civileit-internet

Chi siamo - Contatti - Newsletter

  Dal 2000 il dott. Spataro spiega il diritto di internet       Store       Servizi       Indice       Dizionario       Podcast/Video       Social page       International Events       Per iscriversi - Accedi
 


Podcast

Store

Ebook

News

/Civile.it

  

Email aziendale - uso personale - licenziamento

pag.:38444 del: 2002-08-24 - Studio Legale Fiammella - fonte: Studio Legale Fiammella - Post successivo


Un provvedimento che ha fatto discutere, anche molto a sproposito. Scriveteci per un approfondimento.

Materia: -

G

GIP del Tribunale di Milano - 10 maggio 2002

Tribunale ordinario di Milano Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari Dott. Andrea Pellegrino

Ordinanza di archiviazione a seguito di opposizione non accolta 10.5.2002 Artt. 409 co.1, 410 c.p.p.

Nel proc. penale sopra epigrafato a carico di C.G. e F.F. entrambi difesi di fiducia dall'avv. A. M. Per il reato di cui agli artt. 51 n. 11, 616, 110 c.p. (in Milano il 31.7.01)Pers. Off.: A. A., dom. ex lege presso il dif. Avv. M. F.

Il Giudice per le indagini preliminari, dott. Andrea Pellegrino

Visti gli atti del procedimento,verificata la ritualità delle notifiche e degli avvisi, sentite le parti intervenute all'udienza camerale del 29.4.02, a scioglimento della riserva ivi assunta

OSSERVA

Con atto presentato presso gli uffici della Procura della Repubblica di Milano in data 7.11.01, l'avv. M. F., nella sua qualità di difensore procuratore speciale di A. A., sporgeva denuncia querela nei confronti dei sigg.ri C. G. e R. F. (la prima, responsabile del reparto di project management della ditta (...); il secondo, legale rappresentante della predetta società) per il reato p. e p. dagli artt. 110 [1], 616 [2],61 n. 11 c.p. [3] nonché per tutti gli altri reati eventualmente ravvisabili dall'Autorità Giudiziaria.

In fatto l'esponente deduceva che la A. in data 13.8.01 aveva ricevuto da parte del proprio datore di lavoro (...) presso la quale aveva svolto in qualità di impiegata mansioni di consultant/account sin dalla data di assunzione avvenuta l'1.9.00) raccomandata datata 6.8.01 del seguente letterale tenore: "il giorno 31 luglio u.s., la sua responsabile (C. G. n.d.r.), durante le normali e periodiche operazioni di lettura della casella aziendale di posta elettronica (cui fanno riferimento i clienti di (...), per i progetti a Lei assegnati) al fine di verificare eventuali messaggi ricevuti durante il Suo periodo di assenza per ferie, si imbatteva in comunicazioni inerenti soluzioni internet inequivocabilmente relative a progetti estranei a quelli attualmente gestiti da (.).". Con successiva missiva del 29.8.01 la A. veniva licenziata dalla ditta (.) per presunta violazione dei doveri inerenti al rapporto di lavoro (licenziamento che la lavoratrice impugnava con rivendicazioni economiche).

Nella denuncia-querela l'esponente deduceva che la condotta della C. e del R. presentava aspetti di rilevanza penale (art. 616 c.p.) avendo i medesimi fatto accesso alla corrispondenza della lavoratrice; corrispondenza - quella contenuta all'interno della sua casella di posta elettronica, al pari di quella effettuata per via epistolare, telegrafica, telefonica ovvero effettuata con ogni altra forma di comunicazione a distanza - la cui segretezza è garantita costituzionalmente. Né si poteva ritenere la ricorrenza di una causa di giustificazione (esercizio di un diritto o adempimento di un dovere) dal momento che in nessun caso - con l'ovvia eccezione, nella specie non ricorrente, dell'ipotesi in cui si abbia motivo di ritenere che in essa siano contenuti elementi comprovanti fatti illeciti che interessino in modo diretto l'agente - è consentito al datore di lavoro di controllare il contenuto dei messaggi di posta elettronica. Ad ogni buon conto occorreva evidenziare che:i messaggi inviati dai clienti erano, senza dubbio identificabili tra quelli contenuti nella casella postale (e ciò si deduceva dal fatto che la stessa società aveva assegnato tali clienti alla A. e le relative comunicazioni erano state oggetto di altri e precedenti controlli da parte della responsabile sig.ra C.);il controllo delle missive dei clienti era superfluo considerato che gli stessi erano in ferie;il controllo dei messaggi a carattere privato fu compiuto quanto la A. era in ferie evidentemente a sua insaputa e con l'avallo dei responsabili della società;non vi era alcuna fondata ragione, al momento del controllo della corrispondenza destinata alla A., da parte della società, per ritenere che in essa vi fossero contenuti elementi comprovanti fatti illeciti interessanti in modo diretto la società stessa.

