Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario    
             



Consulenza privacy e e-commerce



  






Censura 17.12.2009    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Ritorna il diritto di rettifica, e l'Europa ci salva

Se ne e' parlato oggi
Spataro

 

Indice generato dai software di IusOnDemand
su studi di legal design e analisi testuali e statistiche

I

Inutile trovare online i testi, le relazioni, le argomentazioni.

Il procedimento per fare leggi su internet e' quello tradizionale, quando un comportamento aperto potrebbe portare alla collaborazione di tutti coloro che sono online.

Leggiamo da Corriere.it:

"I punti da chiarire, secondo quanto sia apprende, sono in particolare due. Il primo riguarda la possibilità dell’autorità giudiziaria di ordinare l’oscuramento dei contenuti di siti in cui venga ravvisata istigazione a delinquere o apologia di reato. Si punta a trovare una formula che non sia "punitiva" in modo indiscriminato, ma colpisca solo gli autori del reato. "

I punti cruciali sono quindi questi:

  • se un giudice possa avere il potere di chiudere un sito, in che modo, e in che quantità (tutto o parte)
  • se la sanzione sia nei confronti del gestore del sito o dell'autore del contenuto.

La discussione, rinviata, e' quindi ancora una volta contro il caro principio di diritto che da anni continuo a ricordare, quello europeo che impone la responsabilità dell'autore di atti contrari alla legge, non di chi fa da provider.

Spiace sapere che Quintarelli confonde la nozione di provider con internet provider. Si parla di hosting. Chiunque ospita contenuti altrui e li diffonde con macchine fa hosting, anche su youtube, anche su un form di commenti.

Chi offre un servizio di hosting, al pari di un gestore telefonico, non e' responsabile per i contenuti finche' non gli vengono contestati.

Anche in materia di Privacy giudici inglesi hanno affermato che Google non risponde dei volti in street view (google), finche' non gli viene chiesto di rimuovere i volti, targhe, etc etc.

Insomma: e' necessaria una contestazione.

Ogni meccanismo automatico o ogni procedura che voglia presumere una contestazione non adempiuta sara' considerato censorio. E' evidente. E un potere di censura sul web, senza una sentenza impugnabile, prima di una sentenza definitiva, va valutato con moltissima attenzione. La Costituzione parla chiaramente.

Il punto che non si vuole capire e' che qualunque gestore di siti non ha interesse ad ospitare delinquenti. Segnalare contenuti illeciti e' sicuramente un aiuto, non una occasione per sanzionare il gestore.

Ma si preferisce fare la voce grossa equiparandoci a dei terroristi solo perche' siamo su internet.

Forse sarebbe meglio usare questi mezzi ogni giorno, o guardare figli e nipoti. E sapere il valore di quello che si fa nel concreto, non in astratto e con criteri legati a vecchie normative, che nulla hanno a che vedere con quello che e' il valore e la natura di internet oggi.

Le leggi ci sono. I reati pure. I delinquenti pure. La polizia postale anche.

E ci sono anche gli onesti. La maggioranza.

Una internet pulita e' interesse di tutti. Non solo dei politici, anche dei gestori. Sanzionarli invece che facilitarli e' creare difficoltà la' dove la collaborazione e' semplicemente utile a tutti.^ Senza far diventare nessuno poliziotto, ma nemmeno delinquente solo perche' offre un servizio aperto che viene utilizzato violando le regole d'uso che vietano le attività illegali.

 

17.12.2009 Spataro



Raccolta documentazione sul #socialban di #Trump
Libertà di parola e d'impresa da Parler ad Amazon, passando da Google e Apple
Trump: Executive Order on Preventing Online Censorship
Facebook e il potere di censura: il Tribunale di Roma (reclamo - sede cautelare)
Da censurare i singoli contenuti da Facebook, il testo completo dell'ordinanza
L'Agcom vuole processi sommari e service provider secondini degli utenti
Raccomandanzione sulla rimozione dei contenuti terroristici entro un'ora
Copyright: i motivi della protesta in sintesi
Copyright: Confindustria digitale boccia la riforma europea
Copyright: il comunicato stampa dell'EuroParlamento



Segui le novità in materia di Censura su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)


Dossier:



dallo store:
visita lo store









Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.238
Introdotte le statistiche di Google anonimizzate e temporaneamente