Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario    
             



Consulenza privacy e e-commerce



  


Ebay 16.02.2009    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

La truffa del secolo e' arrivata su Ebay ?

Mi scrive un lettore per denunciare un caso che riguarderebbe Ebay. Nella foto (courtesy of Spataro): l'apparenza inganna: bicicletta o ... ombre ?


Spataro

 

Indice generato dai software di IusOnDemand
su studi di legal design e analisi testuali e statistiche

N

Non arrivano spesso email simili. Per fortuna.

Tramite ebay un venditore pare che abbia studiato bene i meccanismi di contestazione.

Non appena i primi commenti negativi (reali) sono arrivati, ha usato i forum per annunciare i rimborsi, e non avere bloccato il conto.

Tanti avrebbero ricevuto una sveglia invece di un televisore, o cose simili.

"un venditore registrato al sito ebay e garantito da molti feedback positivi ha truffato centinaia di ignari acquirenti che in piccola parte si son visti recapitare un asciugacapelli a posto di una costosa macchina fotografica o una sveglia al posto di un tv al plasma, e questo solo nel migliore dei casi perchè chi come me si è fatto truffare per ultimo non ha visto nemmeno il gadget consolatorio in quanto dopo i primi feedback negativi rilasciati da altri utenti il venditore ha chiuso l'account sul sito e si è reso definitivamente irraggiungibile."

 

I rimborsi annunciati non sono stati fatti, e il venditore con tanto di partita iva ha continuato a prelevare i soldi da ebay e portarseli a casa, sbloccando "vari conti".

Non linkero' il forum di Ebay. 

Da una parte questo mi dice che:

1) in qualunque vendita a distanza sono possibili fregature

2) un conto e' l'inadempimento dell'imprenditore serio, un conto il truffatore

3) esistono gia' tutte le norme penali e civile per reagire

A volte mi chiamano i miei clienti e mi chiedono se possono fidarsi di me. Gli dico di no.

E' semplice: non mi conoscono, quindi non ci si deve mai fidare di nessuno, pero' li prego anche di controllare da quanto tempo sono online e come e' conosciuta la mia azienda.

Insomma: ho investito soldi nella mia società, e sono contento di farla crescere, e preferisco non avere un cliente piuttosto che promettere cose che i clienti vogliono ma io non posso dare.

Il tizio che vendeva sveglie, macchine fotografiche, televisioni, cos'era ? Un grossista ? Un amatore di tutta la tecnologia esistente nel mondo ? Un turista a tempo pieno ?

Insomma: e' possibile ancora oggi prendersela con Ebay, che collabora con la polizia postale e fa di tutto per far scoppiare il prima possibile le truffe, se nessuno di noi sta attento a chi da' i propri soldi ?

Io lavoro moltissimo con internet, pago tutti i miei fornitori a distanza con carta di credito, li ho scelti e per ora e' andata bene anche quando e' andata male la fornitura.

Ma contro i delinquenti non c'e' niente da fare prima: c'e' solo da stare attenti.

Ecco la furbata:

"Ma la cosa che ha del pazzesco è che in un primo momento, quando la situazione si stava mettendo male, il venditore ha scritto sul forum di ebayabuse.it convocando a leggere tutti gli utenti fregati e rassicurandoli che ci stava mettendo la faccia e la buona volontà a risarcire tutti e mostrando che dai suoi conti potevano uscire solo pochi rimborsi giornalieri. La gente ovviamente ha continuato a dargli fiducia ma quando i rimborsi da lui pubblicati in realtà non erano stati fatti e i primi feedback negativi su ebay annunciavano quella che era una delle più grandi truffe degli ultimi anni il furbo venditore di aria fritta è scomparso ma in questo tempo ha messo a segno altre vendite ed in più ha sbloccato più fondi possibili dai conti sui quali gli venivano accreditate le somme relative alle aste vinte .. insomma si era studiato bene anche quest'ultimo trucchetto per mettere la ciliegina sulla torta!!"