In data 21.1.02 il P.M. avanzava richiesta di archiviazione del procedimento con la seguente motivazione: "le caselle di posta elettronica recanti quali estensioni nell'indirizzo e-mail @(...).it, seppur contraddistinte da diversi "username" d identificazione e password di accesso, sono da ritenersi equiparate ai normali strumenti di lavoro della società e quindi soltanto in uso ai singoli dipendenti per lo svolgimento dell'attività aziendale agli stessi demandata; considerando quindi che la titolarità di detti spazi di posta elettronica debba ritenersi riconducibile esclusivamente alla società. p.q.m. .omissis". L'opposizione risulta inaccoglibile mentre, di contro, l'archiviazione deve essere disposta ritenuta l'infondatezza della notizia di reato. Dopo aver sgombrato il campo da impropri riferimenti alla normativa contenuta nella legge n. 675/96 relativa al ben diverso (ed assolutamente inconferente) problema della tutela del trattamento dai dati personali, una breve ma doverosa premessa s'impone. La fattispecie dedotta avanti a questo giudice presenta aspetti di novità nell'ambito di una disciplina che solo da tempi relativamente assai recenti ha iniziato a fare la propria comparsa nelle aule giudiziarie. Non può negarsi come la nascita e la diffusione di una nuova tecnologia precedono sempre e significativamente l'affermarsi di una cultura comune e standardizzata nell'utilizzo ad ogni livello del nuovo strumento. La preoccupazione della prima fase è solo quella di acquisire la padronanza, a volte anche solo parziale, dell'uso tecnico del nuovo mezzo o strumento senza alcun interesse (o attenzione) nel valutare le modalità di integrazione semiotica o antropomorfa dalla nuova tecnologia (cfr. il recente esempio della telefonia mobile). A questa regola non è certamente sfuggita la "posta elettronica" di internet. In attesa di una codificazione dei comportamenti ai fini dell'omologazione e dell'accettazione di un uso standardizzato dello strumento, molte sono le problematiche che si sono affacciate con la nascita della "buca delle lettere elettronica", tra queste dividendole per aree tematiche e con specifico riferimento all'utilizzo di tale strumento da parte del lavoratore si possono elencare le seguenti: a) utilizzo anche per fine privato dell'indirizzo di posta elettronica da parte del lavoratore con eventuale esposizione dello stesso sulla carta da visita intestata a proprio nome; b) possesso di un indirizzo "generalista" per cui la posta ivi indirizzata può avere come destinatario un qualunque altro dipendente con conseguente incertezza sulla "consegna"; c) mancata individuazione del mittente (in possesso di un indirizzo in codice o con sigla) che non provvede a sottoscrivere il messaggio ovvero che non si preoccupa di farsi riconoscere rendendosi di fatto anonimo.

