Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Abbonati:




Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Comesiusainternet 01.02.2008    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Come si scrive un ebook ? La guida

Ebook reader, audio libri, video ... Tutti vogliamo pubblicare qualcosa, ma ... come ?

Download or Play, List or RSS:

 

Indice

  • In breve
R

Ricevo spesso scritti da autori via email. Di solito e' un momento importante e difficile, perche' so che si tocca la sensibilità dell'autore quando si dice che c'e' tutto da rifare.

Voglio vedere con te gli errori piu' comuni e i consigli piu' immediati da seguire.

 

Dall'inizio ...

Di cosa vuoi parlare ?

Cosa vuoi sostenere ?

Chi ti deve leggere ?

Queste sono le tre domande fondamentali, per me. Se non capisco nei primi tre paragrafi dove vuole andare l'autore, temo ci sia solo piacere narcisistico di scrivere.

Cosa significa ? Che l'autore scrive per se' stesso, per il piacere di farlo, non perche' vuole comunicare qualcosa a qualcuno.

Ora, prima di iniziare a scrivere questo testo, mi sono detto: come posso essere utile a coloro che vogliono mettere insieme dei contenuti ?

Questo e' un approccio.

Attenzione: non basta. Perche' internet e i digital media mettono avanti il fattore tempo: non devo pretendere dal lettore piu' di 10 minuti. Meglio meno di 5. Per l'approfondimento c'e' tempo, ed anzi, e' questo il modello di business, ma vediamo con calma.

 

Come ti leggeranno ?

Su una pagina web ? Su YouTube ? In un pdf ? In un podcast ?

Cambia poco: nei primi 20 secondi o nei primi 3 paragrafi il lettore decide se la cosa gli interessa.

Fattene una ragione: non tutto quello che scrivi interessa a tutti. Qualcosa di piu', qualcosa di meno.

Cicerone rispettava i canoni piu' classici della scrittura: una introduzione, una trattazione, una conclusione.

Inizio e fine devono essere brevi e scoppiettanti. Ti stai vendendo: sii interessante.

La trattazione deve essere articolata, ma come ?

 

Indice

Se hai pensato cosa scrivere, cosa sostenere e per chi, l'indice ti verrà da solo.

L'indice non e' quello che tu vuoi dire.

L'indice e' l'insieme delle curiosità che vuoi stimolare nei tuoi lettori.

Ricordati che la curiosità e' il motore di internet. Curiosità di sapere e di far sapere, ognuno con la propria passione. Meraviglioso.

Quindi l'indice e' la conseguenze di come impacchetti i contenuti. Come li proponi.

Ho letto pochi giorni fa, non ricordo il link, scusami, un autore americano che diceva: ho scritto un ebook completissimo, so che c'e' tutto ed e' scritto bene, ma sono anche sicuro che compreranno piu' facilmente un testo piu' breve e incompleto fatto da altri solo perche' non sanno cosa si perdono.

Questo significa aver sbagliato ad impacchettare i contenuti.

Se pensi a questo fin da prima della produzione dei contenuti, tutto sara' piu' semplice. Diversamente dovrai montare, tagliare, incollare, correggere, cercare di mettere a posto. E il risultato puo' essere buono, ma difficilmente ottimo.

 

Come ti presento i contenuti ?

C'e' una regola del 7: non meno di 5 e non piu' di 9 voci in un elenco.

Insomma: devi trovare circa 7 argomenti che faranno saltare sulla sedia il tuo lettore.

Deve poter dire: finalmente qualcuno ci ha pensato, cercavo questa risposta da anni !

Ed anche non deve dare l'idea che l'autore sa tutto di tutto. Deve solo sapere dire con chiarezza quello di cui sta parlando, che non e' l'enciclopedia universale, ma proprio quella cosa di cui vuole parlare perche' sa che quella cosa, e non altre, interessano al lettore.

Si diceva, tempo fa, non andare fuori tema.

Ma fuori tema e' ampio: il criterio e' tenere alto l'interesse.

Ora pensiamo alla lettura. Un pdf puo' essere letto su un monitor da 22 pollici extra large, o su un eeepc di asus da 7 pollici. Il carattere deve essere sempre grande, ma non troppo. Stampato deve essere godibilissimo, lasciando spazi ampi ai margini e ampie interlinee.

Il carattere deve essere leggibile: times o arial, ma anche georgia. Non fare cose folli, non serve.

L'impaginazione di un ebook non deve dominare. Insomma: non fare uno stile diverso per ogni paragrafo, anche in fase di produzione del documento finale ti da' troppe difficolta'.

Usa quindi i titoli e il testo, corsivo e grassetto, i rientri per le lunghe citazioni, le note a piu' di pagina, ma non cambiare lo stile in ogni paragrafo. Se vuoi, lo cambi per tutti agendo direttamente sullo stile, in modo da poter modificare tutte le parti contemporaneamente.

Odio i file con mille cambi di carattere, impaginazione: sono ingestibili e non si possono adattare ai diversi media (html, pdf per monitor o per ebook reader).

Evidenzia i punti fondamentali. Vai a capo spesso. Pazzo chi, ancora oggi, fa paragrafi di 10 righe senza mai andare a capo. Il tuo lettore e' pagato per starti dietro ? Gli stai spiegando come trovare l'oro oppure e' solo una tua idea che non sai spiegare meglio ?

 

Scrivere, scrivere, scrivere ? Leggere ! Leggere ! Leggere !

Per imparare a scrivere bisogna imparare a leggere. Scoprirai che scrivi molto piu' facilmente quando usi lo stesso stile di quello che leggi.

Cosa ti piace leggere ? Cose chiare, cose utili ?

Bene: pensaci chiaramente. Individua i punti importanti di quello che vuoi dire, saranno pochi ma utili.

