Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

  


Una cloud tutta europea. Esiste.

open source e federata

adv iusondemand
Legge stampa 30.05.2008    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Riforma editoria: usando la multimedialitÓ tutti quelli che guadagnano dovranno diventare editori

Internet resterÓ uguale. Ma se hai un prodotto editoriale (se fai soldi) dovrai diventare editore. Tutti uguali. O meglio, costi maggiori per i piccoli imprenditori del web che dovranno diventare anche editori. Nel podcast estratti dell'intervento di Bonaiuti e Masi

Download or Play, List or RSS:

 

Indice

  • Ricordate: quando fu imposto al mondo de
&

"E maturo il tempo di una legge di sistema per l'editoria. Una legge che tenga conto dell'ottica moderna, cioe' quella della multimedialità. Serve un grande sforzo. Occorre una riorganizzazione del mondo dei media in funzione della multimedialita' che sta arrivando". Lo ha dichiarato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all'Editoria Paolo Bonaiuti, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Paolo Bonaiuti e' nato a FIRENZE il 7 luglio 1940 - Laurea in giurisprudenza; Giornalista professionista Eletto nella circoscrizione XII (TOSCANA).

Nuova definizione di prodotto editoriale, estensione alla multimedialità, e i giornali sono molto importanti.

Vuole tutela l'editoria e soprattutto la piccola editoria, per una duplice esigenza: il prodotto editoriale deve soggiacere a logica di mercato, ma e' anche un medium che fa circolare idee e cultura, e per questo preservato.

Probabilmente, a mio modesto e infondato parere, chi fa soldi su internet con le idee dovrà diventare editore e registrarsi all'agcom, le cui incombenze sono costose e complicate per ogni piccolo editore.

Ma posso sbagliarmi.

Non importa che l'Italia sia il paese degli adempimenti burocratici e per questo evitato dal mercato internazionale.

L'importante e' tutelare.

E poi i contributi all'editoria. Bisogna prendere atto che internet raccoglie pubblicità meglio dei giornali cartacei.

La definizione di prodotto editoriale sara' molto ampia per non dover inseguire il mercato. Cosi' si applicherà a tutti coloro che avranno un qualche ritorno economico, imponendo di diventare editori, non solo imprenditori.

Insomma: si fara'.

Fatela bene, lasciando ai piccoli opportunità nuove e non adempimenti nuovi obbligando tutti quelli che guadagnano su internet a diventare editori.

C'e' da dubitarne pero'.

Mauro Masi in conferenza stampa prende la parola.

Mauro Masi, che mi ero perso per strada, e' il papa' di tante recenti riforme che "hanno creato problemi" a chi e' su internet.

Basta sfogliare Punto-Informatico a questo link.

Tra le dichiarazioni piu' belle quella che ha fatto storia, e risorgerà certamente: "Mauro Masi , distintosi recentemente per aver dichiarato che ogni sito internet deve avere un direttore responsabile" (Editoria online, il calvario non è finito) da punto-informatico.it

Facendo diventare un sito web (dove si guadagna) prodotto editoriale si assogetterà l'impresa alle norme sull'editoria. Et voilà.

Ricordate: quando fu imposto al mondo del videotel, Videotel mori'.

 

30.05.2008 Spataro
Fonte: Governo




Segui le novità in materia di Legge stampa su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Legge stampa:


"Non c'Ŕ vento favorevole per chi non sa in che porto vuole andare." - Seneca


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in