Limitando sostanzialmente la nostra analisi alla prima problematica, va detto innanzitutto come non possa mettersi in dubbio il fatto che l'indirizzo di posta elettronica affidato in uso al lavoratore, di solito accompagnato da un qualche identificativo più o meno esplicito, abbia carattere personale, nel senso cioè che lo stesso viene attribuito al singolo lavoratore per lo svolgimento delle proprie mansioni. Tuttavia, "personalità" dell'indirizzo non significa necessariamente "privatezza" del medesimo dal momento che, salve le ipotesi in cui la qualifica del lavoratore lo consenta o addirittura lo imponga in considerazione dell'impossibilità o del divieto di compiere qualsiasi tipo di controllo/intromissioni da parte di altri lavoratori che rivestano funzioni o qualifiche sovraordinate (fattispecie che potrebbe effettivamente indurre a qualche dubbio), l'indirizzo aziendale, proprio perché tale, può sempre essere nella disponibilità di accesso e lettura da parte di persone diverse dall'utilizzatore consuetudinario (ma sempre appartenenti all'azienda) a prescindere dalla identità o diversità di qualifica o funzione: ipotesi, frequentissima, è quella del lavoratore che "sostituisce" il collega per qualunque causa (ferie, malattia, gravidanza) e che va ad operare, per consentire la continuità aziendale, sul personal-computer di quest'ultimo anche per periodi di tempo non limitati. Così come non può configurarsi un diritto del lavoratore ad accedere in via esclusiva al computer aziendale, parimenti è inconfigurabile in astratto, salve eccezioni di cui sopra, un diritto all'utilizzo esclusivo di una casella di posta elettronica aziendale. Pertanto il lavoratore che utilizza - per qualunque fine - la casella di posta elettronica, aziendale, si espone al "rischio" che anche altri lavoratori della medesima azienda che, unica, deve considerarsi titolare dell'indirizzo - possano lecitamente entrare nella sua casella (ossia in suo uso sebbene non esclusivo) e leggere i messaggi (in entrata e in uscita) ivi contenuti, previa consentita acquisizione della relativa password la cui finalità non è certo quella di "proteggere" la segretezza dei dati personali contenuti negli strumenti a disposizione del singolo lavoratore bensì solo quella di impedire che ai predetti strumenti possano accedere persone estranee alla società;E che detto rischio, per essere "operativo", non debba essere preventivamente ed espressamente ricordato al lavoratore è una evenienza che può ritenersi conseguenziale alle doverose ed imprescindibili conoscenze informatiche del lavoratore che, proprio perché utilizzatore di detto strumento, non può ignorare questa evidente e palese implicazione. Né si può ritenere che l'assimilazione della posta elettronica alla posta tradizionale, con consequenziale affermazione "generalizzata" del principio di segretezza, si verifichi nel momento in cui il lavoratore utilizzi lo strumento per fini privati (ossia extralavorativi), atteso che giammai un uso illecito (o, al massimo, semplicemente tollerato ma non certo favorito) di uno strumento di lavoro può far attribuire a chi, questo illecito commette, diritti di sorta. A questo punto, peraltro, il problema muta prospettiva perché non riguarda più l'individuazione ed il diritto di chi "entra" nel computer (e nell'indirizzo di posta elettronica) altrui avendo possibilità di leggere i messaggi di posta elettronica non specificamente a lui destinati, bensì diventa quello di "tutelare" il diritto di chi invia il messaggio (a qualunque contenuto: ossia a contenuto privato ovvero lavorativo) credendo che il destinatario dello stesso sia e possa essere esclusivamente una determinata persona (o una cerchia determinata di persone). E' evidente che questa situazione può trovare tutela rendendo chiaro al proprio interlocutore che l'indirizzo di posta elettronica è esclusivamente aziendale (e, quindi, al di là dell'uso di intestazioni apparentemente personali del lavoratore-principale utilizzatore, lo stesso non è un indirizzo privato secondo quanto precedentemente detto); cosa che può avvenire o usando un inequivoco identificativo aziendale (indirizzato ad un