Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Prostituzione 20.09.2008    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Prostituzione vietata in luoghi aperti al pubblico: sara' esplosione su internet

Lotta alla prostituzione pubblica. Si faccia di nascosto. Ma internet ?

 

Indice

  • Articolo 4 (Norme finanziarie e abrogazi
s

su proposta del Ministro per le pari opportunità, Maria Rosaria Carfagna, e del Ministro della giustizia, Angelino Alfano:

- un disegno di legge che, in materia di prostituzione, per la prima volta configura come reato l’esercizio in luogo pubblico o aperto al pubblico, anche al fine di meglio contrastarne lo sfruttamento da parte di organizzazioni criminali.

Le misure sanzionatorie sono le medesime anche per chi si avvale di (ovvero contratta) tali prestazioni.

Nuove e più rigorose sanzioni sono introdotte per contrastare la prostituzione di minori di diciott’anni, sia con riferimento all’induzione che al favoreggiamento, allo sfruttamento, alla gestione, organizzazione e controllo di questa fattispecie particolarmente odiosa di prostituzione.

Se si tratta di soggetto di nazionalità extracomunitaria, il minore che eserciti la prostituzione sul territorio dello Stato verrà rimpatriato in forma assistita, con adeguate forme di tutela della sua integrità psicologica, finalizzate anche al reinserimento sociale nel suo Paese;

 

LA RELAZIONE

 

Disegno di legge recante “Misure contro la prostituzione”
Relazione illustrativa


Il presente schema di disegno di legge è stato predisposto per contrastare efficacemente il fenomeno
della prostituzione ed il suo sfruttamento da parte delle organizzazioni criminali.


E’ proprio la prostituzione di strada che, oltre a creare il maggior allarme sociale, si presta a forme
di sfruttamento da parte della criminalità organizzata.


Il tema della prostituzione è da sempre assai controverso per le sue implicazioni etiche, culturali e
di ordine pubblico. Le condizioni di miseria sociale e morale in cui in prevalenza si consuma il
fenomeno della prostituzione impongono alle Istituzioni di intervenire attraverso misure che, in
primo luogo, tutelino la dignità ed i valori della persona umana e la sua libertà di determinazione
ed, inoltre, prevengano le cause di un diffuso allarme per l’ordine pubblico e la sicurezza.
A questo scopo è sentita come prioritaria esigenza, complementare rispetto alla punizione di chi
esercita la prostituzione per strada o nei luoghi aperti al pubblico, colpire con identica sanzione chi,
nei medesimi luoghi, si avvale della prostituzione o contratta le prestazioni delle persone che si
prostituiscono così alimentando il mercato della prostituzione e le organizzazioni criminali ad esso
sottese.


E’ noto come, anteriormente alla c.d. legge Merlin ( l. 20 febbraio 1958 n. 75), la prostituzione
esercitata nel rispetto delle disposizioni legislative non costituisse attività illecita. Tali disposizioni
imponevano l’esercizio della prostituzione in appositi locali, autorizzati e registrati, e obbligavano
le prostitute a controlli sanitari periodici ed obbligatori.


Con la legge Merlin è stata abrogata la legislazione precedente mediante l’introduzione di norme
dirette a tutelare la non punibilità di chi si prostituisce ed a contrastare lo sfruttamento della
prostituzione attuata anche sotto la forma dell’esercizio della casa di prostituzione ed il
favoreggiamento della prostituzione.


Con l’introduzione del reato di prostituzione in luogo pubblico o aperto al pubblico si mira ad
eliminare la prostituzione di strada, come fenomeno di maggiore allarme sociale e
contemporaneamente contrastare lo sfruttamento della stessa in quanto è soprattutto in luogo
pubblico che si perpetrano le più gravi fattispecie criminose finalizzate allo sfruttamento sessuale.
Resta, naturalmente, esclusa la punibilità della persona che abbia esercitato la prostituzione perché
costretta mediante violenza o minaccia. Si tratta di vittime delle organizzazioni criminali o,
comunque, di coloro che, approfittando della debolezza o della miseria altrui, esercitano, mediante
violenza o minacce, una pressione non vincibile da parte del soggetto debole costringendolo a
tenere la condotta per questo non punibile.


