Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte.



Segui via: Email - Telegram
  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Podcast  Dizionario News alert    
             

  


E-Document 26.03.2004    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Email certificata tutta da realizzare, ma e' una proposta del Governo

Non tutte le email, non certamente quelle che usiamo oggi !
Spataro

 

I

Internet: l'e-mail diventa "posta elettronica certificata"

Il Consiglio dei Ministri ha varato un DPR, elaborato dal Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie, che riconosce validità giuridica ai documenti trasmessi per posta elettronica

La posta elettronica può diventare "posta certificata", come una normale raccomandata con avviso di ricevimento, così che l'invio e la ricezione di documenti con strumenti informatici (e-mail) avrà valore legale. Il Consiglio dei Ministri, su proposta di Lucio Stanca, ministro per l'Innovazione e le Tecnologie, e Luigi Mazzella, ministro per la Funzione Pubblica, ha infatti approvato un Dpr che disciplina l'utilizzo della posta elettronica certificata non solo nei rapporti con la Pubblica amministrazione ma anche tra cittadini. Essa sarà resa disponibile dai gestori di posta elettronica come un ulteriore servizio.

"Il provvedimento è un atto di modernità", ha detto Stanca. "La posta elettronica sta diventando sempre di più strumento quotidiano di comunicazione. La disposizione approvata oggi introduce la posta elettronica certificata dando maggior certezza della spedizione e ricezione del messaggio elettronico rafforzando, quindi, la validità giuridica della stessa comunicazione telematica, come del resto già avviene con la lettera raccomandata con avviso di ricevimento rispetto alla lettera con affrancatura ordinaria. Con questo decreto abbiamo posto le condizioni per una ulteriore maggiore diffusione di questo moderno strumento di comunicazione nel Paese. Ad esempio, anche nella stessa Pubblica amministrazione la posta elettronica sta avendo un sempre più ampio utilizzo: i messaggi elettronici scambiati fra amministrazioni e fra queste e l'esterno nel 2003 sono stati oltre 31 milioni, rispetto ai 14,6 milioni del 2002 ". Il ministro Stanca ha posto in evidenza "le rilevanti conseguenze non solo in termini di velocità e di efficienza, ma anche di risparmi. Ad esempio, ogni lettera che la Pubblica Amministrazione invia con i sistemi tradizionali comporta un costo stimato in almeno 20 €, contro i circa 2 € di una e-mail. Il Ministero degli Esteri con il passaggio dai tradizionali telegrammi (e la loro conservazione su carta) all'e-mail ha diminuito di oltre 17 tonn. la carta".

Da parte sua il Ministro per la Funzione Pubblica, Luigi Mazzella, ha affermato che "il premio ricevuto all'ONU come migliore amministrazione europea per le innovazioni apportate al nostro apparato burocratico non la considero una meta ma uno stimolo a raggiungere altre tappe. In questo quadro il provvedimento approvato oggi dal Consiglio dei Ministri rappresenta un punto di grande significato per il quale non posso che esprimere la più piena soddisfazione". Il decreto pone in rilievo i due momenti fondamentali nella trasmissione dei documenti informatici: l'invio e la ricezione. "Certificare" queste due fasi significa che il mittente riceve dal proprio gestore di posta una ricevuta che costituisce prova legale dell'avvenuta spedizione del messaggio e dell'eventuale allegata documentazione. Allo stesso modo, quando il messaggio perviene al destinatario, il suo gestore di posta invia al mittente la ricevuta di avvenuta (o mancata) consegna, con l'indicazione della data e dell'orario, a prescindere dalla apertura del messaggio. Insieme alla ricevuta di consegna, inoltre, il gestore del destinatario può anche inviare al mittente la copia completa del testo del messaggio.

Il decreto stabilisce inoltre che, nel caso in cui il mittente smarrisca le ricevute, la traccia informatica delle operazioni svolte venga conservata per ventiquattro mesi in un apposito registro informatico custodito dai gestori, con lo stesso valore giuridico delle ricevute.

Viene anche istituito un elenco ufficiale dei gestori di posta elettronica certificata presso il Centro Nazionale per l'Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA), al quale sono assegnati compiti di vigilanza e controllo sull'attività degli iscritti.

La Pubblica Amministrazione centrale già dispone di un servizio di posta elettronica certificata, mentre per quanto riguarda le pubbliche amministrazioni locali ben 50 progetti (dei 134 ammessi al cofinanziamento del Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie per i progetti di e-Government per gli Enti Locali) prevedono la realizzazione di servizi di posta certificata. Sono oltre una ventina le società tecnologicamente pronte che hanno già richiesto di essere inserite nell'elenco dei gestori.

Roma, 25 marzo 2004

A cura dell'Ufficio Stampa del Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie

26.03.2004 Spataro
Innovazione.gov.it


Quale valore della firma elettronica
Tutela del documento informatico
Il Governo annuncia: Al via la raccomandata elettronica
L'Email non può essere considerata equivalente a quella di un documento formato per iscritto: Tar Calabria
Amd contro Intel fondata su email ?
Re: validità posta elettronica come prova
Valore in giudizio del documento informatico
Legal Mail gratuita e spedita alle imprese. Ecco come imporre la posta certificata e regalare nuovi problemi
Cassazione – Sezione terza civile – sentenza 4 aprile-12 maggio 2005, n. 10021
Raccomandate per i d.i. e email per i d.i.



Segui le novità in materia di E-Document su Civile.it via Telegram
oppure via email: (gratis Info privacy)


Dossier:



dallo store:
visita lo store






Dal 1999 il diritto di internet. I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in 0.194