destinatario virtuale) in aggiunta ad altro identificativo personale-nominativo ovvero provvedendo a segnalare adeguatamente al proprio interlocutore (destinatario reale) la circostanza del carattere "non privato" dell'indirizzo. Né può ritenersi conferente ogni ulteriore argomentazione che, facendo apoditticamente leva sul carattere di assoluta assimilazione della posta elettronica alla posta tradizionale, cerchi di superare le strutturali diversità dei due strumenti comunicativi (si pensi, in via esemplificativa, al carattere di "istantaneità" della comunicazione informatica - operante come un normale terminale telefonico - pur in presenza di un prelievo necessariamente legato all'accensione del personal e, quindi, sostanzialmente coincidente con la presenza stanziale del lavoratore nell'ufficio ove è presente il desk-top del titolare dell'indirizzo) per giungere a conclusioni differenti da quelle ritenute da questo giudice.Tanto meno può ritenersi che leggendo la posta elettronica contenuta sul personal del lavoratore si possa verificare un non consentito controllo sulle attività di quest'ultimo atteso che l'uso dell'e-mail costituisce un semplice strumento aziendale a disposizione dell'utente-lavoratore al solo fine di consentire al medesimo di svolgere la propria funzione aziendale (non si possono dividere i messaggi di posta elettronica: quelli "privati" da un lato e quelli "pubblici" dall'altro) e che, come tutti gli altri strumenti di lavoro forniti dal datore di lavoro, rimane nella completa e totale disponibilità del medesimo senza alcuna limitazione (di qui l'inconferenza dell'assunto in ordine all'asserito preteso divieto assoluto del datore di lavoro di "entrare" nelle cartelle "private" del lavoratore ed individuabili come tali, che verosimilmente contengano messaggi privati indirizzati o inviati al lavoratore e che solo ragioni di discrezione ed educazione imporrebbero al datore di lavoro/lavoratore non destinatario di astenersi da ogni forma di curiosità.).Parimenti irrilevante appare l'ulteriore rilievo che anche la posta tradizionale che presenti caratteri inequivoci di "privatezza", non cessi di assumere detto carattere se fatta recapitare al suo destinatario sul posto di lavoro anziché al proprio domicilio dal momento che in questo caso l'inconfondibilità del carattere di privatezza-esclusività (busta chiusa con nominativo del solo destinatario) della corrispondenza non consente di operare un simile confronto! Venendo alla fattispecie dedotta in giudizio, si evidenzia come le indagini esperite (assunzione di sommarie informazioni testimoniali rese da P. F., direttore tecnico nonché responsabile del settore informatico per la filiale italiana della (...) ) abbiano consentito di acclarare che: - all'interno della (...) il lavoratore è depositario di un username e di una password (conosciuti dal solo responsabile tecnico) che vengono utilizzati per entrare nel sistema informatico: identificativi che il singolo lavoratore può in qualsiasi momento modificare; - l'accesso a tutti gli strumenti aziendali (e-mail compresa) è funzionale all'occupazione del dipendente; - la funzione svolta dagli identificativi non è quella di proteggere i dati personali contenuti negli strumenti a disposizione del singolo lavoratore bensì quella di proteggere i predetti strumenti dall'accesso di persone estranee alla società; - è prassi comune fra i dipendenti dell'azienda fornire volontariamente i propri dati d'accesso ad altri lavoratori con funzioni societarie equivalenti onde permettere la continuazione delle relative funzioni in propria assenza; - nel normale uso dello strumento viene anche tollerato un uso extra-lavorativo della e-mail senza tuttavia che si verifichi un mutamento della destinazione dello strumento, che è quello esclusivo della comunicazione con colleghi e clienti: in ogni caso non viene consentito, anzi è assolutamente vietato, l'utilizzo dello spazio di posta elettronica per motivi personali; - l'indirizzo di posta elettronica dei dipendenti della società si compone, da sinistra a destra, del nome e del cognome del lavoratore seguiti dal simbolo @ e dal nome della società (...).it.

