Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario News alert    
             

  


Dizionario 01.02.2007    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Freeware: cosa significa - dizionario

Definizione

 

P

Per freeware si intende quel software per il quale l'autore o il legittimo titolare rinuncia al compenso derivante dai diritti di distribuzione e di sfruttamento commerciale.

Si distingue della shareware che prevede un pagamento dopo un periodo di prova oppure per sbloccare alcune funzionalità del software.

Si distingue dal software di pubblico dominio, in quanto l'autore si riserva il diritto al nome (v. rectius pubblico dominio). Nel freeware taluni ricomprendono anche il cardware e il giftware: il primo prevede che in cambio dell'uso si invii una cartolina (arachnophilia) il secondo un regalo, anche in contanti, di qualsiasi valore (spontanea elargizione). Questo perchè la prestazione dell'utente non è nè dovuta nè quantificata, così da non essere "controprestazione". Il bannerware invece vede come controprestazione il "subire" una finestra pubblicitaria, tanto che alcuni software controllano persino che tale finestra non venga coperta da altre finestre (Eudora).

Il freeware di solito soddisfa il bisogno di distribuzione di software semplice, oppure quello di acquisire consistenti fette di mercato di utenti, o infine per imporre uno standard. Su internet l'importanza del freeware è cresciuta con il tempo: un buon programma può essere utilizzato da decine di milioni di utenti. Infine Linux si rivela essere un sistema operativo particolarmente utilizzato e affidabile nel gestire server internet.

Roberto Guido e sono Consigliere dell'associazione Italian Linux Society ( www.linux.it ) manda:

"la menzione a Linux in questo contesto è inopportuna, esistendo tra le altre svariate distribuzioni commerciali (cfr. RedHat) assolutamente legittime e consentite da qualunque licenza freesoftware"
...
"la differenza tra "freesoftware" e "freeware" sta in gran parte nelle quattro libertà sopra citate (v. software libero), poichè il freeware non sempre può essere usato per qualsiasi scopo (moltissimi specificano nella propria licenza il divieto di uso commerciale) e non è modificabile (in quanto il codice sorgente non viene pubblicato). Inoltre nessuna licenza freesoftware impone la distribuzione gratuita, solo la consegna del codice sorgente a coloro che ne ricevono una istanza: la letteratura abbonda di casi di uso commerciale di freesoftware, assolutamente leciti ed anzi incoraggiati. Per questi motivi i due concetti andrebbero separati."

01.02.2007



Boomer
Pagine spotted
Flooding
Schwa
AirTag
Giustizia predittiva
Chatcontrol
Giudizio Maggioritario
Accessibilità
Wrapper



Segui le novità in materia di Dizionario su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)


Dossier:



dallo store:
visita lo store






Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.016