in materia di fornitura di servizi di media audiovisivi a richiesta ai sensi dell’art. 22-bis del Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici

In corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana

Disponibile sul sito www.agcom.it da martedì 28 dicembre 2010

30.12.2010 Spataro
Fonte: Agcom




Segui le novità in materia di Decreto romani su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Decreto romani:


"Non si ricordano i giorni, si ricordano gli attimi." - Cesare Pavese


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in