Spazio Sponsor

Social Software

La gestione della conoscenza e del segreto aziendale nell'epoca del web 2.0: una prima riflessione. Una tesi scritta in Finlandia pochi giorni fa e letta oggi qui a Milano ci stimola non poco.

C'era una volta un mondo ordinato.

Questo e' mio, questo e' tuo, se lo vuoi, mi dai qualcosa.

Poi venne un matematico a parlare di giochi collaborativi, spiegando, matematicamente, come alcuni giochi non funzionano cosi': funzionano meglio se l'organizzazione si fonda sul non pagare nulla, sul cooperare invece che limitare l'accesso alle risorse.

SOFTWARE AZIENDALE

Abbiamo passato anni a spiegare che le aziende non dovevano sottovalutare le proprie conoscenze, fatte di esperienze di validi dipendenti che grazie all'esperienza ed anzianità potevano dare qualcosa di piu' alle aziende.

Abbiamo spiegato come questo fosse segreto aziendale, legato dal dovere di riservatezza, e abbiamo chiesto di mettere queste informazioni nei contratti di assunzione e con i clienti e fornitori.

Poi il web 2.0 ha portato il marketing virale nelle aziende: ti spiego come lavoro, anzi, ti permetto gratis di usare il mio lavoro.

Cosi' Youtube ci fa registrare video e ce li fa mettere nei nostri siti. Senza chiederci nulla.

 

IL SOCIAL SOFTWARE

Per social software si intende quella o quelle soluzioni che permettono di condividere risorse con l'aiuto dei clienti che possono diventare anche fornitori.

Clienti e fornitori restano a costo zero: nessuno paga o spende. Usano gli strumenti gratis, e forniscono altre applicazioni e usi gratis.

Ma cosi' facendo rendono il servizio condiviso sempre piu' importante ed utilizzato.

E, grazie alla pubblicità, questo porta soldi.

Quindi tutto si basa sulla condivisione completa del proprio lavoro.

Fondamentale pero' e' che il cliente diventi fornitore, non resti un mero succhiainformazioni, lettore passivo, ma faccia qualcosa.

Un qualcosa che il software organizza creando un valore attorno all'azione del cliente, anche la piu' insignificante.

Ma se compro una canzone di George Benson itunes mi propone la Pausini, che mi piace, e io la compro. Perche' qualcuno l'ha fatto prima di me, ed ha i miei stessi gusti.

Cosi' facendo mi ha segnalato una canzone che non conoscevo e l'ho apprezzata. Io e lui non ci conosciamo ma ci siamo aiutati, e aiutiamo altri ancora dopo di noi.

 

DOMANI ?

Sara' dura immaginarsi il domani.

Le aziende che vorranno continuare con l'economia tradizionale avranno ottimi motivi.

I giovani pero' hanno raccolto la sfida di farsi forza insieme in un mondo immobile, e stanno facendo cose da non credere.

Loro. Noi. Chiunque.

Perche' su internet per essere giovani basta volerlo: il terminale non rivela la tua eta'.

Quello che pensi o fai, si'.

 

Spataro

06.07.2007 https://www.dicole.com/wp-content/uploads/2007/06/thesis_ryyppo_20070605.pdf



Partecipa anche tu:
  • Cosa pensi della voce ?
  • Commenta o chiedi:
tutti i dati sono facoltativi e informatici e li usiamo solo per rispondervi. No newsletter. Si applica la privacy policy di IusOnDemand srl.


Ti possono interessare anche:
  • 45127
  • 2007-07-06
  • Social Software
  • La gestione della conoscenza e del segreto aziendale nell'epoca del web 2.0: una prima riflessione. Una tesi scritta in Finlandia pochi giorni fa e letta oggi qui a Milano ci stimola non poco.
  • C'era una volta un mondo ordinato.

    Questo e' mio, questo e' tuo, se lo vuoi, mi dai qualcosa.

    Poi venne un matematico a parlare di giochi collaborativi, spiegando, matematicamente, come alcuni giochi non funzionano cosi': funzionano meglio se l'organizzazione si fonda sul non pagare nulla, sul cooperare invece che limitare l'accesso alle risorse.

    SOFTWARE AZIENDALE

    Abbiamo passato anni a spiegare che le aziende non dovevano sottovalutare le proprie conoscenze, fatte di esperienze di validi dipendenti che grazie all'esperienza ed anzianità potevano dare qualcosa di piu' alle aziende.

    Abbiamo spiegato come questo fosse segreto aziendale, legato dal dovere di riservatezza, e abbiamo chiesto di mettere queste informazioni nei contratti di assunzione e con i clienti e fornitori.

    Poi il web 2.0 ha portato il marketing virale nelle aziende: ti spiego come lavoro, anzi, ti permetto gratis di usare il mio lavoro.

    Cosi' Youtube ci fa registrare video e ce li fa mettere nei nostri siti. Senza chiederci nulla.

     

    IL SOCIAL SOFTWARE

    Per social software si intende quella o quelle soluzioni che permettono di condividere risorse con l'aiuto dei clienti che possono diventare anche fornitori.

    Clienti e fornitori restano a costo zero: nessuno paga o spende. Usano gli strumenti gratis, e forniscono altre applicazioni e usi gratis.

    Ma cosi' facendo rendono il servizio condiviso sempre piu' importante ed utilizzato.

    E, grazie alla pubblicità, questo porta soldi.

    Quindi tutto si basa sulla condivisione completa del proprio lavoro.

    Fondamentale pero' e' che il cliente diventi fornitore, non resti un mero succhiainformazioni, lettore passivo, ma faccia qualcosa.

    Un qualcosa che il software organizza creando un valore attorno all'azione del cliente, anche la piu' insignificante.

    Ma se compro una canzone di George Benson Itunes mi propone la Pausini, che mi piace, e io la compro. Perche' qualcuno l'ha fatto prima di me, ed ha i miei stessi gusti.

    Cosi' facendo mi ha segnalato una canzone che non conoscevo e l'ho apprezzata. Io e lui non ci conosciamo ma ci siamo aiutati, e aiutiamo altri ancora dopo di noi.

     

    DOMANI ?

    Sara' dura immaginarsi il domani.

    Le aziende che vorranno continuare con l'economia tradizionale avranno ottimi motivi.

    I giovani pero' hanno raccolto la sfida di farsi forza insieme in un mondo immobile, e stanno facendo cose da non credere.

    Loro. Noi. Chiunque.

    Perche' su internet per essere giovani basta volerlo: il terminale non rivela la tua eta'.

    Quello che pensi o fai, si'.

     

  • https://www.dicole.com/wp-content/uploads/2007/06/thesis_ryyppo_20070605.pdf
  • -
  • spataro
  • -
  • dizionario,web 2.0,social computing
  • S
  • -
  • -
  • 0
  • Ilaw - Lavorare con internet
  • 2
  • 0
  • N
  • -
  • 3686
  • -
  • 0
  • -
  • -
  • -
  • -