Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

  


Una cloud tutta europea. Esiste.

open source e federata

adv iusondemand
Google 12.04.2010    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

In 111 pagine la privacy nei video di youtube per il Tribunale di Milano, ma c'e' anche il vademecum del Garante

111 pagine ancora da leggere - L'accusa afferma che le leggi si applicano anche al web, ma il Garante riconosce le specificitÓ del problema (escludendo la responsabilitÓ dell'impresa nei social network per quello che fanno gli utenti)

 

Indice

  • Quindi, in breve
T

Tutti gia' criticano la sentenza, ancora introvabile.

Io cito il Garante proprio sui problemi dei social network:

"D'altro canto, i servizi di social network sembrano mettere in discussione il concetto di spazio individuale nella sua accezione sociale. I dati personali divengono accessibili pubblicamente (e a livello globale) secondo modalità e in quantità sinora sconosciute(3); soprattutto, ciò avviene nei riguardi di un'enorme quantità di immagini e video digitali.

"Per quanto concerne la privacy, una delle sfide di fondo è rappresentata probabilmente dal fatto che la maggioranza dei dati personali pubblicati attraverso servizi di questo tipo sono resi pubblici su iniziativa degli stessi utenti e in base al loro consenso. Mentre le norme "tradizionali" in materia di privacy vertono sulla definizione di regole che tutelino i cittadini dal trattamento sleale o sproporzionato dei loro dati personali da parte dei soggetti pubblici (compresi polizia e servizi segreti) e delle imprese, vi sono pochissime norme che disciplinino la pubblicazione di dati personali su iniziativa dei singoli – anche perché ciò non ha mai rappresentato un tema di primo piano nel mondo "offline", e neppure su Internet prima dell'avvento dei servizi di social network. Inoltre, la legislazione in materia di protezione dati e privacy ha tradizionalmente previsto norme di favore per il trattamento di dati personali derivanti da fonti pubbliche."

Piu' cito il Garante e piu' mi sembra di trovare spunti lungimiranti.

Il testo merita essere letto tutto, al link indicato, soprattutto per compararlo con i rilievi del giudice di Milano.

Da Repubblica.it le motivazioni della sentenza:

Magi: "L'informativa sulla privacy era del tutto carente o comunque talmente nascosta nelle condizioni generali del contratto da risultare assolutamente inefficace per i fini previsti dalla legge".

"non viene qui costruita sulla base di un obbligo preventivo di controllo sui dati immessi", ma per "un insufficiente (e colpevole) comunicazione degli obblighi di legge", riguardo l'informativa sulla privacy.

La responsabilità dolosa dei tre dirigenti è stata riconosciuta nel "fine di profitto" e del "interesse economico".

Quindi, in breve:

  • per il Garante sui social network sono i singoli che trattano i dati,
  • mentre per il giudice e' Youtube che tratta i dati e deve dare adeguata informativa. Che era presente, ma ritenuta insufficiente o non adeguata.

Vedremo perche' solo leggendo il testo

 

 

12.04.2010 Spataro
Fonte: Garante Privacy




Segui le novità in materia di Google su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Google:


"Il mio cliente non ha alcuna fretta. Dio ha tutto il tempo del mondo" - Antoni Gaudý


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in