Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

  


Una cloud tutta europea. Esiste.

open source e federata

adv iusondemand
Software 24.05.2010    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Dropbox: condividere una cartella facilmente e senza una rete: la guida su come usarlo

Ne abbiamo parlato, ma ora lo stiamo usando da un mese. Vediamo come usarlo nel concrete. Nella foto una prospettiva rilassante invece di mille problemi ... photo courtesy of spataro

 

Indice

  • CONCLUSIONI
D

Dropbox e' l'ideale per condividere una cartella tra piu' computer.

Lo strumento e' semplice, ma richiede alcuni accorgimenti.

Ne parlo ancora, segnalando che Dropbox permette di avere piu' spazio quanti piu' amici segnalano il servizio, e ne approfitto anche io.

 

SISTEMI OPERATIVI

In ogni dimensione ormai si usano piu' computer. Spesso con sistemi operativi diversi.

Io per esempio uso per me win, mac e ubuntu. Sul lavoro uso win e ubuntu.

Dropbox e' disponibile per tutti i sistemi operativi indicati, e permette di condividere una cartella tra i computer con lo stesso account.

 

COME ORGANIZZARE IL LAVORO

Se io voglio condividere una cartella per lavoro non devo creare diversi account per ogni postazione. Usero' un unico account su ogni computer che deve condividere quella tale cartella.

Quindi, per condividere una cartella di lavoro tra ubuntu e windows, installero' il software sulle macchine, creero' un solo account e configurero' il software su ogni macchina allo stesso modo.

Posso pero' anche configurare Dropbox con piu' account, decidendo di condividere con questi account le cartelle.

In breve, ogni utente ha il proprio dropbox con il proprio account, e chi crea la prima cartella che vuole condividere con gli altri e' anche colui che puo' decidere chi accettare per la condivisione.

E' un'altra impostazione, che trovo piu' ordinata.

 

COME FUNZIONA

Dobbiamo sapere che Dropbox permette di avere sul proprio computer una copia integrale delle cartelle che scegliamo di condividere.

In breve se restiamo senza internet, vediamo e possiamo lavorare sui files.

Non appena torniamo online, dropbox cerca di sincronizzare i files.

I computer non devono essere accesi contemporaneamente per condividere i files: una copia di essi resta sui server di dropbox, anzi, di Amazon, che fornisce una cloud decisamente sicura.

In breve su amazon, che ha fisicamente i server usati da dropbox in cloud computing, ci sono dei files crittografati a 256bit che nessuno puo' aprire (se non con tecniche assai dispendiose). Pero' i nomi dei files e delle directory sono in chiaro.

Dropbox funziona anche su android, iphone, itouch: in questo caso pero' i files vengono visti prelevandoli direttamente dal server centrale, senza scaricarli in remoto. Non si sincronizzano i contenuti sugli smartphone, in poche parole.

Se i computer invece sono connessi in rete tra di loro, una funziona attiva di default permette di aggiornare i files direttamente tra di loro e dopo aggiornare dropbox. In poche parole, i dati viaggiano sulla rete locale prima che su dropbox, per accelerare gli aggiornamenti senza appesantire dropbox inutilmente.

 

COME USARLO

Beh, ho iniziato a mettere le mie foto per passarle tra computer, riempiendo immediatamente i 2gb di spazio offerti gratis. Ho quindi rimosso le foto, che continuano a girare sui miei hard disk esterni, e mantenuto quelle cartelle che effettivamente voglio condividere.

Ad esempio su una cartella dropbox ho messo le cartelle che effettivamente vengono aggiornate da piu' computer, mentre quelle con le password o altre informazioni importanti non le ho messe su dropbox. Usare dropbox come macchina per fare le copie di sicurezza non mi sembra una soluzione utile: inoltre riempio lo spazio con mille informazioni che vogliono restino in azienda, e il fatto che i nomi dei files restano in chiaro, non mi piace molto. Fa capire comunque come lavoro e con chi lavoro.

Quindi, dopo un uso eccessivo di dropbox, che comunque occupa banda, ho compreso che era meglio usare account diversi in modo tale che la cartella principale sia chiaramente legata al computer principale, e ne ho condiviso l'accesso solo con i pc che mi interessava, solo per le cartelle veramente da condividere per la scrittura e lettura.

Per esigenze di backup sconsiglio di usare dropbox, anche se non e' escluso che lo si possa usare come strumento di backup. Ma la sua vocazione e' altrove.

Faccio una fattura su un'altra macchina ? Me la ritrovo sulla mia immediatamente sincronizzata, senza pensarci.

E' diverso dal volere fare copie di sicurezza.

 

CONCLUSIONI

Funziona ovunque, anche in mobilita'.

E' utile e semplice. Non rallenta il computer ne' la connessiona a internet. Ma va utilizzato con parsimonia.

Se i dati non possono essere letti nel momento in cui sono sulla cloud, tuttavia i nomi dei files restano in chiaro.

E' bene ricordarlo per evitare di sbandierare al mondo dei pirati chissa' quali informazioni.

24.05.2010 Spataro
Fonte: Dropbox




Segui le novità in materia di Software su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Software:


"Lavorare insieme per il bene comune. Questa si chiama amicizia sociale" - Papa Francesco ai giovani a Cuba


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in