Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario    
             

  


Lavoro 11.05.2009    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Facebook in ufficio e' un diritto, una opportunità o va vietato ?

Se ne discute in modo non banale


Spataro

Download or Play, List or RSS:

 

Indice generato dai software di IusOnDemand
su studi di legal design e analisi testuali e statistiche

M

Michele Ficara e' un appassionato entusiasta della rete che la usa con intelligenza.

Su FriendFeed propone di "liberalizzare" Facebook nelle pubbliche amministrazioni, in polemica propositiva con il ministro Brunetta.

La discussione che e' sorta si rivela molto interessante.

 

FACEBOOK PER TUTTI

Michele provoca tutti e propone Facebook libero per tutti.

E' una proposta che vuole promuovere l'alfabetizzazione informatica in un contesto dove ci vuole, una proposta provocatoria quindi ma sicuramente non sciocca.

Il messaggio passa, e nei primi commenti troviamo accordo sulla materia.

Poi, pian pianino, qualcuno propone di controllare. Ma come ?

 

IL CONTROLLO AZIENDALE

Lo statuto dei lavoratori e il Garante della Privacy parlano chiaro: cio' che e' aziendale resta aziendale, il controllo sistematico dei singoli lavoratori e' vietato, ma il datore ha il dovere di controllare.

Controllare cosa ?

Ecco la necessità di scrivere le regole perche' siano conoscibili.

L'avv. Alovisio, esperto di privacy, cosi' come l'avv. Battaglini, mi confermano che la maggior parte delle questioni legate alla privacy in azienda si risolvono esplicitando l'uso dei computer, in un mondo dove l'analfabetismo produce danni per ignoranza e per furbizia.

 

FRIENDFEED PROPONE DI PIU' ...

Durante la registrazione su FriendFeed arrivano altri interventi per un controllo sistematico o per garantire l'uso di Facebook al pari di una pausa caffe', e qui dico qualcosa che i giuristi conoscono essere un diritto riconosciuto al pari di una sigaretta.

Ma l'idea di una concessione all'uso in modalità graduali e variabili nel tempo cresce con la semplicità di chi sa che e' inutile vietare tutto, ma che le regole vanno fatte rispettare.

Se quindi l'uso di Facebook porta a togliere lavoro, allora i limiti verranno resi piu' rigorosi finche' un uso piu' saggio da parte di tutti diventa uno stimolo per consentirlo piu' ampiamente.

Dipende ovviamente dalle dimensioni aziendali, pensate per esempio che per il telelavoro questo non ha senso, consideriamo il telelavoro spesso come un qualcosa che deve portare ad un risultato entro una certa scadenza. Se nel frattempo ci si occupa d'altro, e' il telelavoratore a doverne rendere conto.

 

^ CONCLUSIONI

Ancora una volta FriendFeed permette di gestire discussioni con grande velocità e flessibilità.

Gli argomenti trattati non sono banali e hanno permesso di approfondire alcuni aspetti piu' di dettaglio molto importanti.

Nel video lo screencast e per il download l'intervento in diretta.

11.05.2009 Spataro
Spataro


Vietato rilevare le presenze sul lavoro con le impronte digitali senza una legge
Furto di files dell'ex dipendente divenuto concorrente: la Cassazione
Privacy: sanzione per il redirect di email aziendale 10 mesi dopo la fine del rapporto di lavoro
RaiNews24: termoscanner per entrare al lavoro
Coronavirus: quale l'impatto e come muoverci
Videosorveglianza nascosta sul lavoro: il Garante italiano conferma la Corte di Strasburgo
Privacy e giudizi aziendali: la Cassazione consente al lavoratore di pretendere qualsiasi documento lo riguardi.
Il Garante sui consulenti del lavoro e sul ruolo di titolare e di responsabile. Importante anche per chi lavora nel web
Lavoro: Email tra colleghi con trattamento di dati non autorizzati: la Cassazione
Buon Natale



Segui le novità in materia di Lavoro su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)


Dossier:



dallo store:
visita lo store






Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.032