Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il glossario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Glossario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

  


Firma elettronica 14.04.2008    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Ore 17.00: Firma digitale PEC contestata: troppo caotica. Ne parliamo con l'avv. Nicola Fabiano

Lunedi' 14.4.2008 ore 17.00 - La Pec e' troppo caotica e non utilizzabile all'estero: chiesta l'infrazione per la normativa italiana.
Spataro

Download or Play, List or RSS:

 

Indice generato dai software di IusOnDemand
su studi di legal design e analisi testuali e statistiche

A

Al link il testo della denuncia d'infrazione alla Ue.

Lunedi' ne abbiamo parlato in diretta con l'avv. Nicola Fabiano, contattabile al sito www.studiolegalefabiano.it/

Denuncia allo Stato Italiano
per inadempimento delle norme comunitarie
su PEC, firma elettronica e fatturazione elettronica


L’Associazione “Cittadini di Internet”, Adiconsum e A.N.O.R.C.
hanno predisposto una denuncia per l’apertura di una procedura d’infrazione


ROMA, 11 aprile 2008 – L’Associazione “Cittadini di Internet” (www.cittadininternet.org), in
collaborazione con Adiconsum (www.adiconsum.it) ed A.N.O.R.C. (Associazione Nazionale per
Operatori e Responsabili Conservazione sostitutiva - www.anorc.it), ha avviato oggi l’apertura di una
procedura d’infrazione contro lo Stato Italiano
per inadempimento delle norme comunitarie in
materia di firma elettronica, posta elettronica certificata e fatturazione elettronica.


La denuncia è stata formalmente presentata agli Uffici competenti dell’Unione Europea.


Tale iniziativa nasce dalla constatazione che la vigente normativa italiana in materia di firme
elettroniche, PEC e processi d fatturazione elettronica oltre che la corposa e caotica produzione
legislativa sviluppata nel corso degli ultimi anni si pongono in contrasto con la legislazione
comunitaria
e, pertanto, con le realtà esistenti negli altri Stati membri della Comunità Europea. In
Italia, difatti, si annoverano la firma elettronica, la firma digitale e la firma elettronica qualificata,
mentre in Europa esistono soltanto la firma elettronica e quella elettronica avanzata.


Ciò disorienta tutti i cittadini sia nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, sia tra privati ed
imprese, sia ancora nei rapporti con soggetti appartenenti ad altre nazioni dell’Unione Europea.
Inoltre, questa incongruenza legislativa si riflette sulla normativa in materia di fatturazione
elettronica (e conservazione digitale dei documenti fiscalmente rilevanti) che prevede processi rigidi
e formali per i contribuenti, che non trovano giustificazione nel panorama comunitario.


Oltre a ciò, la posta elettronica certificata (P.E.C.) è una realtà solo italiana, poiché non ha un
equivalente tecnico in nessun altro paese al mondo, rendendola di fatto uno strumento
assolutamente non interoperabile ed inutile a livello comunitario e mondiale.


«La disciplina italiana in materia di innovazione digitale è assolutamente caotica e disorganica. In
particolare, le norme che disciplinano le firme elettroniche non sono completamente compatibili con
gli standards europei ed internazionali. L’Italia, anzi, con la propria normativa si è discostata dalla
disciplina comunitaria in materia.» ha affermato l’Avv. Nicola Fabiano, Presidente dell’Associazione
“Cittadini di Internet”.


«La P.E.C., poi,è un prodotto tutto “made in Italy” che, però, il mondo intero ignora» – ha
continuato l’Avv. Fabiano - «è costosa per il cittadino e non può essere utilizzata se entrambi gli
interlocutori non la posseggono. Si pensi che la normativa che la disciplina, peraltro, prescrive il suo
funzionamento solo con la firma elettronica avanzata che lo Stato Italiano ha abrogato qualche
tempo fa !».

L’iniziativa proposta dalle Associazioni firmatarie della denuncia si è resa quindi necessaria per
sensibilizzare le Istituzioni alla esigenza di una migliore e più razionale disciplina con cui
regolamentare il sistema delle nuove tecnologie rendendolo, con strumenti validi in tutto il contesto
europeo ed internazionale, uniforme e concretamente fruibile.


«La normativa italiana in materia di innovazione digitale di questi ultimi anni si è caratterizzata per
caos e disomogeneità che ne hanno impedito una reale applicazione pratica» ha affermato l’Avv.
Andrea Lisi, Presidente di ANORC e docente di Informatica Giuridica dell’Università del Salento.


Questo è accaduto poiché «la foga del legislatore nazionale – ha precisato Lisi – non ha fatto che
produrre una moltitudine di regolamentazioni rigide e innovative che non sono allineate con gli
strumenti attualmente in uso nel contesto comunitario e internazionale
. Pertanto, è da tempo che
sottolineo come la normativa italiana rischia di essere oggi un bellissimo gioiello da indossare per
dimostrare a tutti come siamo all’avanguardia, ma che in realtà ha prodotto solo un imbarazzante
isolamento dal punto di vista dell’utilizzo di alcuni strumenti regolamentati che non riescono a
imporsi nelle prassi della Società dell’Informazione che ha una (ovvia) vocazione “a-nazionale”».


«La normativa in materia – ha concluso Paolo Landi, Segretario Generale Adiconsum - non può
^ quindi ritenersi realmente all’avanguardia
se non si pone questi importanti obiettivi: allineamento
con la normativa comunitaria, interoperabilità a livello internazionale e facilità di utilizzo degli
strumenti regolamentati, attenzione alla sicurezza informatica». “Anche con la firma digitale –
continua Landi, - la burocrazia è stata capace di portare l’Italia in un vicolo cieco, dopo che con
Frattini eravamo partiti in anticipo e bene”.


Per maggiori informazioni, scrivere un messaggio e-mail all’indirizzo e-mail
spetaccia@cittadininternet.org.

 

******* Associazione Cittadini di Internet *******
SEDE LEGALE - C.so del Popolo, 63 – 05100 Terni
Phone: +39.0744. 461225 – Fax: +39.0744.460842

14.04.2008 Spataro
Associazione Cittadini di Internet


Le firme elettronica, semplice avanzata e le altre
Agid: in pubblicazione linee guida sulla firma online di atti e contratti tramite SPID
Conservazione sostitutiva
Inviare un messaggio Whatsapp e firma elettronica: licenziare e' lecito ?
Regolamento Eidas sulla firma elettronica europea
Fattura elettronica e P.A.
Il mio primo contratto firmato con la pec
Come leggere la posta pec sulla propria email
Leading case: prima causa sulla PEC del cittadino
Marca postale elettronica



Segui le novità in materia di Firma elettronica su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)


Dossier:



dallo store:
visita lo store






Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand




Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 1.836