Civile.it
/internet
Dizionario - Abbònati - Accedi Segui il meglio del diritto di internet via Telegram o email
 
Civile.it
/internet
Osservatorio sul diritto e telecomunicazioni informatiche, a cura del dott. V. Spataro dal 1999, documenti.

Il dizionario e' stato letto volte. Scarica l'app da o da


  Dal 1999   spieghiamo il diritto di internet  Store  Caffe20  Dizionario  App  Video Demo · Accesso · Iscrizioni    
             

Accesso abbonati:
Password persa ?



Scarica il dizionario:


Per cancellarsi dalla precedente newsletter interna

  


Dal 2016 i testi sono riservati agli abbonati, ma puoi seguire gratis la nostra newsletter

Dizionario 09.01.2017    Pdf    Appunta    Letti    Post successivo  

Fake news

Notizie falsificat

 

Indice

  • Wikipedia
  • Google
  • Tra i motivi delle fake news ve ne sono
  • Pitruzzella
  • Mattarella
  • Commissario
  • Sucate
  • Facebook
  • La verita', peraltro, non e' in quello c
  • Il vero problema e' invece nei silenzi,
F

Fake news letteralmente notizie falsificate, artefatte, costruire e, in definitia, inventate.

Non solo false, ma costruire per essere verisimili, o alimentate.

Vox populi, vox dei e' uno di quei brocardi che evoca una saggezza popolare nel giudizio definitivo su qualche fatto. Oggi con i social tate voce popolare puo' anche essere misurata.

Le fake news sono di due tipi:

  1. di fonte istituzionale
  2. di fonte privata

Tra le piu' celebri possiamo annoverare:

  1. le strisce chimiche degli aerei
  2. l'incendio di Roma attribuito a Nerone che per difendersi l'attribui' ai Cristiani
  3. l'autista polacco che cerco' di impedire al terrorista di buttare l'autobus sul mercatino natalizio a Berlino

Il fenomeno del complottismo da sempre trae profitti sulla credulita' popolare. Cosi' come le maghe e gli imbonitori del futuro.

Oroscopi e dichiarazioni dei politici sono due filoni particolarmente alimentati dall'interesse popolare e dagli intermediari che veicolano queste bufale per profitto.

In tema di bufale tutti conoscono Attivissimo che ha avuto il pregio di proporre un metodo per valutarle. Il metodo da lui seguito consiste nel riconoscere la tipica struttura della bufala, credibile ma troppo tempestiva e iperbollica nelle conseguenze, oltre ad un successivo controllo dei fatti.

Wikipedia e' un esempio di lotta alla bufala. Seguendo le modifiche si cerca di evitarla e smascherare ogni contraffazione citando le fonti e verificandole. La citazione attribuisce la responsabilita' di una affermazione a qualcuno. La liberta' di modifica e commento, in canoni enciclopedici, consente di commentare e dare un significato piu' ampio alle singole dichiarazioni.

In poche parole chiunque puo' scrivere, ma il gruppo dei lettori che controlla le modifiche puo' intervenire quando ritiene che il contenuto sia una bufala o non enciclopedico.

Wikipedia e' entrata nel mirino piu' volte. Mirino dei critici che vedono nel gruppo moderatore una forma di autocensura talvolta solo autocelebrativa. Queste critiche sono sstate spesso sollevate al team italiano, ma anche agli altri team. Ci sono persino servizi online che garantiscono di poter inserire ad arte modifiche utili a qualcuno, ad una azienda, ad un politico.

Il tema pero' e' esploso con Trump. L'algoritmo di Facebook e' stato accusato di aver alimentato e sostenuto la candidatura, quando il fondatore invece ha ribadito che l'algoritmo dovrebbe proporre quello che ognuno vuole leggere, anticipando il bisogno.

Google dal canto suo combatte le pagine inutili, create solo per sviare traffico, ancora una volta usando la reputazione altrui, cioe' il numero di iink esterni e il tempo di permanenza. Cosi', a contrario, per distruggere un sito basta linkarlo da siti di fake news e creare un traffico artificiale di utenti finti che si collegano e scappano dal sito dopo pochi istanti.

Tra i motivi delle fake news ve ne sono due principali: commerciali e politici.

