civileit-internet

English - Chi siamo - Contatti - Newsletter - Calendario

  Dal 2000 il dott. Spataro spiega il diritto di internet       Store       Servizi     TecnoPraticanti       Podcast/Video     Dizionario       Per iscriversi - Accedi
 


Podcast

Store

Ebook

News

/Civile.it

  

Materia: Partita iva

Aprire una azienda con partita iva in Italia o una all'estero ?

pag.:76491 del: 2011-01-31 - Spataro - fonte: Spataro - Post successivo

Pericolosa ingenuita' sul fronte delle aziende sul web

H

Ho l'idea. Trovo compagni di viaggi, la realizzo.

Poi voglio essere comprato o finanziato: la forma della srl appare la peggiore perche' non permette ad altri di entrare con facilita'.

Aggiungo io, non si possono accettare condizioni contrattuali assurde. Ma questa e' un'altra storia.

Il neo imprenditore italiano fa di tutto per andare all'estero, restando in Italia.

Diciamolo chiaramente: l'esterovestizione di una impresa di fatto italiana con costituzione all'estero non e' ben vista, e non permette di scappare alle norme italiane.

L'italiano che risiede in Italia per la meta' dell'anno e' soggetto alle regole italiane. Stop. Ci sono poi le bollette, le amicizie, i rapporti di parentela: tutte cose che contano anche per il fisco italiano per decidere se siete soggetti alle leggi italiani o meno.

Leggendo su un nuovo gruppo su facebook molto interessante, il tema e' veramente trattato in modo ingenuo.

Vado all'estero cosi' mi finanziano e faccio gli accordi che vogliono gli altri per sostenere la mia idea.

I costi, da chi ha fatto la scelta, sembrano essere simili all'inizio. Quello che pero' solo alcuni ricordano e' che non si puo' scappare dal regime italiano restando in Italia.

C'e' un'altra considerazione: chi vi da' sicurezza che il commercialista sul posto fa tutto il necessario ? E in caso di multe ? Con chi ve la prendete ?

Anni fa qualcuno mi chiese cosa ne pensavo di una azienda Lituana che offriva a pochi euro la costituzione di una societa' nel Regno Unito.

Risposi che regalava soldi a persone che non potevano garantire nulla di quello che promettevano di fare, e che in caso di inadempienze non si sapeva nemmeno davanti a quale corte iniziare per difendere le proprie ragioni.

Insomma: una azienda all'estero si fa se i soci sono all'estero.

Che poi una srl non sia la soluzione migliore per essere acquisiti, significa solamente che oggi il nuovo imprenditore crede di poter fare soldi facendosi vincolare da contratti che impongono solo obblighi.

Lavorare e' qualcos'altro. Le scorciatoie non sono la soluzione.

Ricevi gli aggiornamenti su Aprire una azienda con partita iva in Italia o una all'estero ?, Partita iva e gli altri post del sito:

Newsletter: (gratis Info privacy)

- Spataro



continua

Condividi

  
Store:



Novità:

Nuove regole per i pacchetti turistici
Le novita' della banca dati di procedura civile dell'avv. Foggia
L'indice di gradimento degli enti di pubblico interesse and beta;
Come scegliere un computer economico nel 2016
E-CF
Smart Device Link
Privacy: c'e' una intesa con gli USA. Pero' ...
Ecommerce: nuovi adempimenti entro il 15 febbraio 2016 per le odr
Email e ricatti per computer crittati
Amministrativo.it - III Rapporto sugli Enti - 2015




Spieghiamo contratti, ecommerce, privacy e il diritto di internet dal 1999



I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - autorizzata la copia a uso personale e su blog non commerciali citando la fonte - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso ... Login 0.796