Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario    
             



Consulenza privacy e e-commerce



  


Diffamazione 04.06.2008    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Sequestro sito internet: cassazione V penale 17401 del 2008

Il caso di un gestore di sito che offende una persona ben oltre il diritto di critica.
Spataro

 

C

Corte Suprema di Cassazione
Sezione V Penale
Sentenza n. 17401/2008
(ud. 15 gennaio 2008)
(dep. 29 aprile 2008)
Fatto e diritto

Con ordinanza del 19.9.2007 il tribunale di Roma, in sede di riesame, confermava il provvedimento, con cui il g.i.p. dello stesso tribunale, in data 5.7.2007, aveva disposto il sequestro preventivo, mediante oscuramento, del sito internet omissis e della home page del sito omissis, in relazione al reato di diffamazione a mezzo internet ed a mezzo televisione (art. 595 c.p., comma 3), perpetrato in danno di F.E., per il quale era indagato R.P.

Avverso la suaccennata ordinanza del predetto tribunale il R. proponeva, per mezzo del difensore, ricorso per cassazione.
L'indagato chiedeva l'annullamento senza rinvio dell'ordinanza impugnata, deducendo:


1) erronea applicazione dell'art. 595 c.p., comma 3, con riferimento alla ritenuta sussistenza del fumus commissi delicti, giacchè, nella specie, ricorrerebbe l'esimente dell'esercizio di un diritto;


2) motivazione meramente apparente, con riferimento alla ritenuta sussistenza del periculum in mora legittimante il provvedimento di sequestro.
Il ricorso deve essere rigettato, essendo i suaccennati motivi privi di fondamento.


Invero, in tema di sequestro preventivo, la verifica del c.d. fumus del reato non può estendersi fino a far coincidere l'esame con un vero e proprio giudizio di colpevolezza, dovendo restare fuori dall'indagine il complesso degli elementi di valutazione che concorrono ai fini dell'accertamento della responsabilità dell'indagato, ed essendo sufficiente la semplice enunciazione, che non sia manifestamente arbitraria, di un'ipotesi di reato, in relazione alla quale si appalesi, almeno allo stato, la necessità di escludere la libera disponibilità della cosa pertinente a quel reato, stante il pericolo che siffatta libera disponibilità possa aggravare o protrarre le conseguenze del reato (Cass. Sez. 6^, 26.4.2004 n. 25056).


Nella specie, il tribunale, non discostandosi dal citato orientamento giurisprudenziale, ha ritenuto sussistente il fumus del delitto di cui all'art. 595 c.p., comma 3, evidenziando, correttamente, che le espressioni pronunciate dal R. nei confronti del F. ("servo, verme, bastardo...guardalo lì l'informazione in mano ai servi", "vergogna del giornalismo italiano... che insulta mezza Italia tutti i giorni dal suo cesso di telegiornale abusivo... fa la sceneggiata napoletana"), nell'episodio filmato dall'indagato e diffuso sul sito e sulla pagina web oggetto del sequestro de quo, travalicavano "l'alveo della critica delle funzioni svolte dal F., atteso il tenore palesemente e gratuitamente offensivo delle stesse" espressioni.


Il tribunale ha altresì giustificato la sussistenza del periculum in mora con sintetica, ma congrua, motivazione, la quale sottolinea che "il disposto vincolo cautelare reale si presenta, nella specie, assolutamente necessario al fine di evitare che si possano aggravare o protrarre le conseguenze del reato in contestazione, evenienza che discenderebbe dalla libera disponibilità, in capo al R., del sito e della pagina web" oggetto del sequestro preventivo.


P.Q.M.


La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del procedimento.

04.06.2008 Spataro
Penale.it


Doxing
In 7 a rinvio a giudizio per like su Facebook
Prima decisione sul contesto e sulla rimozione di contenuti a richiesta
Ancora sulla diffamazione a mezzo Facebook
Diffamazione e potenziale condivisione urbi et orbi
Cassazione: condannato blog per conoscenza presunta di commento diffamatorio
Identificazione a mezzo ip address: i tecnici e i giudici
La diffamazione a mezzo Facebook e' aggravata
In merito della diffamazione a mezzo wiki di associazioni: il tribunale di Roma
Come comportarsi in caso di offese via internet ?



Segui le novità in materia di Diffamazione su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)


Dossier:



dallo store:
visita lo store






Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.336
Introdotte le statistiche di Google anonimizzate e temporaneamente