Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Computer crimes 09.04.2008    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Entrata in vigore la L. 48/2008, di ratifica della Convenzione di Budapest sul cybercrime

Giovan Battista Gallus, esperto anche di diritto penale di internet, ci segnala. - Photo credits to scyza on Stockexchange

 

Indice

  • Affidamento delle indagini in tema di re
G

Giovan Battista Gallus ci segnala l'importante commento disponibile IN FORMATO PDF

Riporto qui di seguito l'attenta sintesi:

"E' stata ratificata, con legge approvata dal Senato in data 27.02.2008, la Convenzione di Budapest 23 novembre 2001 del Consiglio d'Europa sulla criminalità informatica, il primo accordo internazionale riguardante i crimini commessi attraverso internet o altre reti informatiche, con l'obiettivo di realizzare una politica comune fra gli Stati membri, attraverso l'adozione di una legislazione appropriata, che consenta di combattere il crimine informatico in maniera coordinata.


"Detta legge introduce importanti modifiche al Codice penale, al Codice di procedura penale, al D. Lgs. 231/2001 (sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche) e al cd. Codice Privacy. Dopo un'appassionata ed elaborata analisi della normativa davanti alle Commissioni riunite di Giustizia e Senato, si è approdati in aula alla fine di febbraio con una serie di emendamenti al testo del disegno di legge del Governo. Va dato merito al Relatore del testo legislativo e agli altri componenti della Commissione Giustizia che hanno avuto l'accortezza, e se vogliamo l'umiltà, di rivolgersi ad un "gruppo di giovani studiosi" (vedansi le parole pronunciate nella Relazione di presentazione) per risolvere i problemi applicativi e interpretativi di alcune norme dello schema di disegno di legge (schema disegno di legge dell'11 maggio 2007) che presupponevano infatti una conoscenza approfondita dei metodi investigativi sulle cd digital evidence.
Ecco un primo analitico commento delle nuove norme: trattasi di 14 articoli, divisi in quattro capi.

"Tra le principali novità:

  1. La eliminazione della diversità nella definizione di "documento informatico" tra il diritto civile e il diritto penale;
  2. L'introduzione del delitto di false dichiarazioni al Certificatore (art. 495-bis c.p.);
  3. La profonda modifica dell'art. 615 - quinquies (Diffusione di apparecchiature, dispositivi o programmi informatici diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico o telematico) in tema di virus e malware, con l'estensione delle condotte non solo al software, ma anche alle altre "apparecchiature e dispositivi", utilizzati allo scopo di danneggiare illecitamente un sistema informatico o telematico;
  4. La rivisitazione del danneggiamento di dati, programmi, e dei sistemi informatici, anche di pubblica utilità, con l'introduzione della punibilità a querela del danneggiamento di dati "privati";
  5. L'introduzione di una nuova fattispecie di frode informatica, commessa dal soggetto che presta servizi di certificazione di firma elettronica;
  6. L'estensione ai reati "informatici" della responsabilità amministrativa degli enti, di cui al D.lgs 231/01;
  7. La profonda modifica delle procedure di acquisizione dell'evidenza informatica, mediante l'imposizione dell'adozione di misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l'alterazione, e in altri casi l'adozione di procedure che assicurino la conformità dei dati acquisiti a quelli originali e la loro immodificabilità;
  8. L'introduzione della proceduta di "congelamento" dei dati per ragioni urgenti, sottoposta a convalida da parte del Pubblico Ministero;
  9. L'affidamento delle indagini in tema di reati informatici e di pedo-pornografia agli uffici del pubblico ministero presso il tribunale del capoluogo del distretto di corte d'appello."

09.04.2008 Spataro
Fonte: avv. Giovanni Battista Gallus - Circolo




Segui le novità in materia di Computer crimes su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Computer crimes:


"Per tutti i cambiamenti importanti dobbiamo intraprendere un salto nel buio" - W.James


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in