Meno saranno e piu' utili saranno e piu' potrai venderli.

 

Vendere o gratis ?

Da anni ci sono superiori che ti fanno credere che se fai qualcosa per loro tu potrai averne un vantaggio.

Balle.

Se tu fai qualcosa per il mondo gratis, ne hai un vantaggio. Tutti ti conosceranno, non una persona sola.

Questo significa che devi fare tutto gratis ? No.

Facendo gratis preparerai gli argomenti in modo da poter verificare, in un secondo momento, quale argomento e' piu' interessante.

Facendo gratis sceglierai di scrivere per interessare, per rispondere alle argomentazione piu' comuni, per crearti un mercato di persone che si fidano di te e che possono valutare se sei competente.

Ho appena visto un sito che offre una licenza standard per servizi su internet: e' talmente piena di errori di diritto che farà nascere tante cause invece di prevenirle. Si vantano pero' di avere 30.000 utenti di quella licenza.

Si presentano ottimamente, ma mancano i contenuti. Tu per verificare se sono competenti andrai su altri siti.

Ricordalo quando scrivi: le persone controlleranno quello che tu dici andando da altri. Non dimenticarlo, e suggerisci loro di controllare.

L'idea e' medioevale: i glossatori prima e i commentatori dopo usavano il metodo di appuntare le idee, confrontarle, accettare le critiche e rispondere ad esse. Qualcosa che abbiamo dimenticato.

Non credere di essere l'unico sulla terra. Fai invece capire che ti sei fatto una idea chiara e perche'. Se qualcuno ti critica sei fortunato: puoi spiegare qualcosa meglio e prima degli altri.

Una volta capito "quanta gente vuole cosa" buttati sulla cosa piu' richiesta. E' li' che la gente ti ha apprezzato di piu'.

Studia la materia. Riflettici. Insisti.

E a quel punto esci con una guida a pagamento. Te la compreranno uno su 100 degli interessati, quindi fai i tuoi conti. Salvo eccezioni, naturalmente.

Ora che sai quanto venderai e sai di cosa scrivere, come preparai la guida a pagamento ?

Se dimentichi lo stile che hai presentato gratis, sbagli.

La prima tentazione e' quella di fare una cosa completa, una cosa superiore. Una cosa unica.

No: devi fare quello che hai gia' fatto, ma approfondendo alcuni punti.

I punti che approfondisci dovranno ancora essere interessanti per il lettore, non per te che scrivi. Devono essere brevi, chiari. Non cercare di fare l'enciclopedia, te l'avevo gia' detto, non ricaderci solo perche' ora fai un prodotto a pagamento.

Un suggerimento: se un ebook ti viene bene, puoi fare un paragrafo gratis e tutto il resto a pagamento. L'ideale sarebbe poter vendere i singoli capitoli al 50% del prezzo pieno, e l'intero ebook a prezzo pieno.

Nella parte gratuita ricorda di dare le informazioni su come acquistare il prodotto finito. L'utente non deve perdere tempo per sapere come comprarlo. Deve, possibilmente, fare un click e trovare gia' tutto pronto per pagare.

 

Solo scrivere ?

A ben vedere questi consigli sono trasversali, utili anche per i podcast, per gli audiolibri, per i video.

Tanto che se fai un ebook non devi assolutamente e categoricamente pensare di fare una presentazione video.

Non devi dimenticare un podcast, una versione per itunes, una per la psp.

E poi dare le versioni gratuiti in pasto a tutti coloro che vorranno pubblicizzarle. Internet offre spazi gratuiti, anche se chi li gestisce ha dei costi. Ringrazialo, sarai apprezzato.

 

In breve

Tiriamo le somme.

Di cosa vuoi parlare, cosa vuoi sostenere, chi vuoi che ti legga ?

Organizza introduzione e conclusioni accattivanti. L'indice deve essere di 7 voci, voci che organizzeranno il corpo del tuo scritto.

Decidi cosa mettere gratis e cosa a pagamento, e includi nel testo subito queste informazioni.

Vuoi dare versioni a pagamento ? Benissimo, saranno autorizzati ad usarlo, per finalità personali, solo gli intestatari della ricevuta fiscale che manderai loro. Scrivilo nella versione gratuita e a pagamento.

Fai un breve video. Se non sai parlare alla webcam impara a farlo: le persone comprano perche' si fidano di te. Non perche' hai scritto le cose piu' belle del mondo.

La promozione di un ebook e' un aspetto che puoi curare sul web tu stesso. Non dimenticare di farlo. Non serve fare una perla se poi non lo sa nessuno.

Ai tuoi lettori poi dai sempre un canale per contattarti. Non dare mai il tuo cellulare, dai una email, un account di skype, dai anche un recapito fax. Quello che ti manderanno sara' la parte piu' preziosa per la tua versione successiva dell'opera.

Per un mio ebook sull'uso dell'email in azienda (www.iusondemand.com/ebook) sono arrivato alla quarta versione, e sto lavorando alla quinta. Grazie a tante piccole email che ricevo.

Dal 2002 ho distribuito, in totale, quasi 40.000 ebook. La quasi totalità gratuiti, ma quelli a pagamento mi hanno dato qualche soddisfazione, anche per gli incontri che ho fatto grazie ad essi.

Tu hai altri consigli da dare ? Hai fatto una qualche esperienza simile con un tuo ebook ? Sono qui !

 

 

Spataro

www.IusOnDemand.com/ebook

 

 

01.02.2008 Spataro
Fonte:




Segui le novità in materia di Comesiusainternet su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)



Dossier:



dallo store:
visita lo store

Altro su Comesiusainternet:


"Le anime affini si salutano giÓ da lontano" - A. Schopenhauer


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in