 

Vogliamo chiudere il commercio a distanza perche' ci sono delinquenti ? No. La liberta' d'impresa e' ancora un valore, per fortuna.

Quello a cui ci dobbiamo rassegnare che questo non e' un mondo perfetto, e che i deliquenti ci sono.

Per inciso: io ho trovato il delinquente comprando la mia automobile in una concessionaria anni fa, e solo una reazione ben pianificata con il legale che mi ha assistito ha permesso di sbloccare la situazione. Ed era una macchina gia' pronta a cui non mancava nulla eccetto un ultimo pezzo di carta. Il tipo e' fallito anni dopo, non senza aver fatto parlare Milano.

Quindi non dico che non puo' capitare. Dico che puo' e deve capitare perche' ci sia la libertà d'impresa.

Ma sinceramente dare tanti soldi ad uno che non si vede, per una merce che non si vede, senza garanzie, ha senso ?

Non si deve fare, ma lo qualcuno lo fa. Allora si va in Polizia e dall'avvocato.

Ma Ebay, per favore, ringraziamoli. Se vogliamo correre il rischio di un venditore che non esiste, lasciamo perdere.

Cosa si potrebbe fare piuttosto ?

So di un cassiere di banca che mi confidava di aver comprato un meraviglioso televisore spendendo un terzo in meno.

Gli chiesi come si e' potuto fidare.

Semplicemente telefono' alla banca del venditore e chiese, come banca, come stava il loro cliente. Gli dissero che era uno affidabile.

La privacy vieta (?) queste informazioni, come anche vieta di sapere se un amministratore condominiale e' incensurato o meno.

Ma potremmo firmare per accettare di pubblicare le informazioni su di noi, che lavoriamo seriamente.

Troppo complicato pero', per ora. Ma promuovere la totale trasparenza potrebbe essere interessante.

Ma non illudetevi: ci sarebbe chi, utilizzando la sincera trasparenza, se ne approfitterebbe in modo illecito.

Quindi ? Anche le imprese si devono difendere.

Basta pero' vedere chi e' sul mercato e da quanto tempo.

Poi gli alberi lungo il Tevere li possiamo lasciare al Comune di Roma (fu una truffa famosa non conclusa).

Ecco perche' mi e' stato segnalato questo caso:

"Spero che questa volta cambi qualcosa sul fronte dell'e-commerce in quanto deve essere possibile fare acquisti in tranquillità per tutti anche i meno esperti e più timorosi delle nuove tecnologie e non deve essere invece il campo di gioco di truffatori e furboni che agiscono sicuri dei pochi controlli in rete. "

No: i controlli non sono delegabili. Prima di tutto controlliamo noi, poi segnaliamo. Non lasciamo sempre, all'italiana, che ci sia qualcuno che si prende cura di noi. Ci sono, ma non sono onnoscienti e onnipresenti.

Piuttosto sono i delinquenti che sanno di poter contare sulla nostra pigrizia di denunciarli tempestivamente, per sfiducia nel sistema giudiziario. 

^ Forse e' meglio pagare di piu' ma avere, udite udite, l'assistenza, moneta che si paga e vale qualità.

Assistenza.

Ricordatelo.

 

16.02.2009 Spataro



Dal negozio su Ebay al sito personale: l'ecommerce dei negozianti
Ebay: deve parlare nella lingua della nazione alla quale si rivolge
Ecommerce: dogana, vendite drop shipping ed ebay - testo della sentenza
Ecommerce: sentenza sul drop ship - commento
Avv. Massa: Ebay e la responsabilita' degli store online
Drop Shipping
Il contratto tra Skype ed Ebay e il business model nelle cessioni
Truffe ai venditori inesperti di ebay
Vendere on line piu' di 1000 euro con ebay ? La Guardia di Finanza interviene
Polizia postale e Ebay: consigli sul vendere in sicurezza



Segui le novità in materia di Ebay su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)


Dossier:



dallo store:
visita lo store






Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.116