Tutte queste circostanze di fatto attestanti le consuetudini lavorative all'interno dell'azienda e le condotte dei dipendenti sono conformi alle premesse sopra esposte e consentono di escludere la configurabilità a carico degli indagati di fattispecie delittuose. Fermo quanto precede, si può concludere ritenendo che: - la A., così come gli altri lavoratori con mansioni e qualifica pari o assimilabili, era tenuta, secondo una consuetudine che non abbiamo difficoltà a ritenere universale, a segnalare (ovvero a non mantenere segreta nel caso di successiva modificazione) la propria password per consentire a qualunque altro suo collega di poterla adeguatamente sostituire durante la sua assenza dal lavoro; - la A., nell'utilizzazione della casella di posta elettronica della società, non poteva non sapere che alla medesima, indipendentemente dalla sua presenza in società, vi poteva avere lecito accesso qualunque altro suo collega (e, ovviamente, il datore di lavoro) al fine del disbrigo delle incombenze lavorative connesse alle mansioni (invio e ricezione di comunicazioni di lavoro con colleghi e clienti).

Fermo quanto precede, da ultimo va detto che quand'anche - per assurdo, atteso quanto sin qui esposto - si volesse ritenere che con la loro condotta la C. e il R. nelle rispettive diverse qualità, entrando nella casella di posta elettronica in uso alla lavoratrice abbiano commesso nei confronti della stessa un'illecita intromissione in una sfera personale privata, nondimeno la configurabilità del reato di cui all'art. 616 c.p. verrebbe ugualmente esclusa sotto il profilo soggettivo attesa la totale mancanza di dolo nella loro condotta; l'accesso alla casella di posta elettronica dell'A. è avvenuta per motivi assolutamente connessi allo svolgimento dell'attività aziendale, oltre che in assenza della lavoratrice: in una situazione, cioè, nella quale non vi era altro modo per accedere a quelle necessarie informazioni e comunicazioni che, diversamente, se non ricevute ovvero recepite con ritardo, avrebbero potuto arrecare un evidente danno (economico e non solo) per la società. Da qui il rigetto dell'opposizione e l'archiviazione del procedimento.

Visti gli artt. 408 e segg. C.p.p. P.Q.M. rigetta l'opposizione proposta nell'interesse della persona offesa A. A. in data 14.2.02; dispone l'archiviazione del procedimento e ordina la restituzione degli atti al Pubblico Ministero. Manda la Cancelleria agli adempimenti di competenza.Milano, lì 10.5.2002

Il Giudice per le Indagini Preliminari Dott. A. Pellegrino

Ricevi gli aggiornamenti su Email aziendale - uso personale - licenziamento, - e gli altri post del sito:

Email: (gratis Info privacy)





Link: http://www.fiammella.it/GIP%20Milano%202002%20post
- Studio Legale Fiammella




continua

Condividi

comments powered by Disqus
  
Store:



Novità:

Il mondo dell'ecommerce e dei b and b
La marchesa usci' alle 5: Radio 6 ritrasmette una famosa trasmissione sull'arte della scrittura
Bill of rights: Quintarelli, Rodota', Pierani ... ma attenzione all'ordine.
Estate: come scegliere tra tablet o ultrabook ?
App clonate
Garante Privacy a Google:
La guida definitiva agli stage in azienda
Come scrivere un contratto: il nostro tempo e il nostro lavoro e' tutto uguale ?
Gaming, fisco e le cose da sapere
Ancora su oblio e diritto ad informare: bibliotecari o giornalisti ?







- Indice argomenti
- Indice cronologico
- Commenti
- Dizionario
- Newsletter

- Adsl
- Agcom
- Albo informatici
- Amministratori
- Antipirateria
- Aste
- AudioLibri
Autoregolamentazione
- Bill of rights
- Bollino Siae
- Bullismo

- Censura
- Cnu
- Codici
- Collettività
- Computer Crimes
- Computer Forensic
- Consulting
- Controllo contratti
- Controllo sito
- Copyright
- Creative commons
- Crimes
- Crittografia
- Cybersquatting
- Ddl Levi
- Deontologia
- Deposito legale
- Dialer
- Diffamazione
- Diretta web
- Decr. Romani
- Diritto di seguito
- Disclaimer
- Domain
- Download
- Dns
- E-Commerce
E-Communication
- Editoria e blog
- E-Document
- E-Government
- E-Procurement
- E-mail e aziende
- Europa
- File sharing
- Fattura
- Film
- Firma
- Flat
- Fotografie
- Framing
- Frasi celebri
- Google
- Hadopy, p2p
- Hardware
- Homolaicus
- Iptv
- ISOC Csig 2007
- Legge stampa
- Licenze
- Linux
- Mac
- MediaeMinori
- Microsoft
- Minori
- Musica
- Netiquette
- Open source
- P2p
- Partita Iva
- Phishing
- Podcast
- Privacy
- Promotion
- Pubblicità
- Posta certificata
- ProcessoTelematico
- Radio
- Rettifica
- Rfid
- Roc
- Siae
- Sicurezza
- Software
- Spamming
- Streaming
- Ucg
- Video on demand
- Videogiochi
- Videotel
- Vista bugs
- Vividown
- Web2.0
- WebMaster
- Webosophy
- WebTv
- Wi-Fi


I lettori mi stanno chiedendo approfondimenti da realizzare in corsi video e audio.

Li trovate nello store, mese dopo mese, a questo link.

Proponi anche tu un corso per approfondire un tema tra quelli trattati su questo sito. Lo mettero' in vendita online. Grazie.

dott. Valentino Spataro



I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl p.iva 04446030969 - autorizzata la copia a uso personale e su blog non commerciali citando la fonte - Privacy - Condizioni d'uso ... Login 0.12