Particolare attenzione è poi dedicata alla prostituzione minorile, purtroppo sempre più diffusa ed
esercitata in special modo da persone straniere. Viene interamente riscritto l’art.600-bis del codice
penale, tenendo conto degli obblighi assunti con la Convenzione del Consiglio d’Europa per la
protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale, fatta a Lanzarote il 25 ottobre
2007, meglio delineando la condotta dello sfruttamento della prostituzione minorile, chiarendo che
l’utilità, anche se solo promessa, in cambio della quale il minore compia atti sessuali può anche
essere non economica, rivedendo il regime delle circostanze ed aumentando le relative pene per
l’induzione.Viene inoltre stabilito l’obbligo di rimpatrio dei minori stranieri non accompagnati, al
fine di realizzare il loro ricongiungimento familiare. A tale scopo, è rimessa ad un apposito
regolamento la fissazione delle modalità di riconsegna alle autorità nazionali dei minori stranieri, in
base ai principi di accelerazione e semplificazione delle relative procedure, garanzia dell’unità
familiare del minore e osservanza di misure di protezione.


Il presente disegno di legge si compone di 4 articoli.


L’articolo 1 (Modifiche alla legge 20 febbraio 1958, n. 75) introduce il reato di esercizio della
prostituzione ovvero invito ad avvalersi della stessa in luoghi pubblici (strade, parchi, aperta
campagna, ecc.) o luoghi aperti al pubblico (ossia frequentabili da chiunque, es : locali pubblici,
esercizi accessibili al pubblico) punito con l’arresto da cinque a quindici giorni e con l’ammenda da
duecento a tremila euro.
Alle medesime pene soggiace chi in luoghi pubblici o aperti al pubblico si avvale delle prestazioni
sessuali di soggetti che esercitano la prostituzione o le contratta. Se, invero, la prostituzione come
tale deve considerarsi fenomeno di allarme sociale, non può ammettersi un distinto trattamento tra
chi la eserciti e chi se ne avvalga (il cliente).


Articolo 2, (Prostituzione minorile e rimpatrio). Comma 1. E’ prevista la sostituzione dell’attuale
art. 600–bis. Viene punito con la reclusione da sei a dodici anni e con la multa da 15.000 a 150.000
euro chi recluta o induce alla prostituzione minori o chi trae profitto, anche nelle forme del
favoreggiamento, sfruttamento, gestione, organizzazione o controllo, dalla prostituzione di minori.
Chi compie atti sessuali con minori in cambio di denaro o qualunque tipo di utilità, anche non
economica, anche solo promessi, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni e con la
multa da 1.500 a 6.000 euro.
Se il minore è di età inferiore a sedici anni, la pena è aumentata da un terzo alla metà e la
circostanze attenuanti non possono essere equivalenti o prevalenti rispetto al prescritto aumento di
pena.
Se l’autore dei fatti è minore di diciotto anni la pena è ridotta da un terzo a due terzi.


Comma 2. Tenuto conto della fortissima incidenza della nazionalità estera dei minori che si
prostituiscono, sono introdotte nuove norme in materia di rimpatrio di minori stranieri non
accompagnati, presenti nel territorio dello Stato, finalizzato al ricongiungimento del minore alla
propria famiglia. Con un regolamento, da emanarsi antro sessanta giorni dall’entrata in vigore della
legge, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri o di Ministro delegato, sentite le
strutture governative delegate dal Presidente del Consiglio nella materia della famiglia, con il
concerto dei Ministri del lavoro, della salute e delle politiche sociali, degli affari esteri, dell’interno,
della giustizia e per le politiche europee, sono previste procedure semplificate ed accelerate per
favorire, nel suo interesse, il rimpatrio del minore nel paese d’origine, garantendo il principio
dell’unità familiare e con l’assistenza necessaria ad assicurare la massima protezione del minore.


Articolo 3 (Associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione) Per
contrastare le organizzazioni finalizzate al compimento dei reati di prostituzione minorile e di
induzione, agevolazione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, è previsto un
inasprimento delle pene per questo tipo di associazione a delinquere, stabilite nella reclusione da
quattro a otto anni per i promotori ed organizzatori dell’associazione e da due a sei anni per i
partecipanti.


Articolo 4 (Norme finanziarie e abrogazioni) La norma contiene una clausola di invarianza di oneri
per la finanza pubblica in riferimento alle procedure di rimpatrio dei minori non accompagnati
previste all’art.2, comma 2.


Viene, infine, abrogato l’art. 5 della legge n. 75 del 1958 , superato dalla previsione del nuovo reato
di cui all’art. 1.

20.09.2008 Min. OpportunitÓ
Fonte: Min. opportunitÓ




Segui le novità in materia di Prostituzione su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Prostituzione:


"I nostri problemi vengono creati dall'uomo, perci˛ possono essere risolti dall'uomo." - John F. Kennedy 1962


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in