Se il motivo e' invece personale spesso si parla di trollo o psicopatici di varie intensita'. Il tutto pero' dipende da cosa ne pensa la maggioranza dei commentatori.

Nella storia sono gli storiografi che possono cambiare il significato di un evento sulla base dell'analisi delle fonti documentali e non.

Un attento lavoro di ponderazione delle fonti che documentano fatti (diari, cronache, libri, quadri, arte, oggetti, lettere, ...)

Quando a questo lavoro scientifico si sosituiscono istituzioni statali deputate al controllo, si parla a proposito di censura.

Perche' l'autorevolezza di uno storico si fonda sul consenso dei colleghi e del pubblico. Quella delle istituzioni sul potere di decidere e sanzionare, sia pure motivando come in un tribunale dove pero' la decisione resta di uno o pochi.

A cavallo di Capodanno Pitruzzella, presidente dell'antitrust italiano, dichiara in una intervista al financial times che e' opportuno avere una rete europea di agenzie contro le fake news.

Nel discorso di fine anno il presidente della Repubblica Mattarella usa toni incredibili contro internet e il dovere di controllo delle bufale che alterano i risutati elettorali (il referendum perso dal Governo e' sintomatico).

Pochi giorni dopo un commissario europeo indica che e' necessario creare una autorita' europea.

Il web e' insorto unanime, registrando come questa tendenza censoria non sia limitata, ma diffusa in ogni stato. Direi io, diffusa quanto lo e' l'umanita' e la ricerca della verita'.

Clamorosa fu la gaffe involontaria ma provocata sulla moschea di Sucate di un noto esperto di sicurezza informatica, cavaliere di tante battaglie informative, compromettendo la candidatura di un politico.

Le proposte attuali vertono tutte sulla necessita' di poter cancellare contenuti dal web, dimenticando invece tutte le fake news di fonte ufficiale.

Cosa facilitata oggi dal fatto che Facebook e' una internet semplificata, gestitata da una sola entita', e quindi piu' facilmente influenzabile di una pletora indistinta e diffusa di blog.

Il tema e' apertissimo quindi, e ogni induzione in materia viene bollata come complottismo.

La verita', peraltro, non e' in quello che si dice, ma in quello che non si dice e non si dimostra.

Una autorita' che decida scientificamente cosa e' vero e cosa non lo e', non e' democrazia. Il giudice decide sulle diffamazioni, sui procurati allarmi, sui danni causati dalle menzoogne, nelle recensioni, nell pubblicita' comparativa. Caso per caso.

Ma leggere che non vi sono regole a tutela e' una troppo. Ne esistono anche troppe forse.

Gli strumenti devono essere scientifici, non autorevoli. E si possono sviluppare soluzioni informatiche che assistono le imprese, cosi' come gia' dieci anni fa ne sviluppai io per mie esigenze.

Gli algoritmi aiutano efficacemente a decidere, anche usando lo smart computing e i big data. Ma vanno calibrati, e questo resta tipicamente umano.

Ma la decisione finale resta umana. Presa di autorita' significa aver paura del confronto e del saper sostenere le proprie tesi in contraddittorio.

E' il contraddittorio democratico. Impedire il confronto alimenta, da sempre, gli estremismi.

Il vero problema e' invece nei silenzi, nelle omissioni. Chi governa senza spiegare le proprie scelte lascera' sempre spazio ai dubbi.

Il problema delle fake news e' in sostanza questo: le fake news nascono quando chi fa qualcosa non ne spiega in modo trasparente e verificabile le ragioni. Magari puntando sull'emotivita' o spostando l'interesse su temi secondari, operando sugli operatori di comunicazione oggi tutti pesantemente indebitati e tenuti in vita dai contributi pubblici, senza dei quali chiuderebbero domani.

Una societa' debole non e' quella con dubbi., ma quella che vive di sole certezze dettate dall'alto.

Ricevi gli aggiornamenti su Fake news, Dizionario e gli altri post del sito:

Newsletter: (gratis Info privacy)

Spataro : Spataro
09.01.2017 Spataro



altro su Dizionario:


"I clienti, non i concorrenti, decidono chi vince la guerra" - Philip Kotler


Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet su Civile.it dal 1999



Tinyletter - I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - diritti riservati - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - in